Cerca e trova immobili

CONFINEFrode fiscale, arrestato imprenditore italiano residente a Canobbio

03.11.23 - 12:32
Effettuato dalla Guardia di Finanza del Comando provinciale di Milano un sequestro preventivo da 50 milioni di euro
Ti-Press
Fonte Gdf
Frode fiscale, arrestato imprenditore italiano residente a Canobbio
Effettuato dalla Guardia di Finanza del Comando provinciale di Milano un sequestro preventivo da 50 milioni di euro

MILANO - Nei giorni scorsi i finanzieri del Comando Provinciale di Milano - coordinati dal locale Ufficio della Procura Europea - hanno arrestato per frode fiscale un imprenditore italiano residente a Canobbio, nel Luganese. Hanno inoltre proceduto al sequestro preventivo di oltre 50 milioni di euro - equivalente all’I.V.A. complessivamente evasa - nei confronti di un’azienda leader nazionale nel commercio del gas e dell’energia.

L’indagine trae origine da un complesso di attività ispettive di natura fiscale avviate nel 2022 dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Milano e dall’Ufficio Antifrode dell’Agenzia delle Entrate – Settore Contrasto Illeciti, che hanno fatto emergere un complesso circuito di false fatturazioni nel settore del commercio di traffico dati internazionale VoIP, dal 2019 al 2021, per circa 250 milioni di euro, da cui un’I.V.A. sottratta a imposizione per 53.898.819,69 di euro.

Le indagini - Le investigazioni di natura tributaria e giudiziaria hanno permesso di risalire ad una nota azienda di Faenza, attiva nel trading del gas e dell’energia, che essendo in uno stato di crisi, attratta dalle promettenti marginalità di guadagno prospettate da un broker svizzero, un imprenditore di origine italiana con un’approfondita conoscenza delle dinamiche del mercato VoIP, ha partecipato consapevolmente ad una frode all’I.V.A. accertata dagli investigatori per oltre 50 milioni di euro.

Le false fatturazioni, agevolate dall’oggetto delle corrispondenti transazioni commerciali, ossia il traffico dati, che come bene immateriale può essere agevolmente gestito da remoto, transitavano da missing trader estere, cartiere nazionali e società filtro per raggiungere infine la società ravennate, che rivendendo alla prima società estera, attraverso dunque un’operazione non imponibile I.V.A., abbatteva il proprio debito impositivo dando vita a un nuovo carosello.

Parte delle aziende nazionali ed estere, funzionali al descritto carosello di fatturazione, facevano riferimento ad un imprenditore residente in svizzera, tratto in arresto dalle fiamme gialle milanesi, a cui la società di Faenza ha demandato l’intero business.

Le indagini, ancora in corso, svolte in stretta sinergia tra la Procura Europea e la Guardia di Finanza di Milano, testimoniano l’impegno quotidianamente profuso a presidio della sicurezza e a tutela della legalità economico finanziaria del Paese, con particolare riferimento al contrasto delle frodi I.V.A. transfrontaliere.

Il procedimento penale è ancora nella fase delle indagini preliminari e la responsabilità degli indagati sarà definitivamente accertata solo ove intervenga sentenza irrevocabile di condanna.

NOTIZIE PIÙ LETTE