Deposit
CANTONE
26.02.2021 - 15:510
Aggiornamento : 18:04

Torna il sereno nelle case anziani: visite in camera e uscite consentite

Dal 1. marzo adeguate le direttive per le strutture della terza età e per le cliniche psichiatriche

L'allentamento fa seguito alla conclusione della campagna vaccinale che ha raggiunto una copertura dell'85 per cento degli ospiti. Inoltre durante il mese di febbraio si è registrato un solo contagio.

BELLINZONA - Un solo contagio durante tutto febbraio e la campagna vaccinale completata. Questa la situazione che permetterà da lunedì maggiore libertà di visita agli ospiti nelle case anziani. «L’evoluzione stabile della situazione epidemiologica nelle comunità e la buona copertura vaccinale permettono di ulteriormente allentare le misure di protezione in atto nelle case per anziani» annuncia il DSS. La nuova Direttiva del medico cantonale entra in vigore lunedì. Un adeguamento è pure possibile nel settore delle strutture per invalidi e delle cliniche psichiatriche.

Oltre l'85% di ospiti vaccinati - La conclusione della campagna vaccinale nelle case per anziani con un ottimo grado di adesione dei residenti (oltre l’85%) sta manifestando i suoi buoni effetti in termini di contagi negli istituti. Nel corso del mese di febbraio si è registrato un unico nuovo caso positivo. Questo grado di protezione, combinato alla favorevole evoluzione della situazione epidemiologica in Ticino, consente al Dipartimento della sanità e della socialità di rivedere le direttive per il settore e permettere alcuni importanti allentamenti delle misure di protezione in atto.

Le visite in camera consentite - In particolare, vengono nuovamente consentite le visite ai residenti nelle loro camere (la Direzione continua a mantenere la gestione e la programmazione degli accessi alla casa), le uscite temporanee (anche prolungate) e le attività socializzanti e di gruppo negli istituti. Questi allentamenti sono accompagnati da specifiche misure di protezione, come l’obbligo per i visitatori di indossare la mascherina (e il camice in caso di contatto fisico) e il test antigenico rapido al rientro dai soggiorni esterni.

Allentamenti anche nel settore invalidi - L’attuale situazione epidemiologica permette pure di rivedere le direttive che concernono le attività negli istituti per invalidi. Anche in questo settore, le uscite vengono alleggerite e al rientro dai soggiorni di breve durata in esterno (come il fine settimana con pernottamento) vengono a cadere le misure igieniche rinforzate. Allentamenti per le attività socializzanti sono anche previsti per le strutture psichiatriche.

Le citate direttive entrano in vigore il 1° marzo e saranno reperibili a partire da lunedì al sito www.ti.ch/coronavirus.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
vulpus 1 mese fa su tio
Finalmente qualcosa si muove, di fronte a questa situazione di "reclusione". Una categoria che ha dovuto subire di più rispetto a tutti gli altri. Positiva questa apertura, contrariamente al comportamento del CF che va nuovamente a bloccare le terrazze all'aperto. Incomprensibile da tutti i punti di vista: probabilmente la pandemia non c'entra, ma solo le pressioni arrivate dall'estero. Nessun contagio o focolaio è stato generato sulle piste di sci, nonostante che qualcuno in Svizzera interna non abbia rispettato tutte le misure.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-11 15:20:51 | 91.208.130.86