Foto Bazzo/Foto lettore
+32
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
16 min
Il Ticino chiama Berna
Un'iniziativa cantonale chiede di modificare il codice penale, a tutela delle donne vittima di violenza
CANTONE
8 ore
«Già coinvolta in un'indagine legata al terrorismo»
La Fedpol conferma il possibile ruolo della donna in fatti legati al terrorismo jihadista
LUGANO
11 ore
«Questa aggressione si ricollega ai casi in Francia e a Morges»
Le Autorità fanno il punto sul presunto attacco di matrice terroristica verificatosi alla Manor.
FOTO
LUGANO
13 ore
Accoltellamento alla Manor: «Non è escluso l'atto terroristico»
Fermata una 28enne domiciliata nel Luganese.
LUGANO
14 ore
Ferrovia chiusa fino alle 18.00 tra Lugano e Mendrisio
L'interruzione è dovuta all'incendio del mulino di Maroggia. Bus sostitutivi per i viaggiatori
LUGANO
14 ore
Un Ticino sempre più centrale
Illustre personalità della politica e dell'economia domani in streaming per “Un Mare di Svizzera 3”
CANTONE
15 ore
«Gli studenti in quarantena restano indietro»
Il Sisa lancia un appello al Decs. E chiede una didattica a distanza a tutela del diritto allo studio
GINEVRA/LUGANO
15 ore
Le polveri fini aggravano le infezione Covid. Il caso Ticino
Esisterebbe un legame tra virus e polveri fini. Lo rivela uno studio che ha analizzato quanto avvenuto in Ticino
LUGANO
16 ore
Polizia e ambulanza alla Manor, la zona è stata isolata
Stando alle prime informazioni, si tratterebbe di un'aggressione con coltello, avvenuta al quinto piano
FOTO E VIDEO
MAROGGIA
17 ore
L'impressionante disastro ripreso dall'alto
Un video mostra il Mulino di Maroggia devastato dalle fiamme e le operazioni di spegnimento dei pompieri.
LUGANO
19 ore
L'albero di Natale è atterrato a Lugano
La pianta ha sorvolato stamani il golfo della città per poi arrivare in Piazza della Riforma
BELLINZONA
19 ore
«Non è vero che Paglia percepisce il salario senza lavorare»
La Città di Bellinzona risponde all'interpellanza del gruppo Lega-UDC che chiedeva lumi sul compenso del municipale
FOTO
MAROGGIA
19 ore
«Se n'è andato un pezzo di storia»
Norman Gobbi ha espresso la vicinanza delle istituzioni alla famiglia proprietaria del Mulino di Maroggia.
LUGANO/BELLINZONA
15.03.2019 - 12:100
Aggiornamento : 15:14

Gli studenti marciano per il clima: «Vogliamo il nostro futuro»

I giovani ticinesi manifestano nella giornata di oggi per sensibilizzare sul cruciale tema del riscaldamento climatico. Ecco la lettera aperta consegnata oggi al Municipio della Città di Lugano

LUGANO/BELLINZONA - In occasione della prima manifestazione globale, anche il Ticino si è unito al movimento giovanile per il clima. Nella giornata di oggi, venerdì, studentesse e studenti delle scuole superiori del cantone non andranno a lezione per dedicarsi ad attività alternative sul cruciale tema del riscaldamento climatico.

Hanno iniziato la loro marcia i ragazzi di Lugano al grido: «Noi vogliamo il nostro futuro». Vengono chieste politiche ambientali più incisive «che possano evitare che i profitti di pochi privilegiati mettano a repentaglio il nostro futuro in un mondo sano e vivibile». Recapitata una lettera aperta al Municipio con varie richieste concrete per una Città più ecosostenibile.

Nel pomeriggio le studentesse e gli studenti si riuniranno a Bellinzona per una manifestazione cantonale, con ritrovo alle ore 14.00 in Largo Elvezia. Il corteo si dirigerà verso Piazza Governo, dove verranno consegnate le firme raccolte in sostegno alla petizione “Ticino: fai la tua parte per salvare il clima!”. Viene chiesto al Gran Consiglio di agire al più presto per rendere i trasporti pubblici gratuiti per i giovani, ridurre le emissioni delle imprese ticinesi, ridurre l’impatto ambientale degli enti pubblici e trasferire il traffico merci su rotaia.

Ecco la lettera aperta consegnata oggi al Municipio della Città di Lugano 

Emergenza climatica: 7 proposte concrete a favore del clima
Onorevole signor Sindaco,
Onorevoli Municipali,
Con la presente lettera vorremmo chiedere formalmente all’esecutivo della Città di Lugano di attivarsi concretamente per la lotta contro il cambiamento climatico. Come ormai attesta l’intera comunità scientifica del nostro globo, ci troviamo in un momento nel quale occorre agire immediatamente per frenare il disastro globale verso il quale stiamo andando incontro.

Consci che il problema è di carattere globale, riteniamo comunque opportuno che una città come Lugano si adoperi per ridurre il proprio impatto climatico e ambientale. Il nostro movimento crede che delle misure materiali siano urgenti e che sia necessario agire anche a livello locale per ovviare ad uno scenario catastrofico. Per questo motivo, come analogamente svolto a livello cantonale attraverso una petizione corroborata da oltre 2300 firme, chiediamo formalmente alla Città di Lugano di adottare una serie di misure incisive per contrastare il riscaldamento climatico.

Al fine di non vanificare il potenziale della nostra richiesta, esigiamo che vi sia una presa di posizione da parte dell’attuale esecutivo, quale presa di responsabilità nei confronti delle generazioni future. A tal riguardo vi chiediamo di proclamare l’emergenza climatica e di dare seguito alle nostre proposte con dei conseguenti provvedimenti:

1) Pedonalizzazione del centro urbano al fine di ridurre il traffico nel sedime cittadino;
2) Gratuità dei trasporti pubblici sul territorio cittadino in modo da disincentivare l’uso del trasporto privato;
3) Creazione di vie ciclabili in tutto il territorio di competenza della città per potenziare la mobilità lenta e sostenibile;
4) Creazione di maggiori punti di noleggio delle biciclette elettriche e non e abbonamento gratuito per questo servizio per i giovani in formazione al fine di educare le nuove generazioni alla mobilità lenta e sostenibile;
5) Miglioramento dell’efficienza energetica delle infrastrutture pubbliche e riduzione generalizzata dei rifiuti prodotti dal settore pubblico;
6) Promozione di un'edilizia, sia pubblica che privata, secondo standard energetici Minergie e incentivazione all’installazione di pannelli solari da parte di privati;
7) Implementazione di pattumiere cittadine per la raccolta differenziata, anziché le classiche pattumiere indifferenziate;

In generale chiediamo che vi sia una messa a punto di una strategia comunale che possa rispondere in modo coerente e strutturato ai cambiamenti climatici.

Chiediamo inoltre di dare seguito alle richieste contenute nelle interrogazioni No. 1009 05/02/2019 e No. 1015 26/02/2019, le quali vanno nella direzione da noi auspicata.

Oggi le studentesse e gli studenti di tutto il mondo si sono mobilitati per ottenere una risposta dalla classe politica vigente, affinché si cambi direzione e si promuova uno sviluppo sostenibile a favore del clima e dell’ambiente. Per questo motivo ci aspettiamo dal municipio delle risposte adeguate alla crisi nella quale ci troviamo e una maggiore sensibilità verso le condizioni di vita delle generazioni future.

Foto Bazzo
Guarda tutte le 31 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-25 07:04:49 | 91.208.130.89