Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
4 ore
Solduno, un giovane «psichicamente instabile»
Il 20enne che ha sparato alla ex fidanzata è accusato di tentato assassinio. Chiesta una perizia psichiatrica
SOLDUNO
8 ore
È salva la 22enne, giallo sul fucile
Sparatoria a Solduno: le condizioni della giovane sono stabili. Intanto riprendono gli interrogatori
CANTONE
8 ore
Norman Gobbi a colloquio con gli ufficiali e sottoufficiali professionisti
Si è discusso di Esercito, dell'operazione Odescalchi e del ruolo dei media in caso di catastrofi
MENDRISIO
9 ore
Il car-pooling salverà Ligornetto?
Un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Udf propone di puntare sulla modalità condivisa
CURIO
23 ore
Cede un pannello di legno, gravi ferite per un 49enne
L'infortunio è avvenuto questo tardo pomeriggio in un'abitazione privata di Curio.
CANTONE
1 gior
Quando le recinzioni sono trappole letali per la selvaggina
In Svizzera si stima che ogni anno migliaia di animali muoiano a causa dei mezzi di cinta.
AIROLO
1 gior
Lo scatto che gli salvò la vita
Vent'anni fa Oliviero Toscani entrava in galleria dietro al camion della tragedia
LOCARNO
1 gior
Sparatoria di Solduno, l'ex compagno non poteva avvicinarsi
Prima di esplodere i colpi, il 20enne ha probabilmente rincorso la malcapitata giù per le scale.
GIORNICO
1 gior
Tre nuovi volti nel PLR di Giornico
I nuovi membri sono Elena Traversi, Sara Capri e Andrea Norghauer, diventato pure presidente.
CANTONE
1 gior
Più radar nel Luganese che in tutto il resto del cantone
La lista dei controlli della velocità annunciati per la settimana dal 25 al 31 ottobre sulle strade del nostro cantone
CANTONE
1 gior
«Per un salario minimo sociale»
Il Partito socialista ha lanciato un'iniziativa popolare atta a garantire «almeno 21,50 franchi all'ora».
LUGANO
1 gior
Al Moncucchetto c'è «Buona Cucina»
Il ristorante di Lugano ha ricevuto il premio assegnato dall'Accademia italiana della Cucina.
LUGANO
12.07.2021 - 07:500
Aggiornamento : 08:07

Con la pandemia ora faccio shopping davanti al computer

Con il virus si è accelerato il processo di implementazione dell’e-commerce, anche se in Ticino c’è ancora molto da fare

di Redazione
BEATRICE GARAVAGLIA

LUGANO - Ormai nessuna azienda, complice il blocco forzato dovuto al Covid, può fare a meno di confrontarsi con la necessità di espandersi sul web, per creare un nuovo bacino di clienti e permettere a quelli fidelizzati di acquistare senza fatica. Serse Bonvini, co-founder di Netcomm Suisse E-commerce Association e Dagorà SA, si occupa di supportare aziende, negozi e commercianti nell’implementazione di un e-commerce.

Come si sono mosse le realtà ticinesi durante la pandemia rispetto all’e-commerce? 
«Devo constatare che in Ticino abbiamo ancora un approccio di attesa, anche se alcune delle nostre aziende si sono dimostrate a suo tempo lungimiranti e si sono fatte trovare pronte al cambiamento. Tuttavia, ritengo che l’effetto più dirompente della pandemia sia stato quello di far prendere coscienza alla quasi totalità delle nostre aziende che il mondo è cambiato e che i canali di vendita una volta considerati da alcuni alternativi se non “inutili” — come l’e-commerce appunto — sono già oggi il nuovo standard di mercato e che il tempo dell’attesa è finito. Ora è il tempo di agire».

Siamo ancora in pieno effetto pandemia?
«Per ripetere un principio già espresso più volte, confermo che la situzione non ha fatto altro che accelerare questo processo che in realtà trova la sua origine principale nel profondo cambiamento in atto già da tempo delle abitudini di acquisto dei consumatori».  

Quali elementi sono imprescindibili per un’azienda che vuole affacciarsi al mondo dell’e-commerce? 
«È fondamentale effettuare una prima analisi del proprio mercato di riferimento, degli obiettivi che si vogliono raggiungere e, come sempre, è molto importante una profonda conoscenza dei propri clienti e delle aspettative che questi ultimi hanno. A tendere un progetto di vendita online richiede una certa cultura del digitale radicata in azienda e soprattutto competenze ben definite che vanno dalla tecnologia al marketing, alla promozione e comunicazione, passando per processi logistici, di pagamento, di fiscalità. In cima a tutti questi aspetti che spesso sono a supporto del progetto, serve la capacità di produrre contenuti di qualità che tendano a mitigare il nostro bisogno di “toccare con mano” un prodotto prima dell’acquisto». 

Come ha impattato il Covid sulle vendite online in generale?
«Per molti settori si è registrata una forte crescita del fatturato online. Questo non significa che per tutte queste aziende sia stato un anno positivo. Fare +40% online ma –70% in negozio non può di certo essere considerato un successo per un’azienda commerciale. In particolar modo per quelle aziende che prima della pandemia producevano gran parte del proprio fatturato su canali più tradizionali. Tutt’altra storia invece per gli e-retailer o nativi digitali che già prima della pandemia avevano sviluppato il proprio modello di business quasi esclusivamente online».

C’è chi ha perso?
«Esistono poi comparti che, nonostante fossero già “iper-digitalizzati”, hanno purtroppo conosciuto un drammatico crollo dovuto alla specifica tipologia di prodotto venduto. Uno su tutti il comparto turistico, biglietti aerei, ecc.»

Videogiochi e bellezza i settori cresciuti di più
Durante la pandemia, grazie all’e-commerce, diversi settori hanno aumentato il loro bacino di utenza: in una recente ricerca di Netcomm Suisse il 50% degli acquirenti ticinesi ha dichiarato di aver ulteriormente aumentato i propri acquisti in digitale.

Andando in ordine di crescita i maggiori benefici sono toccati al mondo del gaming, elettronica di consumo, intrattenimento, food, prodotti di bellezza, hobby. Per citare un comparto importante per il Ticino quale quello della moda, il tasso di crescita nell’e-commerce è tra il 20 e il 30% di media.

Altri comparti spesso meno citati ma che hanno conosciuto un grande sviluppo sono quelli dell’arredo da casa, i prodotti legati allo sport outdoor, come pure la formazione a distanza, software per teleconferenze e prodotti per cucinare: «Oggi, dopo più di un anno di pandemia, siamo tutti panificatori e Masterchef», scherza Serse Bonvini.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-23 20:13:22 | 91.208.130.87