tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
19 min
Rally del Ticino: «È ora di dire basta»
Un'interrogazione dei Verdi chiede lumi sulla compatibilità con gli impegni presi per la protezione del clima.
CANTONE
25 min
Trasparenza totale in politica: «Giù le maschere!»
Il caso Fidinam-Pandora riporta d'attualità il tema delle «relazioni d'interesse» tra politica e parastato
CANTONE
2 ore
Mobilità e Covid: «È evidente che qualcosa è cambiato in peggio»
Un'interrogazione di Marco Passalia chiede al Consiglio di Stato di chinarsi sulla situazione dei trasporti ticinesi
CANTONE
4 ore
In Ticino 18 positivi e due nuovi ricoverati
I pazienti Covid che necessitano di cure ospedaliere salgono a 11 in tutto.
LUGANO
4 ore
PharmaDay, 5'500 franchi per l'ASI
Le quote di iscrizione del congresso medico-farmaceutico sono state devolute all'associazione Autismo Svizzera italiana.
FOTO
CANTONE
5 ore
«Dentro il tunnel c'era uno scenario apocalittico»
Era il 24 ottobre 2001, quando nella galleria del San Gottardo morirono undici persone in un tragico incendio
CANTONE
8 ore
«Le ragazze non sono tornate»
Da qualche mese i locali a luci rosse dovrebbero aver ripreso l'attività a pieno regime. Ma così non è.
CANTONE
20 ore
A2, lavori fino alle 10 per le prossime due domeniche
Le attività interessano il tratto compreso tra Melide e Gentilino
MAROGGIA
21 ore
I segreti delle impronte digitali
Perché tanta gente comune è attratta da questo tema? Lo spiega Federica Keller, esperta in analisi delle mani.
CANTONE
21 ore
Quei nomi che mettono “a rischio” la reputazione della Supsi
Vanno e vengono tra la Supsi e la tanto discussa Fidinam coinvolta nei Pandora Papers
LUGANO
21 ore
Cambio in vetta alla Funicolare del Brè
Francesco Gilardi cede il testimone di presidente a Giorgio Carlo Bernasconi, ma resta attivo nel CdA come vice.
LUGANO
02.08.2021 - 18:540
Aggiornamento : 03.08.2021 - 07:30

«Non la prendo sul personale»

Karin Valenzano Rossi fischiata in piazza Riforma si toglie qualche sassolino dalla scarpa

«Rattristata, ma sono andata a dormire tranquilla. Grazie alla gente che è stata solidale»

LUGANO - È scesa dal palco un po' rammaricata «per la festa rovinata». Ma poi è andata a dormire serena Karin Valenzano Rossi, dopo i fischi ricevuti in Piazza Riforma domenica primo agosto. «Ci sono state anche molte manifestazioni di solidarietà da parte del pubblico presente, e sono state confortanti» racconta. «Mi hanno fatto bene».

La contestazione organizzata dall'associazione "Taspettofuori" ha dato luogo ieri a una serie di strascichi polemici: Lega e Udc hanno puntato il dito contro gli ex autogestiti («una manica di imbecilli») mentre gli organizzatori hanno precisato che l'azione «non era a favore del Molino» ma contro «la politica autoritaria e poco autorevole» del Municipio.

La diretta interessata dal canto suo non l'ha presa male: «Il dissenso è legittimo, per carità, l'avevo messo in conto e ho deciso di dare loro spazio per comunicare a loro modo. Ma ai fischi devono seguire delle richieste comprensibili su cui lavorare, altrimenti siamo punto a capo» ha commentato a tio.ch/20minuti. «Dispiace per la tanta gente che voleva godersi la Festa Nazionale.Hanno voluto impedire di esprimerci, e la piazza era molto dispiaciuta e stizzita». 

Karin Valenzano Rossi, essere fischiati non è mai bello. Come si è sentita?
«Dispiaciuta, soprattutto per la molta gente che era venuta in piazza per celebrare la Festa Nazionale: oltraggiando le istituzioni, i contestatori hanno oltraggiato anche loro».

Ha reagito bene, però. Mantenendo la calma e finendo il suo discorso.
«La contestazione era stata annunciata. In realtà, ero assolutamente pronta all'ascolto. Mi sono detta: è comunque una forma di comunicazione. Se ai fischi segue un dialogo in un linguaggio convenzionale...» 

Più volte ha parlato di dialogo con gli autogestiti, in passato. È ancora possibile?
«Il presupposto per il dialogo è avere un linguaggio comprensibile e non inneggiare alla rivolta fine a sé stessa. O almeno avere un interprete che traduca i fischi in richieste o proposte, naturalmente non di sovvertire un sistema politico o “scardinare il potere”. Ho rispetto del dissenso, abbiamo offerto ai contestatori la possibilità di dialogare ma non l'hanno fatto». 

Forse non vogliono parlare con lei.
«Non vogliono parlare con nessuno. Né con il sindaco, né con il Municipio di prima, né con questo. Così facendo mancano di rispetto alla maggioranza dei luganesi, che si è espressa con il voto democratico. Non solo, hanno oltraggiato la celebrazione della Festa Nazionale e della ricorrenza del diritto di voto alle donne». 

Si è sentita offesa come donna?
«Non l'ho presa sul personale. Ma ero stata scelta per l'allocuzione proprio in quanto donna in Municipio per sottolineare la ricorrenza storica, e silenziandomi i contestatori hanno oltraggiato le donne e le istituzioni». 

Come è andata a dormire ieri sera?
«Le dirò, confortata e piacevolmente sorpresa. Le manifestazioni spontanee di solidarietà da parte del pubblico presente sono state moltissime. Mi hanno fatto bene».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-22 14:37:28 | 91.208.130.85