Keystone
Da sinistra a destra: il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki, l'omologo ceco Andrej Babiš e quello ungherese Viktor Orbán
UNIONE EUROPEA
02.04.2020 - 10:380
Aggiornamento : 12:52

Asilo: l'Ue condanna Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca

Accolti i ricorsi per inadempimento presentati dalla Commissione europea contro i tre Stati membri.

LUSSEMBURGO - Rifiutando di conformarsi al meccanismo temporaneo di ricollocazione dei richiedenti asilo creato nel 2015, la Polonia, l'Ungheria e la Repubblica Ceca sono venute meno agli obblighi definiti dal diritto dell'Unione Europea. Lo ha stabilito la Corte di giustizia dell'Ue, che ha accolto i ricorsi per inadempimento presentati dalla Commissione europea contro i tre Stati membri, i quali sono ora tenuti a rispettare la sentenza.

Da un lato, la Corte ha riscontrato l'esistenza di un inadempimento da parte dei tre paesi di una decisione che il Consiglio europeo aveva adottato il 22 settembre 2015 per ricollocare su base obbligatoria, dalla Grecia e dall'Italia, 120'000 richiedenti protezione internazionale verso gli altri Stati membri dell'Unione.

Dall'altro, i giudici hanno constatato che la Polonia e la Repubblica Ceca erano venute meno anche agli obblighi derivanti da una decisione anteriore (14 settembre 2015) che il Consiglio europeo aveva adottato per il ricollocamento, su base volontaria, di 40'000 richiedenti asilo dalla Grecia e dall'Italia. L'Ungheria, invece, non era vincolata dalle misure previste da quest'ultima decisione.

Dopo l'adozione delle decisioni del Consiglio europeo per alleviare la pressione esercitata dai flussi migratori su Italia e Grecia, la Polonia aveva affermato di essere in grado di ricollocare rapidamente nel suo territorio 100 persone, senza però mai dare seguito a tale annuncio. L'Ungheria, invece, non aveva in alcun momento indicato un numero di persone che avrebbe accolto. Nel febbraio e nel maggio 2016, la Repubblica Ceca aveva dichiarato di poter accogliere sul proprio territorio 50 persone. Di queste, solo 12 erano state effettivamente ricollocate dalla Grecia, senza che Praga assumesse nessun altro impegno.

Con la sentenza odierna, la Corte ha accolto i ricorsi per inadempimento presentati dalla Commissione europea contro i tre Stati membri, stabilendo che questi ultimi non possono invocare né le loro responsabilità in materia di mantenimento dell'ordine pubblico e di salvaguardia della sicurezza interna, né il presunto malfunzionamento del meccanismo di ricollocamento per sottrarsi all'applicazione del meccanismo stesso.

Polonia, Ungheria e Repubblica Ceca sono ora tenute a conformarsi alla sentenza. In caso contrario, la Commissione potrà proporre un altro ricorso chiedendo delle sanzioni pecuniarie.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Galium 1 anno fa su tio
La UE ha completamente ragione. Questi paesi godono di moltissimi aiuti e non accettano nemmeno di accogliere qualche profugo.
Tato50 1 anno fa su tio
@Galium È da tempo che questa storia va avanti e mi sembra inutile fare la voce grossa. Basta tagliare gli aiuti (ci sono anche i nostri) e forse........ Meglio accanirsi sull'Italia che sfora del 2% mentre alla Francia non dicono nulla quando è arrivata quasi al 5%. Comandano in tre in quell'associazione a delinquere ;-(
tazmaniac 1 anno fa su tio
se li prendano ORA Germania e Francia...c'est plus facile...treno diretto senza fermate.
VECCHIOTTO 1 anno fa su tio
Mandarli tutti a spese loro negli alloggi dei vari governanti poi se ne può riparlare.
Tato50 1 anno fa su tio
Buttateli fuori !!!! Sono quelli che usufruiscono di più della mastodontica cifra che paghiamo all'UE dove figura anche l'aiuto alla gestione dei profughi. Ma se non ne hanno ? Li usano per investire nell'industria assumento rumeni a basso costo e un giorno saranno i nostri concorrenti; pagati da noi poi ;-(( L'UE fa la voce grossa con quelli che sono a norma e ogni tanto si ricordano di chi non lo è ;(((
seo56 1 anno fa su tio
UE ridicola!!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-18 18:30:05 | 91.208.130.89