Cerca e trova immobili
«Cinque minuti e avremmo potuto spegnere le fiamme»

STABIO«Cinque minuti e avremmo potuto spegnere le fiamme»

01.10.18 - 15:36
Un vicino racconta come il tetto in legno della villetta sia andato completamente distrutto in pochissimo tempo
Foto lettore Tio.ch/20 minuti
«Cinque minuti e avremmo potuto spegnere le fiamme»
Un vicino racconta come il tetto in legno della villetta sia andato completamente distrutto in pochissimo tempo

STABIO -  È una casetta a schiera in via Ponte di Mezzo, a San Pietro di Stabio, quella interessata da un violento incendio questo pomeriggio. Una «struttura particolare» composta da legno e ferro. A prendere fuoco, come ci racconta il vicino, è stato il tetto provvisorio in legno.

«Io abito nella casetta con la parete comunicante. È stata mia moglie ad allarmarmi, perché sentiva odore di fumo. Sono andato di là e, insieme alla signora, abbiamo controllato l’interno della casa». Solo dopo un giro completo l’uomo e la proprietaria di casa si sono resi conto che le fiamme provenivano dal retro, nella parte alta.

«Sono entrato a prendere l’estintore, ma nel frattempo il fuoco era ormai divampato». Recentemente il tetto della casa ha subito dei lavori di manutenzione, a causa di una perdita d’acqua. La ditta che è intervenuta ha realizzato la struttura in legno provvisoria, per attutire la pioggia. «È proprio quella parte che ha preso maggiormente fuoco. Le fiamme hanno poi interessato il resto della struttura».

La proprietaria dell’abitazione ha nel frattempo abbandonato la struttura insieme all’uomo. Anche la moglie e la bimba piccola di quest'ultimo sono uscite per precauzione dalla loro abitazione. «I pompieri hanno evacuato le quattro case a schiera. Le fiamme sono state spente e ora stanno raffreddando la struttura. I danni sembrano davvero ingenti».

Nessuno quindi - come confermato anche dalla Polizia cantonale - è rimasto ferito o intossicato, né tantomeno vi è stato pericolo per le abitazioni circostanti. Resta tuttavia il rammarico: «Se fossimo riusciti a intervenire con l’estintore cinque minuti prima, magari saremmo riusciti a spegnere l’incendio sul nascere».

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE