Keystone (archivio)
CINA / STATI UNITI
16.11.2019 - 21:280

«Nessuna pietà con gli uiguri», la stretta finisce sul New York Times

Il quotidiano ha pubblicato oltre 400 pagine di documenti riservati sul giro di vite di Pechino contro le minoranze etniche musulmane nella regione di Xinjiang

di Redazione
ats/ansa

PECHINO - La più grande fuga di notizie da Pechino da decenni: il New York Times pubblica più di 400 pagine di documenti interni che descrivono il giro di vite della Cina contro le minoranze etniche musulmane nella regione di Xinjiang, prendendo di mira gli uiguri ma anche i kazaki rinchiusi in campi di prigionia o nelle carceri. Tra le carte, anche discorsi del presidente Xi Jinping che nel 2014 esortò a non avere «alcuna pietà» nei confronti degli uiguri.

Dai documenti trapela inoltre la volontà di Pechino di allargare le restrizioni all'islam ad altre parti della Cina. Ma anche manuale distribuito alle forze dell'ordine della regione di Xinjiang per spiegare agli studenti, in visita alle loro famiglie, perché i loro cari fossero spartiti da casa. Già alla stazione, al rientro dal semestre scolastico, gli studenti venivano avvicinati e veniva spiegato loro che i genitori si trovavano in «scuole di addestramento» del governo e che quindi non potevano vederli. Nel caso di insistenza dei ragazzi, gli agenti erano autorizzati a minacciare velatamente i giovani, ai quali poteva essere detto che dal loro comportamento sarebbe dipesa la lunghezza della permanenza dei genitori nelle "scuole".

Il New York Times descrive i documenti ottenuti come la maggiore fuga di notizie dal partito comunista cinese negli ultimi decenni. Una fuga di notizie che piomba sulle trattative commerciali fra gli Stati Uniti e la Cina, impegnate a cercare di chiudere un mini-accordo che sembrava fatto, ma i cui tempi invece si allungano in mancanza di un'intesa sulla rimozione dei dazi.

«I documenti offrono uno spaccato di come la macchina di stato cinese ha portato avanti una della maggiori campagne di reclusione dall'era di Mao», afferma il quotidiano. I documenti rivelano che Xi nell'aprile del 2014, poche settimane dopo che alcuni militanti uiguri avevano accoltellato 150 persone, si disse a favore dell'uso degli «organi della dittatura» contro "il terrorismo, le infiltrazioni e il separatismo", senza mostrare alcuna pietà.

I campi di reclusione - emerge dai documenti - sono aumentati dal 2016 con la nomina di Chen Quanguo a nuovo capo del partito per la regione di Xinjiang.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-11 12:52:35 | 91.208.130.89