Cerca e trova immobili

GAMBAROGNOSi sta in coda, e che coda, per la ciclopista

23.11.23 - 06:30
Lunghi incolonnamenti tutte le mattine e la sera tra Gerra e Magadino per il cantiere del tracciato ciclabile. Sotto accusa anche i securini
Foto lettore
Si sta in coda, e che coda, per la ciclopista
Lunghi incolonnamenti tutte le mattine e la sera tra Gerra e Magadino per il cantiere del tracciato ciclabile. Sotto accusa anche i securini

GERRA - Entrare e uscire dal Gambarogno di questi tempi è impresa che richiede grandi scorte di pazienza: basta sentire qualche automobilista che al mattino da Gerra prova ad arrivare fino alla grande rotonda della "Pergola" e alla sera compie lo stesso percorso all'inverso.

C'è una pista ciclabile da fare: che coda! - L'elogio della lentezza, professato da illustri narratori e consigliato anche da qualche medico per i suoi benefit di salute, non è affare per chi deve raggiungere in orario il luogo di lavoro o l'aula di scuola. Nemmeno se all'origine vi siano buone cause come potrebbe essere la costruzione di una pista ciclabile.

Tra Magadino e Gerra si sta in coda proprio per questo. «Il problema è che i lavori di questa ciclopista dureranno fino al 2025 - sbuffa spazientita un'automobilista che tutti i giorni si immette su questo tratto di cantonale - impensabile continuare così». 

Un cantiere aperto nelle ore di punta: si sbanca una parete di roccia, farlo di notte turberebbe la quiete pubblica - Un cantiere aperto nelle ore di punta, che manda in tilt la circolazione e anche l'umore di chi è alla guida: «Si viaggia ovviamente a senso alternato - spiega - e al mattino ad esempio chi esce dal Gambarogno si trova una coda che arriva fino a oltre Vira-Gambarogno e ci si impiega più di un'ora per raggiungere ad esempio Locarno».

La sorte, e di più la natura dei lavori in corso, non permettono neanche la possibilità di prevedere un orario di svolgimento alternativo delle attività di cantiere, ad esempio in notturna. «Lavorano di giorno presumo perché dovendo spaccare delle rocce ed essendoci delle case lì intorno sarebbe molto rumoroso farlo la notte», ci dice l'automobilista.

Il Segretario comunale: «Progetto e direzione dei lavori di competenza cantonale» - La conferma che è proprio questa la tipologia di intervento portata avanti dagli operai del cantiere, arriva dagli uffici comunali.

«Sono dei lavori di sbancamento roccia in corso fra la ferrovia e le bolle di Magadino, in zona Magadino Alto - spiega il Segretario comunale Alberto Codiroli - per permettere la futura realizzazione della ciclopista prevista nei progetti PALOC».

È informato del "serpentone" di auto in sosta forzata lungo la strada che da Gerra porta a Magadino. «Le code si limitano ai momenti di maggior transito legate al movimento giornaliero dei frontalieri, nel quale naturalmente tutti rimaniamo coinvolti - afferma il Segretario comunale - si formano al mattino in direzione nord, dalle 06:00 fino alle 07:30 e la sera in senso inverso, dalle 16:30 per alcune ore». 

Il problema però non è nuovo: «Si era già presentato per il primo tracciato della pista - è al corrente l'automobilista - e alcuni cittadini avevano già sollevato la questione di questi ingorghi» rivela.

Il tratto di strada interessato dalle opere, «il cui progetto e la direzione dei lavori competono il Cantone e non il Comune» specifica Codiroli, «è regolato con semafori nei momenti di minor traffico e da movieri, sempre presenti, che facilitano il transito nelle due direzioni seguendo il flusso sopraccitato e favorendo il transito ai mezzi di trasporto pubblici» aggiunge, informando che «i lavori di sbancamento sono praticamente conclusi e saranno seguiti, per un periodo stimato in circa un mese, da quelli di consolidamento della scarpata». A questi seguiranno poi «i lavori a valle, verso le bolle, per la realizzazione della ciclopista. Non sono in grado di sapere a questo momento - lo dice con estrema franchezza - quale influsso avranno sul traffico».

Dito puntato sui "securini": «Andrebbero istruiti meglio» - Una considerazione, quest'ultima, che - visti già gli effetti viabilistici prodotti dallo sbancamento di roccia in corso - non lasciano proprio tranquilli i fruitori di quella strada. Che fanno anche presente che non sono molto soddisfatti del modo in cui i "securini" disciplinano il traffico viario: «Qui non è ben chiaro cosa succede - dice l'automobilista - loro fanno uscire dieci macchine e bloccano e ne fanno entrare quattro o cinque. Ma quelle che entrano sono molto meno rispetto a quelle che escono e quindi la coda è infinita». In pratica, stando al racconto dell'automobilista, il modo in cui gli ausiliari del traffico starebbero regolando i flussi dei veicoli non terrebbe correttamente conto dei differenti volumi di transito nelle due direzioni di marcia.

«Un'ora per arrivare a Locarno» - «Se per un tragitto di 25' se ne impiegano per percorrerli più del doppio qualcosa di anomalo ci sarà - continua - anche due mie colleghe che devono raggiungere tutti i giorni Locarno sono arrabbiatissime. Questa mattina io ho visto anche una macchina che si è fermata e ha detto qualcosa al securino, non so dirle cosa, ma onestamente penso che il malumore sia generalizzato fra coloro che tutti i giorni devono affrontare questo tratto di strada».

Una "Via Crucis" di viaggio - Come uscire da questa "Via Crucis" di viaggio? «Beh, l'ideale sarebbe fare i lavori di notte, ma probabilmente per ciò che ci si diceva prima questo non sarà possibile. Allora che non si facciano i lavori negli orari di punta, ma soprattutto a questo punto istruire i securini. È più che palese - dice - che sembra un pò tutto improvvisato. La prova è che, guarda caso, la coda si forma sempre la mattina in uscita, quando la gente va a lavorare, e la sera in entrata nel Gambarogno quando la gente torna a casa dal lavoro».

Il record della lunga colonna: «Non è vita» - Il record di coda - in questa specie di cammino quasi espiatorio di chissà quali colpe dei poveri automobilisti del Gambarogno - «un giorno in cui la colonna arrivava da dopo i campi di calcio di Magadino fino alla rotonda dell'aeroporto, cioè alla fine della T21. Era tutto bloccato. Da un quarto alle cinque fino alle sei fermi, bloccati». Non è vita, sbuffa ancora più spazientita di prima.        

 

 

 

 

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Arturo1954 7 mesi fa su tio
E poi i ciclisti non passano dalle ciclopiste e vanno sulle strade a farsi vedere quanto sono belli e in gamba a usare la bici. I pavoni giganti. Cosa serve fare piste e spendere milioni ei cittadini per quattro ciclisti.

Dani/hcl 7 mesi fa su tio
Spiace tantissimo per i residenti che grazie ai frontaliers(a migliaia)devono sobbarcarsi ore e ore in auto e lo smacco è che proprio gli”oltre frontiiera “insultano i securini con una maleducazione senza limiti!! Ero anch’io un prosegur e su quella tratta e a Brissago ne ho viste di tutti i colori! Dal cantone c’era l’ordine di far passare secondo l’orario di punta 100/150 auto nella stessa direzione e ancora non andava bene per certi pezzenti !!nel caso specifico di Magadino io dico “era ora”che si facesse qualcosa visto la pericolosità per pedoni e ciclisti!!

AAS 7 mesi fa su tio
A quell’automobilista che da la colpa agli agenti che regolano il traffico se pensa di poter far meglio che ci vada lui.. con dei lavori ci sono sempre dei disagi, ma prima o poi finiranno e dopo sarà meglio per tutti

vulpus 7 mesi fa su tio
Non bisogna drammatizzare sulla regolaziuone del traffico. Da drammatizzare piuttosto il concetto di certe opere che costano milioni, fatte tanto per fare (pagano gli altri dicono sempre) ma che poi non vengono utilizzate come vorrebbe la teoria: ciclopiste pedonabili dicono. Su queste piste ci vanno le famiglie con i bimbi , passeggiano anziani e non. Come si fa a pretendere che i ciclisti che fanno sport e viaggiano a 40//50km orari si lancino su questi spazi. A Magadino poi sembra che la stessa pista sbocchi poi su una passeggiata pedonabile lungo le Bolle: una assurdit^a e un pericolo.

UMARELL 7 mesi fa su tio
Risposta a vulpus
Le ciclopiste non sono piste di competizione ciclistica ma sono per tutti! ! Ci mancherebbe che i contribuenti paghino un’opera simile solo per que 4 gatti che fanno competizione!

Luky 7 mesi fa su tio
l'importante che una volta finiti i lavori, i cari ciclisti siano obbligati ad usarla, in caso contrario spero che vengano sanzionati

Muntin 7 mesi fa su tio
Il cantiere di Magadino grazie a verdi e soci che non hanno lasciato passare la ciclopista sotto la casa per proteggere le bolle !!!

UMARELL 7 mesi fa su tio
Risposta a Muntin
Giu’ le mani dalle bolle !!

Koblet69 7 mesi fa su tio
Risposta a UMARELL
Ma vaaa!!! Mica é il polmone del pianeta! Anzi é un covo di miriade di zanzare tigre e altre specie portatori di numerose malattie

UMARELL 7 mesi fa su tio
Risposta a Koblet69
La specie più pericolosa sta fuori dalle bolle, è l’ignoranza e la poca intelligenza di chi vorrebbe cementificare tutto, anche gli ultimi paradisi naturali del cantone

Mora Mor 7 mesi fa su tio
Risposta a Koblet69
La zanzara tigre vive in ambienti urbani, e non è presente alle Bolle di Magadino, dove gli individui appartengono principalmente a due specie: Aedes e Culex.

Blobloblo 7 mesi fa su tio
Il cantiere prima o poi finirà, si parte un po’ prima e ci si arma di pazienza…Che problemi!!

centauro 7 mesi fa su tio
Risposta a Blobloblo
Si capisce che tu da lì non ci passi.

Blobloblo 7 mesi fa su tio
Risposta a centauro
E quindi? Non c’è traffico solo lì, e anche se non ci passo il cantiere finirà lo stesso…

Blobloblo 7 mesi fa su tio
Risposta a centauro
E vedo solo gente che si lamenta che c’è colonna contribuendo a creala la colonna…

Spiaze 7 mesi fa su tio
TISTABEINE
NOTIZIE PIÙ LETTE