Cerca e trova immobili

CANTONE/SVIZZERAPerequazione, più soldi a Ticino e meno ai Grigioni

22.11.23 - 12:43
Il Ticino è fra i cantoni che registra le maggiori riduzioni dell'indice delle risorse.
Deposit Photos
Fonte Ats
Perequazione, più soldi a Ticino e meno ai Grigioni
Il Ticino è fra i cantoni che registra le maggiori riduzioni dell'indice delle risorse.

BERNA/BELLINZONA - L'anno prossimo il Ticino (86,8 mio) e i Grigioni (234,8 mio) risulteranno sempre tra i cantoni beneficiari della perequazione finanziaria intercantonale. Tuttavia se Bellinzona riceverà più fondi rispetto a quest'anno (+17,2 mio), dato che la sua forza finanziaria è diminuita, Coira ne otterrà di meno (-34,1 mio). I versamenti definitivi sono stati approvati oggi dal Consiglio federale.

Se si osservano i dati più nel dettaglio, il Ticino è fra i cantoni che registra le maggiori riduzioni dell'indice delle risorse, che misura la forza finanziaria: -1,5 punti percentuali passando da 93,4 punti a 91,9. Per quanto riguarda i Grigioni l'indice delle risorse ha registrato invece un forte incremento (+3,3 punti) a 86,5.

Nel 2024 i versamenti ammontano complessivamente a 5,9 miliardi, 305 milioni in più rispetto a quest'anno. Gli importi totali per la perequazione delle risorse sono adeguati in base all'evoluzione del gettito fiscale dei cantoni e alle disparità tra di essi, mentre quelli per la compensazione degli oneri in base al rincaro, precisa un comunicato odierno.

L'anno prossimo l'indice delle risorse risulta in aumento in 17 cantoni, mentre diminuirà in 9. Svitto (+4,1 punti) registra l'aumento più marcato e Berna il calo più netto (‐2,7 punti). Globalmente i fondi per la perequazione delle risorse a favore dei cantoni finanziariamente deboli saliranno di 163 milioni di franchi a 4,5 miliardi. Il 60% di questo importo è finanziato dalla Confederazione e il 40% dai Cantoni ricchi.

L'indice delle risorse è l'elemento principale per la fissazione dei contributi cantonali. Gli altri due sono le compensazioni degli oneri geotopografici e sociodemografici da un lato e, dall'altro, la compensazione dei casi di rigore, che garantisce che nessun Cantone finanziariamente debole sia svantaggiato a livello finanziario a seguito del passaggio, nel 2008, al nuovo sistema di perequazione finanziaria.

Le cifre per il 2024, pubblicate in giugno, sono state sottoposte al parere dei cantoni. La Conferenza dei direttori cantonali delle finanze (CDCF) in settembre ha preso atto delle basi per la perequazione finanziaria 2023 senza proposte di modifica.

Oltre alla compensazione dei casi di rigore e alle misure di attenuazione, le misure temporanee comprendono per la prima volta anche i contributi complementari. Per gli anni 2024-2030 la Confederazione mette quindi a disposizione contributi annui pari a 180 milioni di franchi al fine di ridurre l'impatto dell'adeguamento della perequazione delle risorse nel quadro della RFFA. Nel 2024 sono previsti contributi per i seguenti Cantoni: Vallese, Friburgo, Soletta, Uri, Giura e Glarona, precisa ancora l'esecutivo.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

TheQueen 7 mesi fa su tio
Poi in Ticino si parla male dell’Italia: il Cantone è il datore di lavoro più grande (stile posto fisso di Che co Zalone); la perequazione dona una marea di milioni al Ticino, così come le regioni del sud Italia ricevono soldi dal nord…e. Poi si ha il coraggio di fare ironia spicciola sugli italiani

Raptus 7 mesi fa su tio
Tranquilli che verranno comunque prevalentemente sperperati ...

curiuus 7 mesi fa su tio
Ed i nostri diranno come sempre: ma guarda quanto siamo stati bravi... 🤣🤣🤣
NOTIZIE PIÙ LETTE