Immobili
Veicoli
TiPress
CANTONE
21.11.2016 - 09:000
Aggiornamento : 18:14

Contagio da epatite C, di nuovo in aula

Si riapre questa mattina il processo che vede l'EOC al banco degli imputati

LUGANO – Il tempo stringe: sul contagio da epatite C verificatosi nel 2013 all’Ospedale Civico di Lugano durante un esame radiologico incombe la prescrizione. Entro il prossimo 19 dicembre si dovrà giungere a un verdetto. Stamattina in Pretura penale si riapre quindi il processo che vede al banco degli imputati l’Ente ospedaliero cantonale (EOC), in quanto non era stato possibile individuare il responsabile della manipolazione medica.

Lo scorso 3 ottobre il dibattimento era stato sospeso con l’istanza per l’assunzione di nuove prove presentata dal difensore dell’EOC, l’avvocato Mattia Tonella. Il legale aveva sottolineato che la perizia non forniva un confronto con altre strutture ospedaliere elvetiche, mettendo così in dubbio l’imparzialità e la competenza del perito. L’istanza è stata nel frattempo respinta.

Per questioni di spazio, oggi la Corte presieduta dal giudice Siro Quadri si riunisce a Lugano. In aula l’accusa è rappresentata dal procuratore generale John Noseda.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-25 19:47:44 | 91.208.130.86