Archivio Tipress (immagine illustrativa)
CANTONE
02.09.2021 - 12:030
Aggiornamento : 12:31

Una pena pecuniaria per un agente della polizia cantonale

Nel 2019 era finito sotto inchiesta per irregolarità nella gestione di oggetti sequestrati

BELLINZONA - Una pena pecuniaria, sospesa, di 150 aliquote giornaliere, una multa e il pagamento delle spese e tasse di giustizia. È la condanna che il procuratore generale Andrea Pagani propone nei confronti dell'agente della polizia cantonale che nel 2019 era finito sotto inchiesta per irregolarità nella gestione di oggetti sequestrati, in particolare di alcune armi. Ne danno notizia oggi le autorità.

Le ipotesi di reato sono quelle di falsità in documenti (con riferimento alla falsificazione di una firma su un contratto di acquisto di un'arma) e di ripetuta infrazione alla Legge federale sulle armi e le munizioni (per aver posseduto 34 armi e parti essenziali d'arma nonché 645 chilogrammi di munizioni senza aver dato avvio alle necessarie procedure d'autorizzazione). L'inchiesta ha invece permesso di escludere la commissione dei reati di appropriazione indebita e sottrazione di cose requisite o sequestrate.

Le armi, le parti essenziali d'arma e le munizioni possedute lecitamente e rinvenute nell'estate 2019 al domicilio dell'imputato sono state dissequestrate ma affidate al Servizio armi, esplosivi e sicurezza privata della Polizia cantonale. Per la parte restante (quella dunque non detenuta regolarmente) è stata invece ordinata la confisca e la distruzione. Non verranno rilasciate ulteriori informazioni.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 20:08:06 | 91.208.130.89