tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
6 ore
Una cerimonia (in presenza) per i diplomati della Facoltà di scienze economiche
In tutto sono 186 gli studenti che hanno ottenuto un Bachelor o un Master. Ecco chi sono.
CANTONE
7 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
SVIZZERA
13 ore
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
14 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
CADENAZZO
15 ore
Risparmio "green" con Acquì
Il progetto promuove il consumo dell'acqua di rubinetto.
CANTONE
18 ore
Idroelettrico: Ticino e Vallese uniti per rafforzare la formazione
HYDRO Exploitation SA e AET hanno siglato un accordo di collaborazione che prevede scambi interaziendali
LUGANO
18 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
CANTONE
18 ore
«È scattata la corsa ai rialzi dei salari dei capisezione?»
L'MPS chiede conto a Gobbi sugli scatti di classe annunciati dal Dipartimento dell'Istituzioni sull'onda del Territorio
BELLINZONA
19 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
19 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE / SVIZZERA
19 ore
Fallimenti, Ticino in controtendenza
In Svizzera sono in aumento, mentre nel nostro cantone sono in calo (-7%)
CANTONE
21 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
CANTONE / SVIZZERA
21 ore
Un problema tecnico affligge le FFS
Le Ferrovie sono confrontate con un disguido a livello nazionale (ma non in tutte le stazioni).
BELLINZONA
11.05.2020 - 15:280

L'accusa: «Il Municipio fa il muro di gomma invece di raccontare la verità su questa strage»

Sui decessi alla casa anziani di Sementina arrivano anche Lega e Udc

In un'interpellanza vengono chiesti lumi riguardo le vittime e i contagi da coronavirus

Dopo l'MpS, anche il gruppo Lega/Udc arriva a chiedere ragguagli al Municipio per ciò che concerne la situazione della casa per anziani di Sementina.  «Sono morti ben 27 anziani di coronavirus e il 65% circa del personale si è ammalato», fanno notare Tuto Rossi e Manuel Donati che, di fronte alla risposta del Municipio (il 22 aprile riferiva “di avere messo in atto tutte le misure necessarie per far fronte alla situazione di contagio”), non esitano a definire «irresponsabili» i diretti interessati.

«A quanto pare - si aggiunge nell'interpellanza -, la stessa responsabile della casa sarebbe addirittura ritornata dalle vacanze, dove ha frequentato anche le zone particolarmente affette dalla pandemia, e ha tranquillamente cominciato subito a lavorare senza aver fatto né il tampone né la quarantena. Altri membri del personale hanno frequentato per svago le zone di confine, senza che la direzione della casa abbia mosso un dito, fatto loro il tampone, spiegato cosa bisognava non fare per evitare di essere contagiati e di infettare gli altri. Proprio queste persone alla fine si sarebbero ammalati di coronavirus».

«La separazione dei piani - si incalza -, invece di avvenire subito dopo il primo caso di coronavirus è stata rimandata a lungo. Idem con la separazione dei letti; sono stati lasciati nella stessa camera ospiti con il coronavirus con ospiti che (ancora) non ce l’avevano. Nella mensa si sono fatti confluire per i pasti tutti gli ospiti assieme, invece di tenerli separati e applicare rigorosamente la distanza sociale e la disinfezione. Pare che oltretutto il divieto di entrata dei familiari è stato applicato alla “olé olé” continuando per più di una settimana dopo il divieto proclamato dal cantone. Se tutto il personale viene interrogato, saltano fuori numerose negligenze e grossi errori di conduzione». 

Sulla base di quanto sopra al Municipio vengono posti i seguenti interrogativi:
1)      Il divieto di fornire la percentuale del personale contagiato da coronavirus  alla casa per anziani di Sementina, è una bugia del direttor Morisoli?
2)      Se non è una bugia, chi gli ha impartito questo divieto?
3)      Quali sono le ragioni di questo divieto, visto che non si chiede il nome dei contagiati ma solo una percentuale e quindi non c’è nessuna ragione di proteggere la privacy dei singoli?
4)      Perché non si è ordinato il tampone o la quarantena alla direttrice e all’altro personale che a febbraio e marzo era stato nelle zone più contagiate?
5)      Cosa ha fatto il Municipio, rispettivamente il direttor Morsoli, quando una di queste persone che ha continuato sconfinare malgrado l’esacerbarsi dell’epidemia, beccandosi poi il coronavirus? 
6)      Perché non è stato fatto il tampone a tutto il personale subito dopo il primo caso, e invece si è atteso il 18 aprile, quando ha dovuto intervenire il Medico cantonale?
7)      Perché il Municipio non ha mostrato ai Consiglieri comunali gli ordini e le direttive impartite dal Medico cantonale alla casa di Sementina e al centro Somen?
8)      Qual è il numero esatto dei membri del personale della casa di Sementina e del centro Somen che sono rimasti contagiati e che sono morti?
9)      Cosa dice il Municipio del fatto che il divieto di accesso dei familiari sia stato imposto solo una settimana dopo la direttiva cantonale, oltretutto con numerose eccezioni?
10)     Cosa dice il Municipio del fatto che residenti positivi e quelli sani sono stati fatti mangiare assieme fino al 24 marzo, invece di servirli in camera perlomeno dal 9 marzo?
11)     C’è stato personale che andava in Italia, oppure tutti i frontalieri sono stati fatti alloggiare a Bellinzona?
12)     Il Municipio non ritiene che la quatto case per anziani abbiano bisogno di un direttore proattivo invece di un burocrate non all’altezza delle emergenze?
13)     Il Municipio non ritiene e di fare interrogare tutto il personale da u ente che ne garantisca l’anonimato, per scoprire la  verità?
14)     Non sarebbe stato più saggio accettare subito le richieste del personale di fare sistematicamente i tamponi, invece di obbligarlo addirittura a riciclare dispositivi monouso?
15) Considerata questa sequela di errori gestionali, non avevano forse ragione Lega e UDC a sollevare dubbi sul nominare una persona senza concorso? Il Municipio è convinto di mantenerlo in una posizione di cui manifestamente non è all’altezza?
16)     Il Municipio è cosciente che, se non risponde a queste legittime domande che tutta la popolazione si pone,  finisce per provocare un inchiesta penale?

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 05:55:24 | 91.208.130.85