In fila per il "sì" arcobaleno: «Sarà un'estate di matrimoni»
tipress
CANTONE
20.10.2021 - 06:000
Aggiornamento : 11:08

In fila per il "sì" arcobaleno: «Sarà un'estate di matrimoni»

A un mese dal referendum, in Ticino le coppie gay si preparano a un'estate di matrimoni. Ma servirà pazienza

LUGANO - Le prime a fare il passo - si narra - sono state due ragazze in un bar di Viganello, il 26 settembre. «Stavamo seguendo in diretta i risultati del referendum» racconta Federico De Angelis del comitato per il "sì". Alla vittoria, una si è proposta e l'altra ha accettato. Nel bar sono esplosi i festeggiamenti.

Diverse richieste - È stato solo uno dei tanti "sì" pronunciati in Ticino quel giorno e da allora in avanti. Verranno ripetuti in altrettante cerimonie a partire da luglio, quando entrerà in vigore il matrimonio per tutti approvato dal 67 per cento degli svizzeri. Le associazioni Lgbt+ intanto sono state contattate nelle scorse settimane «da diverse coppie intenzionate a sposarsi».

In attesa di informazioni - «Chiedono informazioni sulle modalità e sui tempi» spiega Vittorio Degli Antoni di Zona Protetta. «Coppie di uomini e di donne, già registrate o meno. C'è una certa trepidazione». Le procedure da seguire però «al momento non sono ancora così chiare» frena De Angelis, coordinatore di Imbarco Immediato. «Aspettiamo chiarimenti da Berna, dopodiché probabilmente diffonderemo una brochure esplicativa». 

Preparativi in corso - Il tempo non manca: ma preparare le nozze richiede un certo anticipo, e i primi promessi sposi si sono già rivolti alle agenzie matrimoniali. «Ho ricevuto due richieste, una coppia di donne e una di uomini» racconta Mery Belvedere, wedding planner del Luganese. L'organizzazione non è diversa dai matrimoni tradizionali, spiega: il problema è che per quest'estate «complice il Covid» c'è stato un accumulo di richieste. 

Fino a ottobre - Marco e Fabrizio non si sono rivolti a un'agenzia, e dovranno aspettare fino a ottobre 2022. «La location che abbiamo scelto non aveva posto prima» spiegano. Dopo i festeggiamenti i due - 37 e 52 anni, insieme da 5 - replicheranno le nozze in forma ufficiale e ristretta, al Municipio di Lugano. 

«Lavoro in più» per lo Stato civile - Sindaci, vicesindaci e funzionari pubblici dal canto loro si preparano a mesi di lavoro extra. Sono 294 le unioni domestiche registrate in Ticino dal 2007 a oggi, e Berna ha previsto che «potranno essere convertite in matrimoni con un atto d'ufficio o anche con una cerimonia» spiega Dunja Valsesia, capoufficio dello Stato Civile. «Prevediamo del lavoro supplementare soprattutto nei mesi estivi di punta. Per questo ci vorrà, da parte di tutti, un po' di pazienza». 

Le cose in grande - Marco e Fabrizio hanno aspettato già a lungo, e non si preoccupano. Vogliono fare le cose in grande: 200 invitati, anelli, testimoni. «Ci sarà anche un cerimoniere professionista». Insomma «una cerimonia in piena regola ispirata alla tradizione etero». Ma senza la sposa.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-02 09:05:38 | 91.208.130.86