TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
1 ora
Oltre ottanta bambini e ragazzi in colonia
Dopo le restrizioni dell'estate 2020, l'appuntamento a Rodi-Fiesso è tornato nell'abituale veste
Ticino
1 ora
I personaggi senza volto di Chiara Pulselli
Una nuova opera sta per prendere forma sulle pareti luganesi grazie ad Arte Urbana Lugano
MORBIO INFERIORE
2 ore
Un buono acquisto per gli abitanti di Morbio Inferiore
Si tratta di un simbolico aiuto alle famiglie e anche di un sostegno alle attività economiche locali
URI / CANTONE
2 ore
Più di due ore per superare il San Gottardo
Al portale nord della galleria sono stati raggiunti i 16 chilometri di coda, a quello sud si è arrivati a sette
LUGANO
3 ore
«Ci danno degli imbecilli, ma ciò dice più di loro che di noi»
Per gli organizzatori, la "cifolata" di ieri è stata un successo. E non solo per la presenza dei molinari.
SAN BERNARDINO (GR)
3 ore
Ottocento litri di gasolio nel laghetto
La perdita è stata rilevata ieri sera in uno specchio d'acqua sul Passo del San Bernardino.
CANTONE
4 ore
Il Ticino dei film si scopre con la realtà aumentata
Nell'ambito del Locarno Festival, una mostra che presenta le location scelte per pellicole nazionali e internazionali
MENDRISIOTTO
4 ore
La promozione del Mendrisiotto passa dalle immagini
La locale organizzazione turistica ha avviato una collaborazione con Ti-Press
FOTO
ITALIA
5 ore
L'A9 diventa un lungo cantiere, Como a rischio collasso
Le prossime settimane saranno di sofferenza per chi viaggia, sia in direzione sud che nord.
CANTONE
5 ore
Un'altra settimana di maltempo
Piccole parentesi di sole, molte di pioggia.
BELLINZONA
18.08.2017 - 17:180
Aggiornamento : 18:22

Argo 1, confermata la condanna all'ex agente di sicurezza

Il 33enne luganese di origine turca ha fatto opera di proselitismo per un gruppo radicale islamico. L'uomo ha già scontato i sei mesi da espiare previsti

BELLINZONA - Il Tribunale penale federale (TPF) ha confermato la condanna di due anni e mezzo, di cui sei mesi da espiare, per il 33enne luganese di origine turca, ex agente di sicurezza della società Argo 1, che ha fatto opera di proselitismo per un gruppo islamista. L'uomo sarà rilasciato tra breve visto che ha già scontato la quasi totalità della pena.

L'imputato, che al momento dell'arresto lavorava come sorvegliante in alcuni centri per richiedenti l'asilo in Ticino, ha riconosciuto le accuse formulate dal Ministero pubblico della Confederazione (MPC). Durante il dibattimento, che si è svolto con rito abbreviato, ha ammesso di aver sbagliato, ma ha aggiunto di non aver mai obbligato nessuno ad aderire alle sue idee.

Propaganda e proselitismo - È stato riconosciuto colpevole di violazione della legge federale che vieta i gruppi Al Qaeda e Stato islamico (Isis). Fra il gennaio del 2014 e fino al suo arresto, lo scorso 22 febbraio, ha organizzato azioni propagandistiche e di proselitismo per conto del gruppo ribelle "Jabhat Al-Nusra" e nel 2015 ha aiutato combattenti stranieri a raggiungere le zone di guerra in Siria e Iraq per unirsi all'Isis.

Il 33enne, definito un indottrinatore dal MPC, era diventato un punto di riferimento per diverse persone che hanno aderito alla sua visione radicale dell'islam, spiega l'atto d'accusa. Uno dei suoi "allievi", ad esempio, gli aveva chiesto l'approvazione per partire nelle zone di guerra, nell'ottobre del 2016; un'altra persona aveva espresso la volontà di partire in Siria o in Palestina per combattere. L'ex agente di Argo 1 era anche riuscito a convincere quattro persone ad allontanarsi dall'ideologia dello Stato islamico per aderire a quella del gruppo Jabhat Al-Nusra.

«Il martire raggiunge il paradiso» - L'imputato svolgeva le sue attività di proselitismo e indottrinamento sia di persona, incontrando gli interessati in case private o in locali pubblici del Luganese, sia attraverso messaggi, telefonate e i social. «La morte da martire nell'islam è considerata la morte migliore poiché è scritto nel Corano e il martire che muore combattendo nel nome di Allah raggiunge il paradiso», figura su uno dei messaggi riportati nell'atto d'accusa.

In altri scritti il militante spiega la differenza fra il suo gruppo e lo Stato islamico: «Contrariamente a quanto fa l'Isis compiendo attentati in Europa e nel mondo, la terra per combattere e fare jihad armata sono Paesi come la Siria e l'Iraq in cui i musulmani sono oppressi e bisogna aiutare a liberare la popolazione, esattamente come sta facendo il gruppo Jabhat Al-Nusra».

Aiuto per raggiungere la Siria - Malgrado non aderisse alla visione dell'Isis, il turco-svizzero ha comunque facilitato il viaggio di due jihadisti per raggiungere lo Stato islamico in Siria. Nel primo caso, il 33enne ha fornito all'uomo indicazione sui bus da prendere per recarsi dalla Turchia in Siria e gli ha consegnato 100 franchi, nel secondo ha ospitato il futuro combattente e la moglie nella sua casa in Turchia prima che raggiungesse la Siria, dove è morto nel dicembre 2015.

Pagherà le spese procedurali e legali - L'ex agente di sicurezza è stato condannato anche a pagare 133'000 franchi di spese procedurali: dovrà inoltre rimborsare appena possibile la parcella dell'avvocato d'ufficio versata dalla Confederazione. L'uomo si trova in carcere dal 22 febbraio in detenzione preventiva e dal 19 maggio in esecuzione anticipata della pena, ha quindi quasi finito di scontare i sei mesi inflitti e sarà scarcerato tra breve.

La procedura abbreviata, introdotta nel 2011, prevede un patteggiamento tra pubblico ministero e imputato in cambio di una sua collaborazione, se la pena chiesta dall'accusa non è superiore ai cinque anni.

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-02 17:26:26 | 91.208.130.89