tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
4 ore
Siete pronti a riaprire l'ombrello?
Da domani in Ticino ritornano temporali e la pioggia ci accompagnerà fino a venerdì tirandoci fuori dalla zona canicola
RONCO SOPRA ASCONA
4 ore
Antonio Ciseri, un itinerario tra edifici civili e religiosi
In occasione del bicentenario della nascita è stato ideato un percorso per scoprire le opere del pittore
FOTO E VIDEO
CANTONE
8 ore
Ecco qui i nuovi treni delle FLP
Presentati oggi ad Agno sostituiranno i “veterani” del 1978. Zali: «Un passo non da poco verso il futuro»
LUGANO
11 ore
La benedizione di barche e natanti sul Ceresio
La impartirà domenica pomeriggio il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri
FOTO
ACQUAROSSA
12 ore
Centauro cade, la moto prende fuoco
Incidente poco prima delle 6 sulla strada cantonale, all'altezza di Lottigna
MENDRISIO
12 ore
La versione degli studenti: niente aggressione alla polizia
I presenti ai fatti avvenuti nelle prime ore di venerdì contestano la ricostruzione su ogni punto.
CANTONE
13 ore
Dal Ticino una mano al Nepal: inviati 20 concentratori d'ossigeno
L'importante donazione per contrastare il coronavirus giunge dall'associazione Kam For Sud
CANTONE
1 gior
Il Ticino ha 28 nuovi avvocati e avvocate
La cerimonia di promozione si è tenuta oggi nell'Aula Magna dell'Università della Svizzera italiana.
CANTONE
1 gior
Riparazioni e incentivi, due novità per le carrozzerie
Ha avuto luogo la 64esime assemblea di Carrosserie Suisse Sezione Ticino
CANTONE
1 gior
Occhio ai radar, ecco dove
La polizia ha diffuso la lista dei controlli mobili previsti per settimana prossima
CANTONE
29.04.2021 - 11:010
Aggiornamento : 16:41

Legittima difesa: il Ticino "bacchettato", voto da rifare

Si torna alle urne a settembre. Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di Giorgio Ghiringhelli

I giudici di Losanna danno ragione al "guastafeste". L'opuscolo informativo diffuso dal Cantone prima delle votazioni potrebbe avere influenzato l'esito dell'iniziativa popolare

BELLINZONA - Il "guastageste" colpisce ancora. La prima Corte di diritto pubblico del Tribunale federale ha annullato la votazione cantonale del 9 febbraio 2020, accogliendo il ricorso presentato dal promotore, Giorgio Ghiringhelli. L'iniziativa popolare sulla legittima difesa - per esteso: «Le vittime di aggressioni non devono pagare i costi di una legittima difesa» – era stata respinta in votazione dal 50,26% dei votanti. Uno scarto risicato (41282 voti contrari contro 40856 favorevoli) in cui anche le singole parole, o le singole frasi, hanno avuto un peso. 

Il ricorso del "Ghiro" in particolare verteva sull’opuscolo informativo trasmesso alla cittadinanza in vista della votazione, e in particolare sull’affermazione che l’iniziativa popolare avrebbe «comportato una disparità di trattamento e la violazione del diritto federale». Secondo il Tribunale federale, questa formulazione è inesatta: durante i lavori parlamentari, infatti, erano solo stati espressi dubbi e perplessità sul rispetto di questi principi, senza che fossero accertate violazioni.

La corte ha poi esaminato la campagna che ha preceduto la votazione, rilevando che le affermazioni contestate dai ricorrenti non sono state controbilanciate a sufficienza per riequilibrare l’informazione. Alla luce di questa analisi, il Tribunale federale ha accertato un’irregolarità nella libera formazione della volontà e nell’espressione fedele del voto dei cittadini.

Vista l'esigua differenza di voti (426 su oltre 82 mila), la corte ha quindi ritenuto che l'esito dello scrutinio potrebbe essere stato influenzato in modo decisivo. Di conseguenza, è stato deciso l’annullamento della votazione popolare del 9 febbraio 2020.

Il Consiglio di Stato - si legge in un comunicato odierno - ha «preso atto» della decisione del Tribunale federale e dovrà indire una nuova votazione. La prossima data riservata alle votazioni è il 26 settembre 2021.

«Che sberla, ragazzi» è il commento affidato a un comunicato da Giorgio Ghiringhelli e dalla deputata Sabrina Aldi (Lega), che come avvocato ha portato avanti il ricorso. «Questa verrà ricordata come l’ora più buia nella storia della democrazia diretta in Ticino». I giudici di Losanna, scrivono i ricorrenti, hanno definito «non oggettive e in parte tendenziose» le affermazioni contenute nell'opuscolo. Una figuraccia che «avrebbe potuto essere evitata» sottolinea Ghiringhelli «se il Consiglio di Stato avesse perlomeno accolto la mia richiesta tre settimane prima del voto, di correggere le informazioni fuorvianti con un comunicato stampa». Cosa che però non avvenne. Il governo avrebbe quindi «perseverato nell'errore assumendosi in tal modo la responsabilità politica dell'accaduto». 

Le reazioni - Non si sono fatte attendere le reazioni sulla decisione del Tribunale federale. Con la sezione ticinese dell'UDC che, pur dicendosi «soddisfatta» della sentenza, punta il dito contro la «tendenziosità» del Consiglio di Stato che «costerà caro» ai contribuenti. I democentristi condividono infatti il giudizio espresso da Ghiringhelli: «Oltre al torto morale subito dalle vittime di aggressioni che devono tuttora assumersi le spese per la propria difesa e oltre al torto morale subito dal popolo ticinese tratto in inganno, la disinformazione tendenziosa del governo costerà cara», si legge in una nota. «Non solo per gli iniziativisti che dovranno ripetere la campagna, ma anche per i contribuenti ticinesi che pagheranno la ripetizione del voto il 26 settembre prossimo».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-19 21:34:04 | 91.208.130.85