Tipress
CANTONE
01.03.2021 - 21:010
Aggiornamento : 02.03.2021 - 06:45

«Riaprite i ristoranti, altrimenti i negozi faranno fatica»

I negozianti sono tornati al lavoro «con sollievo e la speranza di non dover nuovamente chiudere»

Ora si attende con impazienza la riapertura della ristorazione, ci dice Rupen Nacaroglu, presidente della Società dei commercianti di Lugano

Shopping

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

LUGANO - Per i commercianti è un sollievo tornare a lavorare. E oggi hanno quindi riaperto i negozi «con la speranza che sia stata l'ultima volta in cui hanno dovuto chiudere». È quanto ci dice l'avvocato Rupen Nacaroglu, presidente della Società dei commercianti di Lugano, dopo che tutte le attività che non vendono beni di prima necessità sono stati costretti a una chiusura forzata di quarantadue giorni a causa della pandemia.

Oggi in tutta la Svizzera è avvenuta la riapertura. Un primo sprazzo di normalità, che tutti si vogliono tenere ben stretto. Ma i commercianti ne sono consapevoli: «Sanno che non dipende da loro, ma dall'andamento della pandemia, dalla campagna vaccinale e dalla responsabilità di tutti» sottolinea Nacaroglu.

Ora la riapertura dei negozi è comunque soltanto una prima notizia positiva. «Si aspetta che possa riprendere l'attività anche la ristorazione - ci dice - nei centri cittadini uno va a bere il caffè, poi fa qualche acquisto. Un settore dipende dall'altro: il commercio è un po' zoppo senza ristorazione e la ristorazione è un po' zoppa senza il commercio».

Una chiusura sofferta - La scorsa primavera i negozi erano rimasti chiusi per ben cinquantasei giorni. Questa nuova chiusura è durata meno, ma è stata molto sofferta. Le attività non erano infatti ancora riemerse dal precedente lockdown. «Ora l'auspicio è che le autorità trovino un altro sistema per abbassare il numero dei contagi, evitando l'effetto yoyo» afferma ancora Nacaroglu.

L'online non è sufficiente - È inoltre un dato di fatto che questi lockdown stanno spingendo la digitalizzazione del commercio. «Il Covid è sicuramente un acceleratore» osserva il nostro interlocutore, sottolineando però che piattaforme online e "click & collect" (quindi la possibilità di ritirare la merce ordinata online o telefonicamente) non permettono di sopperire alle perdite dovute alle chiusure. «Non sono la panacea di tutti i mali». È però vero che queste soluzioni permettono «di mantenere il contatto con la clientela e presentare una vetrina virtuale del proprio negozio».

Si punta sulla competenza - C'è forse il rischio che ora molti clienti si siano abituati e affezionati allo shopping online? Secondo Nacaroglu, «questo problema sicuramente esiste». Ed è pertanto «fondamentale» che i commercianti puntino su competenza e servizio: «L'online funziona se una persona è già in chiaro su quello che vuole acquistare, ma ci sono ancora molte persone che desiderano farsi consigliare».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-08-03 18:05:17 | 91.208.130.89