tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
5 ore
Torna il Rally, e il pubblico risponde presente
Molti ticinesi non sono voluti mancare al ritorno del Rally Ronde del Ticino
Lugano
8 ore
Lugano Creativa, l'evento di artigianato che unisce adulti e bambini
La fiera torna questo weekend per la sua seconda edizione
LUGANO
11 ore
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
MENDRISIO
11 ore
Architettura, 152 laureati all'Usi
Il rettore Erez ha consegnato oggi i diplomi agli studenti
CANTONE
12 ore
Parità di genere? «C'è ancora molto da fare»
È quanto è emerso oggi dall'assemblea del Coordinamento donne della sinistra
CENERI
14 ore
Testa-coda sul Ceneri
Incidente sulla Cantonale oggi a mezzogiorno. La polizia è sul posto
Chiasso
15 ore
Prove di un Nebiopoli covid-safe
L'obiettivo degli organizzatori è capire se nel 2022 sarà possibile tornare a proporre la festività in formula piena
FOTO
ONSERNONE
1 gior
Fiamme al Centro servizi di Berzona
Sono intervenuti i pompieri di Locarno che hanno spento il fuoco
LUGANO
1 gior
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CUGNASCO-GERRA
1 gior
Insieme all’autunno arrivano sempre le castagne
Gli organizzatori invitano tutti per sabato 25 settembre, vi aspetteranno musica, divertimento e tante caldarroste.
LUGANO
02.08.2021 - 18:540
Aggiornamento : 03.08.2021 - 07:30

«Non la prendo sul personale»

Karin Valenzano Rossi fischiata in piazza Riforma si toglie qualche sassolino dalla scarpa

«Rattristata, ma sono andata a dormire tranquilla. Grazie alla gente che è stata solidale»

LUGANO - È scesa dal palco un po' rammaricata «per la festa rovinata». Ma poi è andata a dormire serena Karin Valenzano Rossi, dopo i fischi ricevuti in Piazza Riforma domenica primo agosto. «Ci sono state anche molte manifestazioni di solidarietà da parte del pubblico presente, e sono state confortanti» racconta. «Mi hanno fatto bene».

La contestazione organizzata dall'associazione "Taspettofuori" ha dato luogo ieri a una serie di strascichi polemici: Lega e Udc hanno puntato il dito contro gli ex autogestiti («una manica di imbecilli») mentre gli organizzatori hanno precisato che l'azione «non era a favore del Molino» ma contro «la politica autoritaria e poco autorevole» del Municipio.

La diretta interessata dal canto suo non l'ha presa male: «Il dissenso è legittimo, per carità, l'avevo messo in conto e ho deciso di dare loro spazio per comunicare a loro modo. Ma ai fischi devono seguire delle richieste comprensibili su cui lavorare, altrimenti siamo punto a capo» ha commentato a tio.ch/20minuti. «Dispiace per la tanta gente che voleva godersi la Festa Nazionale.Hanno voluto impedire di esprimerci, e la piazza era molto dispiaciuta e stizzita». 

Karin Valenzano Rossi, essere fischiati non è mai bello. Come si è sentita?
«Dispiaciuta, soprattutto per la molta gente che era venuta in piazza per celebrare la Festa Nazionale: oltraggiando le istituzioni, i contestatori hanno oltraggiato anche loro».

Ha reagito bene, però. Mantenendo la calma e finendo il suo discorso.
«La contestazione era stata annunciata. In realtà, ero assolutamente pronta all'ascolto. Mi sono detta: è comunque una forma di comunicazione. Se ai fischi segue un dialogo in un linguaggio convenzionale...» 

Più volte ha parlato di dialogo con gli autogestiti, in passato. È ancora possibile?
«Il presupposto per il dialogo è avere un linguaggio comprensibile e non inneggiare alla rivolta fine a sé stessa. O almeno avere un interprete che traduca i fischi in richieste o proposte, naturalmente non di sovvertire un sistema politico o “scardinare il potere”. Ho rispetto del dissenso, abbiamo offerto ai contestatori la possibilità di dialogare ma non l'hanno fatto». 

Forse non vogliono parlare con lei.
«Non vogliono parlare con nessuno. Né con il sindaco, né con il Municipio di prima, né con questo. Così facendo mancano di rispetto alla maggioranza dei luganesi, che si è espressa con il voto democratico. Non solo, hanno oltraggiato la celebrazione della Festa Nazionale e della ricorrenza del diritto di voto alle donne». 

Si è sentita offesa come donna?
«Non l'ho presa sul personale. Ma ero stata scelta per l'allocuzione proprio in quanto donna in Municipio per sottolineare la ricorrenza storica, e silenziandomi i contestatori hanno oltraggiato le donne e le istituzioni». 

Come è andata a dormire ieri sera?
«Le dirò, confortata e piacevolmente sorpresa. Le manifestazioni spontanee di solidarietà da parte del pubblico presente sono state moltissime. Mi hanno fatto bene».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 03:45:25 | 91.208.130.86