Cerca e trova immobili
Giornalismo ticinese, «l’acqua è alla gola»

BELLINZONAGiornalismo ticinese, «l’acqua è alla gola»

22.05.23 - 13:47
Azione congiunta dell'Associazione ticinese dei giornalisti e di syndicom in Piazza della Foca a Bellinzona
TiPress
Giornalismo ticinese, «l’acqua è alla gola»
Azione congiunta dell'Associazione ticinese dei giornalisti e di syndicom in Piazza della Foca a Bellinzona

BELLINZONA - «Un calo drastico delle entrate pubblicitarie, l'aumento dei costi delle materie prime, una rivoluzione digitale da affrontare e nuove abitudini del pubblico». Tutti motivi per cui il «settore dei media lotta da solo contro una crisi devastante».

È per questo che l'Associazione ticinese dei giornalisti e syndicom hanno organizzato quest'oggi un'azione di sensibilizzazione e di protesta in Piazza della Foca a Bellinzona.

«Ricordiamo negli ultimi anni la chiusura del Giornale del Popolo, i licenziamenti alla RSI e al Corriere del Ticino e poi la chiusura del Caffè. I media che rimangono ancora attivi lo fanno tra mille difficoltà economiche. E non dimentichiamoci di un fatto: il Ticino – e nella Svizzera tedesca – i giornalisti e gli operatori dei media lavorano da quasi 20 anni senza un contratto collettivo di lavoro».

Per l'associazione e i sindacati si tratta di una situazione «di precarietà quotidiana che si fa sempre più sentire sulle condizioni di lavoro della nostra categoria, con la categoria dei giornalisti freelance che soffre ancora più degli altri». Parlando di salari, «quella del giornalista è la professione meno remunerata tra chi ha una laurea universitaria».

Aiuto ai media
L’anno scorso in votazione popolare è stato bocciato a livello federale un pacchetto di aiuto ai media. Non ci sarà quindi alcuna misura di sostegno a livello federale.

Comunque, già nel febbraio del 2020 «le nostre associazioni avevano presentato un atto parlamentare (firmato da tutti i partiti, tranne l’UDC) che chiedeva misure di sostegno ai media locali. Da allora sono trascorsi tre anni. È arrivato il tempo di agire». L'associazione cita qui l'esempio del canton Vaud, che funge da pioniere. «Sollecitiamo i membri del Gran Consiglio ad analizzare quel modello e a varare il più velocemente possibile un pacchetto locale di aiuti ai media del canton Ticino. Non c’è più tempo da perdere».

In pericolo c’è la democrazia
Secondo l'AGP anche la democrazia, e quindi il mondo della politica, «sono chiamati in causa». Se il settore dei media è in difficoltà, lo sono e lo saranno sempre di più anche le istituzioni democratiche.

«La stampa, nelle sue varie forme, permette il confronto delle idee e il dibattito pubblico. E questo è un elemento fondamentale del funzionamento democratico di una società. Media deboli significa anche democrazia debole. Lasciare i media da soli a combattere questa battaglia significa inevitabilmente far del male alla democrazia».

COMMENTI
 

Nmemo 9 mesi fa su tio
In Ticino, il primo tra gli editori che chiude le porte a chi non fa piacere (o lecca) agli amici e agli amici degli amici è il Mattino delle domenica.

Taurus57 9 mesi fa su tio
Giornalismo? Quale? In 43 anni che sono in ticino non ho visto un'inchiesta giornalistica degna di questo nome. Andate a guardare Report e imparate a fare il vostro lavoro.

Net21 9 mesi fa su tio
e poi oggi il giornale riporta solo notizie vecchie di un giorno... Chi le legge più

Anti ch 9 mesi fa su tio
Risposta a Net21
🤳👍👍👍👍👍👍👍

Nmemo 9 mesi fa su tio
Gli editori, con qualche direttore alle redini, ora tentano di strumentalizzare i giornalisti per lucrare maggiori sussidi. La piena indipendenza nel dare le notizie per i giornalisti, che dovrebbe essere un diritto inalienabile, passa al vaglio degli interessi degli editori. Compiacenti con gli amici, selettivi o addirittura esclusivi con chi disturba la coscienza e la faccia degli amici.

curiuus 9 mesi fa su tio
Vediamo poi quanto costa un abbonamento cartaceo ad un quotidiano ticinese.... ma neanche a Monte Carlo...

resiga 9 mesi fa su tio
Però é strano ... si perché nelle nostre case ogni giorno arrivano depliant e pubblicità varia a riempire le bucalettere e di consegnenza i bidoni per la raccolta della carta. Tutta pubblicità poi che la maggior parte della gente non guarda per nulla ! A quelli li che li inviano non costa nulla la carta ?
NOTIZIE PIÙ LETTE