ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
6 ore
Il Verbano invade il Parco della pace
Immagini suggestive scattate da una lettrice. Ecco le conseguenze delle recenti forti piogge
LUGANO
9 ore
Vanno solo alle elementari e hanno già lo Smartphone
Si abbassa sempre di più l’età in cui i ragazzini hanno il primo approccio con le nuove tecnologie. “Colpa” anche delle cattive abitudini dei genitori? L’analisi dell’esperta Eleonora Benecchi
SAN BERNARDINO (GR)
9 ore
Ente Turistico Moesano: il cda passa a 7 membri
L'obiettivo è di rappresentare meglio il territorio di Mesolcina e Calanca al suo interno
CANTONE
11 ore
Tutti i numeri degli accertamenti fiscali
A chiederli è il Gruppo del PS in Gran Consiglio in vista del dibattito parlamentare del 5 novembre: «È efficace, equo e garante di parità di trattamento tra contribuenti?»
FOTO E VIDEO
LUGANO
11 ore
Studente espulso: i compagni protestano fuori dal carcere
Il rimpatrio forzato di un 19enne - da ieri alla Stampa - ha innescato una manifestazione di solidarietà da parte degli allievi della Csia
CANTONE
11 ore
Mensa obbligatoria negli asili, il tamtam diventa mediatico
L’Aripe, associazione che critica l’impostazione ticinese, si sta muovendo con una serie di articoli sulle testate d’oltralpe per segnalare «in negativo l’unicum del nostro cantone».  
LOCARNO
11 ore
Delta Resort: «Quando arriva la sentenza?»
Interpellanza di Fabrizio Sirica e cofirmatari: «Il Consiglio di Stato ha cambiato idea?»
FOTO
BEDRETTO
11 ore
Veicolo in fiamme sulla Novena, lievi ustioni per il conducente
Sul posto sono intervenuti i Pompieri dell'Alta Leventina, la Polizia, e un'ambulanza che ha prestato i primi soccorsi al ferito e l'ha trasportato in ospedale
CANTONE
12 ore
Acqua di nuovo potabile ad Alto Malcantone
I parametri sono rientrati nella normalità. Resta in vigore la non potabilità a Cademario, Aranno e nelle frazioni di seo, Cimo, Gaggio e Pianazzo a Bioggio
CANTONE
13 ore
Visita di cortesia a Palazzo delle Orsoline
Il Consiglio di Stato ha ricevuto oggi la Console generale di Svizzera a Milano Sabrina Dallafior
CANTONE
13 ore
Minorenne violentata. Condannato a 4 anni, poi sarà espulso
Il legale del 29enne kosovaro valuta il ricorso in Appello. La giovane riceverà 12mila franchi di risarcimento
CANTONE
14 ore
Ecco Lu, il nuovo agente a 4 zampe della Polizia cantonale
Il nuovo collega della sezione cinofila è stato presentato oggi sulla pagina Instagram del corpo
GIUBIASCO
15 ore
Col furgoncino nel fiume, arrestato il guidatore-ladro
Il veicolo, di proprietà di una ditta di pompe funebri, era rubato. Dopo due incidenti l'automobilista aveva tentato la fuga. Invano
CANTONE
16 ore
La Valle di Blenio si presenta unita per la stagione invernale
Le 2 stazioni sciistiche, Campo Blenio e Nara, propongono una nuova stagionale valevole per entrambi i comprensori
AGNO
16 ore
Nuove nubi sulla Mikron
La società ha inoltrato la domanda per introdurre il lavoro ridotto
CANTONE
18.06.2015 - 08:000
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

Lauree sotto inchiesta: "Ci insegnavano a pulire le cozze"

Il Ministero Pubblico indaga. Il racconto di uno studente

LUGANO - Questione di sostantivi, aggettivi, predicati. Ma non solo. Il Ministero Pubblico ha aperto un’inchiesta (dietro denuncia del Cantone) su tre istituti ticinesi per utilizzo fraudolento dei titoli accademici. Istituti «non accreditati» che «si presentano o si sono presentati come università contravvenendo alla legge cantonale» fanno sapere dal Decs. Segnatevi i nomi. 

Il sito tedesco-luganese - C’è Euraka.ch, sito di corsi online di medicina e economia: sede, o meglio buca lettere a Lugano, si definisce “hochschule”, ma l’autorizzazione non c’è. Abbiamo contattato i gestori, che spiegano di avere «predisposto modifiche al sito e un trasferimento nei prossimi giorni». Vedremo.

Da Chiasso a Roveredo - Poi c’è la Ipus di Chiasso: tiene corsi, si legge sul sito, «riconosciuti a livello europeo», ma senza garanzia di spendibilità in Svizzera. Infine la Unipsa-Issea di Lugano, piattaforma di corsi online con server “delocalizzato” di recente a Roveredo. La sede fisica, comunque, rimane ad Agno. Sarà la Procura, ora, a stabilire se questi escamotages sono sufficienti.

140 mila euro dall’Inps - Ma c’è di più. Nel mondo delle lauree a distanza proliferanti in Ticino si trova di tutto: anche chi ci è arrivato tramite borse di studio pagate con fondi pubblici. È il caso – documentato – di 14 studenti provenienti dalla vicina Penisola: un’intera classe iscritta a vari corsi di master (economia e comunicazione) presso il suddetto istituto di Agno. Borse di studio da 10mila euro l’una, pagate interamente dallo Stato italiano (tramite l’Inps). Peccato che Unipsa non sia accreditata, né in Italia né in Svizzera. «La spendibilità del titolo è data dalla qualità dei corsi» assicura la direzione. Ma qualcuno non è d’accordo.

Le cozze slovene - «Sono rimasto molto deluso» racconta uno degli studenti, diplomatosi a Lugano l’estate scorsa. «Il corso online richiedeva scarsissimo impegno, le uniche lezioni in presenza sono state due settimane in una località termale in Slovenia, dove abbiamo seguito un corso di... biologia marina! In una lezione, ricordo, ci hanno insegnato a pulire le cozze». 

"Non ne rispondiamo" - Cosa c’entrano i molluschi con l’economia e la comunicazione? «Si è trattato di un modulo offerto da un’università slovena nostra partner, non ne rispondiamo» replica Unipsa, che precisa: agli studenti «era stata offerta la scelta di un corso più coerente, ma hanno rifiutato». Ad Agno però i master sono stati rilasciati lo stesso, cozze incluse. Con i soldi dell’Inps.

Post scriptum: L'Unipsa-Issea Sa di Agno, in merito all'articolo, tiene a precisare che le borse di studio dell'Inps sono state erogate nominalmente all'istituto sloveno (l'Emuni di Portrose, di cui Issea è tuttavia un'associata), il quale discorda con lo studente citato e nega il particolare delle cozze. Il grosso dell'importo erogato, conferma Issea, è comunque finito ad Agno passando per la Slovenia. L'Inps dal canto suo fa sapere che la convenzione "è stata sottoscritta con l'università Emuni-Issea" e conferma che "le borse di studio erogate sono state in tutto n.14, del valore di 10.000 euro ciascuna".    

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-24 05:02:22 | 91.208.130.89