keystone-sda.ch (MATTEO CORNER)
Restrizioni in Italia anche durante le festività natalizie, per scongiurare il rischio di una terza ondata.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
6 ore
Italia, il decreto c'è: coprifuoco alle 23 da mercoledì
Ristoranti aperti a pranzo e cena anche all'interno dal 1° giugno. Nessuna data, invece, per le discoteche.
ITALIA
10 ore
Nuovo decreto Covid in arrivo: ridotto il coprifuoco, ristoranti aperti a giugno
È quanto è emerso dalla "Cabina di Regia" delle autorità italiane, guidata dal premier Mario Draghi
GERMANIA
11 ore
«Ai vaccinati con AstraZeneca siano date più libertà già dopo la prima dose»
A chiederlo sono i medici di famiglia tedeschi. L'obiettivo è che il vaccino non risulti sfavorito rispetto agli altri.
UNIONE EUROPEA
12 ore
Il vaccino Pfizer può essere conservato in frigorifero per un mese
Lo ha comunicato l'Ema: la modifica «avrà un impatto significativo sulla pianificazione e logistica» della campagna
SPAGNA
13 ore
Trapianto di cuore da record su una bimba di 2 mesi
L'organo utilizzato era già in arresto, poi il battito è stato recuperato.
ITALIA
14 ore
Stop al vaccino italiano ReiThera: «Un fulmine a ciel sereno»
Non si può procedere a causa dei finanziamenti bloccati, la delusione dei ricercatori: «Non ce lo meritiamo»
TERRITORI PALESTINESI
14 ore
Sono 220 le vittime «dell'aggressione israeliana»
Chiesta un'indagine indipendente per chiarire le ragioni dell'attacco alla sede di AP e al-Jazeera
LE FOTO
STATI UNITI
16 ore
Crolla un ponte, deraglia il treno
I residenti nella zona sono stati evacuati poiché il convoglio trasportava «sostanze pericolose»
FOTO
ISRAELE
16 ore
Crollo nella sinagoga, «l'evento era vietato»
L'edificio non era agibile, non essendo ancora completato
ITALIA
28.11.2020 - 08:180

Italia, si va verso un Natale con le regioni blindate

L'obiettivo principale è di scongiurare una terza ondata

ROMA - Ristoranti chiusi a Natale e Santo Stefano, coprifuoco alle 22 anche a San Silvestro, Regioni blindate. In Italia il Natale del Covid prende forma tra le pieghe della discussione del governo sul nuovo decreto del presidente del consiglio dei ministri (dpcm).

Le decisioni non sono definitive, anche perché le opinioni su alcune delle norme divergono. Ma al termine, ieri sera, di un vertice fiume del premier italiano Giuseppe Conte con i capi delegazione di maggioranza, sembra prevalere la linea di chi vuole blindare il Natale, per limitare i rischi della terza ondata. E quindi: spostamenti tra le regioni solo per i residenti, chiusura di bar e ristoranti alle 18, orari prolungati per i negozi per evitare assembramenti ma con coprifuoco rigido alle 22, anche nelle vigilie di Natale e Capodanno.

I nodi da sciogliere sono ancora molti: da confermare l'idea d'introdurre una quarantena di 15 giorni per chi, nel periodo natalizio, rientri dall'estero. Un nuovo vertice dovrebbe esserci, anche per tornare a parlare di Recovery fund, già nel pomeriggio di sabato. Di scuola a Palazzo Chigi si dibatte quando è ormai notte, ma una decisione non viene presa. Sembra prevalere l'orientamento di chi vorrebbe riportare in classe anche le superiori da gennaio, ma il pressing della ministra Lucia Azzolina con M5s e Iv per smettere la didattica a distanza a dicembre è forte. La riunione viene sospesa senza una decisione finale.

È deciso invece che il dpcm che sarà in vigore dal 4 dicembre confermerà la divisione del paese in zone rossa, arancione e gialla. Ma la consapevolezza è che, se la curva dei contagi proseguirà il suo trend, a metà dicembre tutta l'Italia sarà gialla. Perciò è sulle regole per le Regioni gialle che si sta concentrando il lavoro del governo, fermo restando per quelle rosse e arancioni tutte le restrizioni, che vanno dalle chiusure di bar e ristoranti, a quelle dei negozi nelle aree rosse.

Nonostante i dubbi del premier Conte e il pressing di Italia Viva, sembra resistere l'idea di mantenere il coprifuoco dalle 22 alle 6 del mattino anche nei giorni delle feste: un orientamento che spiega anche quanto detto giovedì dal ministro Francesco Boccia alle regioni, circa la necessità di contenere tutte le attività entro le 22 inclusa la messa di Natale (sul punto un'interlocuzione è in corso con la Conferenza episcopale italiana).

Per i ristoranti dovrebbe restare la chiusura dalle 18 e il blocco dovrebbe diventare totale a Natale e Santo Stefano. I negozi potranno restare aperti fino alle 21 o anche oltre, purché riescano a rispettare e far rispettare l'obbligo di coprifuoco alle 22. Quanto al nodo degli spostamenti, una discussione è ancora in corso: la regola di base dovrebbe essere quella di vietare di muoversi anche tra Regioni gialle a partire da una certa data (da definire) ma gli 'aperturisti' spingono per deroghe per chi abbia domicilio in una regione diversa da quella di residenza e per i ricongiungimenti familiari.

Nella riunione fiume a Palazzo Chigi si trattano anche altri temi non legati al Covid, dal Recovery fund al Mes, che continua ad agitare la maggioranza: il M5s vuole garanzie sul non utilizzo in futuro dei fondi, ma il Pd concede al più di separare i temi della riforma del Recovery, su cui lunedì il ministro Roberto Gualtieri riferirà alle Camere, da quello della richiesta del prestito Mes.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-18 04:49:25 | 91.208.130.89