Immobili
Veicoli

CAMPIONE D'ITALIACovid in Comune. «C'è qualcuno che sparge paure»

07.01.21 - 16:15
Le autorità comunali si difendono dalle accuse di non aver rispettato i protocolli per evitare i contagi Covid
TiPress - foto d'archivio
Covid in Comune. «C'è qualcuno che sparge paure»
Le autorità comunali si difendono dalle accuse di non aver rispettato i protocolli per evitare i contagi Covid

Hanno usato tutte le misure che andavano prese per scongiurare contagi Covid, eppure alcuni dipendenti comunali di Campione d'Italia sono risultati positivi, tra cui anche il sindaco Roberto Canesi ricoverato alla clinica Moncucco. 

In un comunicato stampa diramato nel pomeriggio il Comune di Campione d'Italia ha precisato che l'Amministrazione comunale «ha attuato da subito i protocolli sanitari atti a tutelare la salute e la sicurezza dei lavoratori e di tutti gli utenti ed ha predisposto e continua a predisporre tutte le misure consigliate e indicate dagli Organi competenti per prevenire il possibile contagio da coronavirus».

Appena si è saputo del contagio dei dipendenti, l’Amministrazione comunale ha immediatamente provveduto ad adottare ulteriori misure per contenere il diffondersi del contagio, predisponendo la chiusura degli Uffici comunali al pubblico, nonché programmando la sanificazione degli spazi e verificando tramite test del tampone lo stato di salute di tutti i dipendenti in servizio. Insomma il Comune non ci sta alle accuse di negligenza che gli sono state rinfacciate da parte di alcuni esponenti comunali. «Abbiamo svolto, e stiamo svolgendo, tutto quanto di nostra competenza al fine di far rispettare tutte le indispensabili misure igienico-sanitarie necessarie alla prevenzione del contagio. Spiace notare, come anche in un momento particolarmente delicato, nel quale bisognerebbe mostrare vicinanza, c’è chi sparge ingiustificate paure, ipotizzando e cercando responsabilità, per i motivi di cui sopra, chiaramente inesistenti».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE TICINO