tipress
CANTONE
27.05.2021 - 11:470
Aggiornamento : 15:31

L'appropriazione indebita non c'è stata

Assolto l'avvocato e notaio di Muralto accusato di essersi intascato 380 mila franchi.

La Corte di Appello e revisione penale ha constatato che ha realmente chiesto la cifra in prestito e che questi è stato autorizzato.

LUGANO - La Corte di appello e revisione penale ha ribaltato la sentenza e prosciolto l’avvocato e notaio di Muralto dalle accuse di appropriazione indebita aggravata.

All'origine della questione, una compravendita di un immobile in Vallemaggia avvenuta nel 2013. A vendita effettuata, sul conto del legale era finita la cifra di 380 mila franchi, mai versata alla cliente, nel frattempo deceduta.

Della volontà della donna di concedere la cifra in prestito al legale - ricorda il CdT - erano rimasti un email e un biglietto di risposta, nei quali veniva menzionata la cifra di 30.000 franchi.

L’avvocato ha però sempre sostenuto di aver preso accordi telefonici con la donna anche per il resto dell'ammontare. Ciò, in virtù del rapporto di amicizia che si era venuto a creare tra i due.

In primo grado questo contatto verbale era stato ritenuto improbabile. Da qui la condanna a 15 mesi (sospesi), contro la quale l’imputato si è opposto.

La Corte di Appello e revisione penale ha constatato invece come tutti gli indizi agli atti dimostrino che l’avvocato ha realmente chiesto telefonicamente il prestito (per risollevarsi da difficoltà finanziarie) alla donna. E che lei lo ha autorizzato.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 02:12:23 | 91.208.130.87