Immobili
Veicoli
tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
AVEGNO GORDEVIO
8 ore
Perizia psichiatrica per il sospetto matricida
Il 21enne che dovrà rispondere del reato di assassinio è attualmente incarcerato alla Farera.
FOTO
CAPRIASCA
9 ore
L'altalena panoramica non c'è più
L'atto di vandalismo sarebbe stato commesso con una motosega.
CANTONE
10 ore
Gratis è meglio
Solo il 3% dei campioni d'acqua corrente analizzati dal Laboratorio cantonale nel 2021 presentavano delle lacune.
CANTONE
12 ore
Inquinamento, incendi ed esplosioni: una settimana di catastrofi
Sono stati svelati oggi i dettagli dell'operazione Odescalchi 2022, che scatterà il 13 giugno.
TICINO
12 ore
Sposarsi con l'ambiente: arriva il Festival della Natura
Biodiversità e riscoperta del verde al centro della nuova edizione che avrà luogo dal 18 al 22 maggio.
CANTONE
12 ore
Bignasca e Aldi lasciano TiSin
La novità è apparsa sul Foglio Ufficiale. No comment dal sindacato
LAVIZZARA
13 ore
Si è spento Giorgio Vedova
Addio a un uomo speciale. Con la sua azienda aveva dato lavoro a tanti ticinesi.
CANTONE
15 ore
Altri 35'000 posti a sedere per Ascensione e Pentecoste
Nei due weekend sono previsti venticinque treni speciali da e per il Ticino
FOTO
CANTONE
15 ore
Altro passo verso una (eventuale) aggregazione del Basso Mendrisiotto
Il consigliere di Stato ha incontrato gli Esecutivi di Balerna, Breggia, Chiasso, Morbio Inferiore, Novazzano e Vacallo.
VALMARA
16 ore
Daniele Maffei lascia il Municipio
L'ex sindaco di Melano ambiva al sindacato del neonato comune di Valmara. Ma è stato superato da Jean-Claude Binaghi
CANTONE
16 ore
Il Passo del San Gottardo riapre venerdì
Dal prossimo 20 maggio alle 16 lo si potrà nuovamente percorrere in alternativa alla galleria autostradale
CANTONE
17 ore
Calici in alto: torna Cantine aperte
L'evento si svolgerà questo weekend nel Sottoceneri e il prossimo nel Sopraceneri.
RIVA SAN VITALE
17 ore
Riva avrà il suo nido d'infanzia
Il Consiglio comunale ha approvato l'accordo per la gestione della struttura che sarà disponibile dal gennaio 2023
BELLINZONA
11.05.2020 - 15:280

L'accusa: «Il Municipio fa il muro di gomma invece di raccontare la verità su questa strage»

Sui decessi alla casa anziani di Sementina arrivano anche Lega e Udc

In un'interpellanza vengono chiesti lumi riguardo le vittime e i contagi da coronavirus

Dopo l'MpS, anche il gruppo Lega/Udc arriva a chiedere ragguagli al Municipio per ciò che concerne la situazione della casa per anziani di Sementina.  «Sono morti ben 27 anziani di coronavirus e il 65% circa del personale si è ammalato», fanno notare Tuto Rossi e Manuel Donati che, di fronte alla risposta del Municipio (il 22 aprile riferiva “di avere messo in atto tutte le misure necessarie per far fronte alla situazione di contagio”), non esitano a definire «irresponsabili» i diretti interessati.

«A quanto pare - si aggiunge nell'interpellanza -, la stessa responsabile della casa sarebbe addirittura ritornata dalle vacanze, dove ha frequentato anche le zone particolarmente affette dalla pandemia, e ha tranquillamente cominciato subito a lavorare senza aver fatto né il tampone né la quarantena. Altri membri del personale hanno frequentato per svago le zone di confine, senza che la direzione della casa abbia mosso un dito, fatto loro il tampone, spiegato cosa bisognava non fare per evitare di essere contagiati e di infettare gli altri. Proprio queste persone alla fine si sarebbero ammalati di coronavirus».

«La separazione dei piani - si incalza -, invece di avvenire subito dopo il primo caso di coronavirus è stata rimandata a lungo. Idem con la separazione dei letti; sono stati lasciati nella stessa camera ospiti con il coronavirus con ospiti che (ancora) non ce l’avevano. Nella mensa si sono fatti confluire per i pasti tutti gli ospiti assieme, invece di tenerli separati e applicare rigorosamente la distanza sociale e la disinfezione. Pare che oltretutto il divieto di entrata dei familiari è stato applicato alla “olé olé” continuando per più di una settimana dopo il divieto proclamato dal cantone. Se tutto il personale viene interrogato, saltano fuori numerose negligenze e grossi errori di conduzione». 

Sulla base di quanto sopra al Municipio vengono posti i seguenti interrogativi:
1)      Il divieto di fornire la percentuale del personale contagiato da coronavirus  alla casa per anziani di Sementina, è una bugia del direttor Morisoli?
2)      Se non è una bugia, chi gli ha impartito questo divieto?
3)      Quali sono le ragioni di questo divieto, visto che non si chiede il nome dei contagiati ma solo una percentuale e quindi non c’è nessuna ragione di proteggere la privacy dei singoli?
4)      Perché non si è ordinato il tampone o la quarantena alla direttrice e all’altro personale che a febbraio e marzo era stato nelle zone più contagiate?
5)      Cosa ha fatto il Municipio, rispettivamente il direttor Morsoli, quando una di queste persone che ha continuato sconfinare malgrado l’esacerbarsi dell’epidemia, beccandosi poi il coronavirus? 
6)      Perché non è stato fatto il tampone a tutto il personale subito dopo il primo caso, e invece si è atteso il 18 aprile, quando ha dovuto intervenire il Medico cantonale?
7)      Perché il Municipio non ha mostrato ai Consiglieri comunali gli ordini e le direttive impartite dal Medico cantonale alla casa di Sementina e al centro Somen?
8)      Qual è il numero esatto dei membri del personale della casa di Sementina e del centro Somen che sono rimasti contagiati e che sono morti?
9)      Cosa dice il Municipio del fatto che il divieto di accesso dei familiari sia stato imposto solo una settimana dopo la direttiva cantonale, oltretutto con numerose eccezioni?
10)     Cosa dice il Municipio del fatto che residenti positivi e quelli sani sono stati fatti mangiare assieme fino al 24 marzo, invece di servirli in camera perlomeno dal 9 marzo?
11)     C’è stato personale che andava in Italia, oppure tutti i frontalieri sono stati fatti alloggiare a Bellinzona?
12)     Il Municipio non ritiene che la quatto case per anziani abbiano bisogno di un direttore proattivo invece di un burocrate non all’altezza delle emergenze?
13)     Il Municipio non ritiene e di fare interrogare tutto il personale da u ente che ne garantisca l’anonimato, per scoprire la  verità?
14)     Non sarebbe stato più saggio accettare subito le richieste del personale di fare sistematicamente i tamponi, invece di obbligarlo addirittura a riciclare dispositivi monouso?
15) Considerata questa sequela di errori gestionali, non avevano forse ragione Lega e UDC a sollevare dubbi sul nominare una persona senza concorso? Il Municipio è convinto di mantenerlo in una posizione di cui manifestamente non è all’altezza?
16)     Il Municipio è cosciente che, se non risponde a queste legittime domande che tutta la popolazione si pone,  finisce per provocare un inchiesta penale?

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-18 04:19:58 | 91.208.130.86