Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FOTO
MESSICO
3 ore
La barriera anti-vandali diventa un memoriale per le vittime di femminicidio
I nomi di centinaia di donne uccise nel 2020 hanno trasformato la recinzione metallica attorno al Palazzo nazionale
STATI UNITI
3 ore
Un nuovo studio sulle varianti: «Sfuggono agli anticorpi monoclonali»
I ricercatori spingono quindi per «rivedere le terapie» e «svilupparne di nuove»
BRASILE
3 ore
Lula scagionato, potrà correre contro Bolsonaro
La sentenza è arrivata oggi. Anche se l'ex-presidente non si è ancora pronunciato, c'è chi ci spera
FOTO
SVEZIA
6 ore
Stufi di un lockdown che non c'è
Sabato scorso, circa 600 persone hanno manifestato nel centro di Stoccolma. Una prima nel paese scandinavo
ITALIA
6 ore
Un treno fra Roma e Milano che non lascia salire il Covid
Tampone prima di salire, e cordone sanitario, ma bisognerà arrivare in stazione un'ora prima. L'idea in vista dell'estate
FOTO
STATI UNITI
7 ore
Processo ritardato per l'assassino di George Floyd
Uno dei capi d'imputazione (il più importante) potrebbe cambiare. Intanto fuori dal tribunale sfilava #blacklivesmatter
STATI UNITI
9 ore
Nuove regole per i vaccinati
Concesse alcune visite senza mascherina né distanziamento sociale
ITALIA
9 ore
Covid, l'Italia supera i 100'000 morti
La seconda ondata ha già provocato nella Penisola il doppio delle vittime rispetto alla prima
ITALIA
9 ore
Bolzano, fu il figlio a strangolare i genitori e gettarli nell'Adige
Reo confesso, il 30enne chiude un caso
SIRIA
10 ore
Assad e la moglie hanno preso il Covid
La coppia «è in buona salute» e si isolerà per tre settimane
SENEGAL
11 ore
Liberato il leader dell'opposizione Sonko
Il governo si era preparato al primo dei tre giorni di proteste minacciati domenica, mettendo i blindati nelle strade
UNIONE EUROPEA
11 ore
«Lo Sputnik V? Come la roulette russa»
Christa Wirthumer-Hoche ha dichiarato che non ci sono ancora dati sufficienti per l'autorizzazione
ITALIA
22.01.2021 - 21:500
Aggiornamento : 23:17

Lombardia arancione con le polemiche

L'Istituto superiore di sanità italiano ha rivisto la stima a seguito dei nuovi dati ricevuti dalle autorità

ROMA - La Lombardia passa da domenica in zona arancione dopo che un «errore» nel calcolo dell'Rt la settimana scorsa aveva fatto scattare le misure più restrittive previste per la zona rossa.

Ed è scambio di accuse tra la Regione e il Governo italiano su chi debba assumersi la responsabilità della valutazione errata, che ha imposto la chiusura per una settimana dei negozi e il divieto di spostamento anche all'interno dei comuni.

«Abbiamo sempre fornito informazioni corrette, puntuali e precise, a Roma devono smetterla di calunniare la Lombardia», attacca il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana al quale replicano ministero e Istituto superiore di Sanità (Iss): è stata la Regione a inviare i dati che la collocano in zona rossa e che poi lei stessa ha rettificato, cambiando il numero dei soggetti sintomatici notificati.

Il dato "incriminato" su cui si consuma lo scontro riguarda l'Rt ed è quello del monitoraggio relativo alla settimana dal 4 al 10 gennaio, aggiornato al 13, quindi 48 ore prima della riunione della cabina di regia che ha decretato la zona rossa. Nel documento si riporta che «due Regioni e province autonome (Bolzano e Lombardia) hanno un Rt puntuale maggiore di 1,25 anche nel limite inferiore, compatibile quindi con uno scenario di tipo 3».

La Lombardia, in particolare, aveva un Rt pari a 1,4 - con un valore inferiore di 1,38 e un valore massimo di 1,43 - e una classificazione complessiva del rischio alta. Numeri che, in base ai parametri introdotti con il decreto del 13 gennaio, fanno scattare automaticamente la zona rossa.

«Una sovrastima» - Secondo la Lombardia, però, quel numero è frutto di una «sovrastima da parte dell'Istituto superiore di Sanità» dovuta a un errore di valutazione: i tecnici della cabina di regia non avrebbero tenuto conto della circolare del 12 ottobre firmata dal ministro della Salute italiano Roberto Speranza con la quale si è stabilito che per dichiarare guarito un paziente basta un solo tampone molecolare e non più due. E non avrebbero tenuto conto della «distonia» tra il dato relativo all'Rt e tutti gli altri indicatori, evidenziata già venerdì scorso dalla Regione.

«Chi ha sbagliato paghi» - Ricostruzione che il leader della Lega Matteo Salvini usa per chiedere conto all'esecutivo. «Se 10 milioni di cittadini lombardi sono stati rinchiusi in casa in base a dati e valutazioni sbagliate del governo - dice il leader della Lega - saremmo di fronte a danni morali ed economici enormi, chi ha sbagliato paghi».

La risposta dell'Iss - Fonti del ministero della Salute e lo stesso Iss fanno però notare che quegli stessi dati, una volta analizzati dalla cabina di regia, sono stati «ripetutamente validati dalla stessa Regione». Ed è stata sempre la Lombardia a rettificarli. Come, lo spiega l'Iss in una relazione. Il 20 gennaio la Regione ha comunicato una rettifica del numero di casi sintomatici, che sono gli unici che rientrano nel calcolo dell'Rt. E questo ha comportato che dai 14'180 casi con data di inizio sintomi nel periodo 15-30 dicembre che avevano i criteri per essere confermati come sintomatici indicati dalla Lombardia il 13 gennaio, la settimana dopo, il 20 gennaio, si è passati a 4'918. Cosi l'Rt è passato da 1,4 a 0,88, con la regione che resta «a rischio alto ma in presenza di uno scenario di trasmissione compatibile con uno scenario 1».

Le polemiche probabilmente proseguiranno anche nei prossimi giorni e non è affatto escluso che piovano ricorsi e richieste d'indennizzo. «Un errore come questo - dice non a caso il viceministro dello Sviluppo Economico ed esponente di punta dei 5s lombardi Stefano Buffagni - è costato caro alle nostre partite Iva, ai nostri negozianti e ai nostri professionisti».

Di certo c'è però un fatto e lo ha confermato anche l'Iss parlando di «rivalutazione del monitoraggio alla luce della rettifica» dei dati: la Lombardia, da domenica, sarà in arancione. Speranza firmerà l'ordinanza nelle prossime ore, così come per la Sardegna, che ha un Rt a 0,95 e un rischio alto. Ennesima regione che abbandona il giallo, la zona con le restrizioni minori, in cui rimangono ormai solo Basilicata, Campania, Molise, Toscana e provincia di Trento.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-09 03:28:16 | 91.208.130.85