Keystone
La Lombardia resta la Regione più colpita d'Italia.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
Cina
32 sec
Gli sconosciuti che danno le caramelle ai bambini per spiarli
Un nuovo rapporto rivela le strategie di Pechino «per eliminare il dissenso»
ITALIA
2 ore
Fondazione Open, tra gli indagati c'è anche Matteo Renzi
La Procura di Firenze ha concluso le indagini sulla fondazione che ha sostenuto le idee politiche dell'ex Premier.
Afghanistan
4 ore
Figli ceduti ai creditori per sanare i debiti: la povertà in Afghanistan
Il racconto di una madre disperata: «Se la vita continuerà a essere così orribile, ucciderò i miei figli e me stessa»
LE FOTO
SPAGNA
4 ore
Quei cani ostaggio della lava e la missione con un drone per salvarli
L'obbiettivo è acciuffarli con un drone dotato di una larga rete e trasportarli al sicuro, ma le insidie sono diverse
REGNO UNITO
5 ore
C'è un'altra variante "Delta Plus" sotto la lente
La sua prevalenza è in crescita nel Regno Unito ma per ora non desta preoccupazione. Più contagiosa? «Forse del 10-15%».
GERMANIA
5 ore
Governo "semaforo", le trattative al via giovedì?
A capo dell'esecutivo, nel ruolo di primo cancelliere del dopo Merkel, ci sarà probabilmente Olaf Scholz
ITALIA
6 ore
Senatrice in aula senza Green Pass: «Mi rifiuto». Stop alla seduta
Sospesi i lavori in senato in seguito al caso di Laura Granato, per cui è stata convocata una riunione d'urgenza
Germania
7 ore
«Chi va a letto con il capo ottiene un lavoro migliore»
Un'inchiesta del New York Times scoperchia il quotidiano tedesco Bild: «una cultura di sesso, giornalismo e denaro»
UNIONE EUROPEA
9 ore
«Un ricatto inaccettabile per chi, come noi, ha combattuto il Terzo Reich»
Toni molto accesi oggi al Parlamento europeo, dove si rinnova lo scontro sulla sovranità fra Ue e Polonia
STATI UNITI
10 ore
Condannata per un aborto spontaneo
La donna è stata condannata a quattro anni di prigione per omicidio colposo.
Haiti
10 ore
17 milioni per i 17 americani rapiti
Tra le vittime del rapimento, anche cinque bambini. Il più piccolo ha due anni
ITALIA
07.11.2020 - 21:090

Il boom di casi spaventa le Regioni

L'aumento dei contagi potrebbe portare a nuove chiusure e a nuove "zone rosse".

Diverse manifestazioni di protesta in tutta Italia. Intanto a Milano, il sindaco Beppe Sala invita tutti «a stare a casa». E anche in altre città l'allerta rimane molto alta con i sindaci che promettono nuove strette locali.

ROMA - Il numero di nuovi contagi giornalieri in Italia si avvicina inesorabilmente verso quota 40 mila con il totale degli attualmente positivi che sfonda il muro dei 500 mila (per l'esattezza 532.536), portando al 17,1% il tasso di positività. Dati che fanno paura alle Regioni, con il fiato sospeso in attesa di conoscere i risultati del nuovo monitoraggio del ministero italiano della Salute, che dalla prossima settimana peraltro sarà pubblicato online. Il timore che i nuovi rapporti settimanali possano portare a nuove chiusure è palpabile, mentre i governatori studiano eventuali ulteriori restrizioni per contenere la curva dei contagi.

Il bollettino di oggi parla di 39'811 nuovi casi e 425 vittime. Quasi un terzo arriva dalla "rossa" Lombardia dove il tasso di positività raggiunge il 25%. Vale a dire che una persona su quattro che si sottopone a tampone risulta positiva. Nella sola Milano i nuovi casi sono 1'758. «Questo è il momento di tenere duro, di non fare troppo i sofisti e cercare di uscirne presto», le parole del sindaco, Beppe Sala, che ha invitato i milanesi a stare in casa. E non poche sono le iniziative prese dai singoli comuni. A Bari, per esempio, il sindaco Antonio Decaro ha disposto maggiori controlli nei punti vendita della grande distribuzione sottolineando come le sue «sollecitazioni nei confronti del governo a individuare prescrizioni che potessero prevenire tale situazione sono rimaste inascoltate». A Crotone, invece, il sindaco ha annunciato la chiusura di tutte le scuole da lunedì e per i successivi 15 giorni. A Lerici si corre sul lungomare solo all'alba e dopo il tramonto.

E sui dati trasmessi a Roma dalle Regioni italiani si accendono ora anche i fari delle procure. Quella di Genova, per esempio, sta verificando «cosa sia stato inviato al ministero della Salute e se siano dati corrispondenti alla realtà del nostro territorio». A sollecitare l'iniziativa della magistratura sono state le immagini di pazienti in ambulanza in attesa per ore prima di essere visitati negli ospedali di una regione, la Liguria, inserita nella zona "gialla", quella cioè, a più basso rischio.

Alle limitazioni, poi, vanno di pari passo anche le manifestazioni, ormai in ogni angolo d'Italia. A Roma, oggi, sono scesi in piazza ambulanti, movimenti, lavoratori dello spettacolo e studenti che dalla sede del ministero italiano dei Beni Culturali hanno sfilato lungo le strade della città fino a porta Pia. «Tu ci chiudi ora ci paghi», lo slogan dei manifestanti. Nella notte, a Cagliari invece, alcune persone hanno violato il coprifuoco e bruciato una grande bandiera tricolore. A Torino, invece, circa 200 manifestanti - appartenenti a centri sociali, sindacati di base, No Tav e collettivi universitari - si sono riuniti sotto il palazzo della Regione Piemonte. A Milano, infine, sono scesi in piazza il Coordinamento Nazionale per il diritto alla Salute e la Campagna Dico 32 per chiedere ancora il commissariamento della sanità lombarda.

In Sicilia chiude l'Assemblea regionale in seguito alla positività di uno dei deputati, Giuseppe Laccoto d'Italia Viva. In Veneto, dove i casi hanno subito un'impennata, la pressione sugli ospedali spinge la Regione verso la "fase 4", quella da semaforo arancione, in cui anche le attività chirurgiche programmate vengono sospese. Pronto soccorso al collasso, invece, a Empoli, in Toscana, mentre nuovi focolai si registrano in diverse Residenze sanitarie assistenziali di tutto il Paese. A Foggia sono risultati positivi tutti i 70 ospiti di una struttura, compresi 28 dipendenti. E, dopo i buoni risultati della prima notte da coprifuoco archiviata sostanzialmente senza particolari problematicità, domani scatterà l'esame dei centri commerciali che dovranno chiudere le saracinesche come previsto dal nuovo decreto del governo italiano.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-19 23:38:40 | 91.208.130.85