Keystone
THAILANDIA
19.01.2021 - 15:360

43 anni di carcere per aver criticato la monarchia

È la condanna più dura mai emessa sulla base della legge "sulla lesa maestà"

BANGKOK - Una ex funzionaria pubblica è stata condannata a 43 anni e sei mesi di carcere per aver insultato la monarchia thailandese.

Lo riferisce il Guardian. Si tratta della condanna più dura mai emessa in base alla rigorosa legge sulla lesa maestà del regno.

La donna, 60enne, è stata accusata di aver pubblicato delle clip audio su Facebook e YouTube con commenti ritenuti critici nei confronti della monarchia, secondo il gruppo Thai Lawyers for Human Rights.

Inizialmente era stata annunciata una condanna a 87 anni, ma è stata dimezzata perché si è dichiarata colpevole.

Secondo la legge in questione, chiunque «diffami, insulti o minacci il re, la regina, o gli eredi» può affrontare da tre a 15 anni di prigione per ogni accusa. La donna è stata giudicata colpevole di 29 capi d'accusa di violazione della legge.

Esperti dell'Onu e gruppi per i diritti umani hanno criticato aspramente tale legge, sottolineandone i criteri di diffamazione e le severe sentenze. Chiunque può infatti presentare una denuncia contro un'altra persona in base alla legge.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 03:52:05 | 91.208.130.85