Immobili
Veicoli

BELLINZONAVaccinazioni nell'aula magna delle Scuole Nord

20.01.21 - 14:14
Da venerdì il Centro di prossimità accoglierà gli over 80 e gli eventuali conviventi over 75.
Ti Press
BELLINZONA
20.01.21 - 14:14
Vaccinazioni nell'aula magna delle Scuole Nord
Da venerdì il Centro di prossimità accoglierà gli over 80 e gli eventuali conviventi over 75.
Potranno accedervi solo gli anziani di Bellinzona e Sant'Antonino che hanno fissato un appuntamento.

BELLINZONA - Nell’ambito della campagna di vaccinazione anti Covid-19 avviata a inizio mese dal Cantone, la Città di Bellinzona ha allestito un Centro di prossimità per accogliere in una prima fase i cittadini con più di 80 anni (nati nel 1940 o prima) e gli eventuali coniugi o conviventi over 75 che devono sottoporsi alla vaccinazione e che non lo hanno ancora fatto nei centri cantonali di
Rivera, Tesserete e Ascona (e nei quali nel frattempo la disponibilità si è esaurita).

A partire da venerdì 22 gennaio l’aula magna delle Scuole Nord di Bellinzona accoglierà gli anziani che si sono annunciati negli scorsi giorni e che sono stati ricontattati telefonicamente dall’Amministrazione comunale per ricevere un appuntamento. Per accedere al Centro è dunque necessario essere già in possesso dell’informazione sull’orario stabilito dalla Città. Vi saranno accolti anche gli anziani di S. Antonino.

Sul posto saranno operativi alcuni medici della regione, individuati tra coloro che si sono messi a disposizione, supportati dal personale della Croce Verde di Bellinzona e dai militi della
Protezione civile. Contemporaneamente saranno attive tre postazioni che permetteranno ognuna di effettuare una vaccinazione ogni 15 minuti, per un totale di un centinaio al giorno.
Il Centro rimarrà aperto nella giornata di venerdì (ore 9-12.30 e 13.30-18), sabato e domenica (entrambi i giorni ore 8-12.30 e 13.30-18). A dipendenza della disponibilità del vaccino
Moderna che verrà fornito alla Città, i turni di vaccinazione potrebbero continuare anche durante le giornate successive. Dopo la prima iniezione, sarà dato direttamente sul posto un appuntamento per il richiamo da effettuare a 28 giorni di distanza.

Gli anziani che rientrano nella fascia d’età aperta al vaccino ma che non si sono ancora annunciati, possono chiamare gli sportelli di quartiere e saranno inseriti nella lista in attesa delle successive forniture del preparato.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO