Keystone / Petrone 2020
A destra il frammento di cervello vetrificato analizzato.
ITALIA
23.01.2020 - 17:000

Ercolano, trovati i resti del cervello di una vittima dell’eruzione del 79 d.C.

L'eccezionale scoperta è stata pubblicata sul New England Journal of Medicine. I frammenti furono rinvenuti inizialmente negli anni '60

ERCOLANO - È una scoperta che ha del sensazionale quella annunciata oggi dal Parco Archeologico di Ercolano. Un team di ricercatori - guidato da Pier Paolo Petrone, dell’Università Federico II di Napoli - ha rinvenuto i resti di cervello di una delle vittime della storica eruzione del Vesuvio, che nel 79 d.C. riversò valanghe di cenere bollente su Pompei ed Ercolano, uccidendo istantaneamente tutti gli abitanti.

I risultati dello studio sui resti sono stati pubblicati dal New England Journal of Medicine, rivista medica leader a livello mondiale. I frammenti furono rinvenuti durante alcuni scavi effettuati negli anni ‘60. Nella cenere vulcanica furono rinvenuti un letto di legno e i resti carbonizzati di un uomo che - secondo gli archeologi - dovrebbe essere il custode del Collegio consacrato al culto di  Augusto.

Nel materiale vetroso scoperto nel cranio della vittima sono state identificate diverse proteine e acidi grassi, normalmente presenti nei tessuti cerebrali e nei capelli umani.

Una scoperta unica - Secondo gli studiosi, l’elevato calore sarebbe stato tale da bruciare il grasso e i tessuti corporei della vittima, causando la vetrificazione del cervello. Se la conservazione dei tessuti cerebrali è già di per sé un evento molto raro, il caso di Ercolano costituisce un unicum nel suo genere. È infatti la prima volta che vengono scoperti resti di un cervello umano vetrificati per effetto del calore di un’eruzione.

Petrone 2020
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-07 16:55:11 | 91.208.130.87