Immobili
Veicoli

CANTONE/BERNAAlptransit, il completamento a sud per ora non è prioritario

24.11.22 - 15:36
Il governo ha spiegato di prediligere l'orientamento "brevi e medie distanze"
tipress
Fonte ats
Alptransit, il completamento a sud per ora non è prioritario
Il governo ha spiegato di prediligere l'orientamento "brevi e medie distanze"

BERNA - Per il momento, nell'ambito del progetto Ferrovia 2050, un potenziamento della ferrovia sull'asse nord-sud (vedi per esempio prolungamento Alptransit a sud di Lugano) non sembra raccogliere i favori del Consiglio federale.

Il governo, rispondendo a una mozione della Commissione dei trasporti del nazionale (CTT-N) che raccomanda al plenum di respingere, predilige l'orientamento "brevi e medie distanze", che per le fasi successive al 2030 prevede un maggiore ampliamento dell'offerta nei centri degli agglomerati, nelle cinture degli agglomerati, nelle regioni periferiche nonché tra gli agglomerati e le aree insediative rurali e turistiche.

Per il Ticino e Grigioni, Ferrovia 2050 prevede ad esempio miglioramenti sulle linee Zurigo-Coira, San Gallo-Coira e Bellinzona-Tenero all'orizzonte 2025 e St. Moritz-Tirano (I), Bioggio-Lugano, Locarno-Intragna entro il 2035. La linea Bioggio-Lugano è emblematica della volontà del governo di migliorare l'offerta ferroviaria sulle brevi e medie distanze.

A parere del governo, nel traffico a lunga distanza si devono realizzare riduzioni dei tempi di percorrenza se la ferrovia non risulta competitiva rispetto alla strada. Nel traffico viaggiatori internazionale e nel traffico regionale transfrontaliero l'attrattiva della ferrovia va aumentata con offerte di trasporto più frequenti e ben collegate nonché riduzioni mirate dei tempi di percorrenza.

Per la commissione, Ferrovia 2050 dovrebbe focalizzarsi maggiormente sul completamento e il potenziamento di tutti i tratti necessari al trasporto a lunga distanza sull'asse nord-sud (vedi per esempio prolungamento Alptransit a sud di Lugano) ed est-ovest.

Si tratta, in poche parole, di realizzare la "Croce federale della mobilità" come chiede una mozione presentata da Marco Romano (Centro/TI) adottata (15 voti a 5 e 3 astensioni) dalla CTT-N. Per la commissione, il governo deve avere più coraggio affinché il trasporto ferroviario tenga conto anche degli assi a lunga percorrenza e in particolare di un collegamento est-ovest efficiente.

COMMENTI
 
RV50 6 gior fa su tio
Io condivido la scelta di Berna anche perché stanziare milioni e poi fermarci a Chiasso non ne vedo la necessità fintanto che nella nazione confinante non sono pronti con le infrastrutture in modo da sfruttare realmente la capacità di transiti. E non perché Berna ci vuole boicottare vedi altri investimenti tra B.zona e Locarno e con la modernizzazione delle infrastrutture esistenti
NOTIZIE PIÙ LETTE