TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
5 ore
Eitan in aeroporto: «Non potevamo saperlo»
Lugano-Airport si smarca sul caso del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone
MAGADINO
8 ore
Cinque nuovi allievi piloti
A Magadino si sono svolte le selezioni finali. Tra 14 finalisti è stato scelto anche un ticinese
FOTO
LUGANO
10 ore
Incidente in via Brentani a Lugano
Scontro tra due auto. Una è finita contro un palo della luce
CANTONE
10 ore
Un'altra settimana di radar
Ecco dove rischierete di essere "flashati" da lunedì
BELLINZONA
11 ore
Un altro passo verso il nuovo ospedale
In pubblicazione a Bellinzona la variante di PR “Infocentro-Saleggi”
Attualità
13 ore
Come ci ha cambiati la pandemia?
Una campagna fotografica racconta i ticinesi al tempo del Covid. La mostra al Centro di dialettologia
CANTONE
14 ore
Una giornata tutta dedicata al Pedibus
Si è svolta oggi, anche in Ticino. A Torricella-Taverne i bambini hanno avuto degli ospiti d'eccezione
LUGANO
16 ore
Voglia di pulire, raccolti 200 chili di rifiuti
Quarantacinque volontari in lotta contro il littering
CUGNASCO-GERRA
16 ore
Duecentosei firme contro la canapa «che puzza»
La petizione è stata consegnata oggi al Municipio di Cugnasco-Gerra
LUGANO
16 ore
Lugano si prepara a celebrare l'autunno
Avrà luogo dal 1. al 3 ottobre prossimi la Festa d'autunno. Nei grottini solo col certificato Covid
CANTONE
17 ore
Il settore turistico ticinese ha retto il duro colpo della pandemia
Le autorità fanno il punto della situazione: i pernottamenti sono aumentati, anche grazie a campagne e promozioni
CANTONE
18 ore
Palazzo delle Orsoline e la foca si tingono di arancione
L'iniziativa avrà luogo questa sera per sottolineare la settimana d'azione “Sicurezza dei pazienti 2021”
FOTO
BIASCA
18 ore
Scontro tra due auto vicino allo svincolo di Biasca
L'incidente si è verificato questa mattina. Fortunatamente non si registrano feriti
CANTONE
18 ore
Covid di venerdì 17: altri 29 casi e una nuova quarantena a scuola
Non si registrano ulteriori decessi. I pazienti Covid scendono a 19.
LUGANO
18 ore
Tram-treno: pubblicato il nuovo bando di concorso
Quello precedente era stato annullato a seguito di due ricorsi accolti da Tribunale cantonale amministrativo
CENTOVALLI
18 ore
Cantiere notturno tra le stazioni di Intragna e Camedo
Da lunedì avranno inizio le operazioni per la posa della nuova linea di contatto ferroviaria.
CANTONE
20 ore
Castel San Pietro si fa più digitale
Il comune ha annunciato l'attivazione del servizio e-cittadino
MANNO/ LOCARNO
21 ore
Ecco perché questi studenti non si vaccinano
Alla SUPSI è in corso una rivolta silenziosa. Una raccolta firme contro il Certificato Covid. Le voci dei protagonisti.
LUGANO
22 ore
Stragi, killer e vite blindate (e non): parla Michele Santoro
Il famoso giornalista italiano sarà ospite questa sera all'Endorfine Festival di Lugano. Lo abbiamo intervistato.
CANTONE
1 gior
Vaccinazione, future mamme preoccupate
L'Eoc è confrontato con i dubbi delle donne in dolce attesa. Il primario Papadia fa chiarezza
LUGANO
1 gior
Un centro tamponi nel parcheggio del Casinò
La casa da gioco offre la possibilità di effettuare un test a tutti i suoi clienti che non dispongono del certificato.
LUGANO
20.12.2020 - 16:170
Aggiornamento : 20:07

“Sfrattato” o “troppo anziano” per restare?

Al Consiglio di Fondazione del Cardiocentro non è andato giù che al Prof. Moccetti sia stato dato un ultimatum di 3 mesi

L'EOC parla di «sterili polemiche» e della necessità di «accompagnare i pazienti con fiducia ai successori». Di fatto, sembra tutta una questione di tempistiche. Ma l'ospedale del cuore avverte: «Se necessario ci rivolgeremo al Consiglio di Stato».

LUGANO - Da una parte si parla di «vergognoso sfratto comunicato via e-mail in piena pandemia». Dall’altra di «semplice rispetto delle regole». La questione che ruota attorno alla persona del Prof. Tiziano Moccetti in meno di 24 ore è diventata un botta e risposta (di nuovo) tra Fondazione Cardiocentro (CCT) ed Ente ospedaliero cantonale (EOC). Proprio in seguito alla firma del contratto per l’integrazione dell’ospedale del cuore nell’Ente.

Per il Consiglio di Fondazione del Cardiocentro la mail ricevuta dalla Direzione e firmata dal presidente dell’EOC Paolo Sanvido, in cui si concedono al dottor Moccetti tre mesi di tempo per lasciare il Cardiocentro, è «una vendetta personale che ha il solo scopo di umiliarlo». Per il consiglio di amministrazione dell’EOC, invece, «il Prof. Moccetti ha sempre sostenuto che avrebbe lasciato la propria attività il 31 dicembre 2020».

L’Ente, inoltre, ha chiarito con un comunicato stampa - inteso a spegnere «sterili, personali e autoreferenziali polemiche» - che le direttive EOC «non consentono di proseguire l’attività clinica oltre i 70 anni». Una spiegazione che, però, non risponderebbe a quanto contestato dal CCT. Stando a nostre informazioni, infatti, il Cardiocentro non ha mai chiesto all'EOC di mettere il Prof. Moccetti sotto contratto. A metà ottobre la futura direzione dell’istituto (primari, responsabile infermieristico e direzione amministrativa) aveva formulato una proposta che sostanzialmente prevedeva che il dottore potesse visitare i suoi pazienti all’interno della struttura. Senza più essere operativo né con un ruolo dirigenziale, né in sala operatoria, né nei reparti ospedalieri. Un modo per agevolare la transizione e «accompagnare i pazienti ai successori» (proprio come scrive nella sua presa di posizione l’EOC). Niente contratti, niente impegni finanziari, ma neppure un termine di tempo.

Per il Consiglio di Fondazione del Cardiocentro si sarebbe trattato di una sorta di “omaggio” e una dimostrazione di “rispetto” nei confronti del Prof. Moccetti. Senza legami contrattuali né oneri legati alla sua carica, ma concedendogli il tempo necessario alla “transizione” dei pazienti. E magari “sfruttando” le sue competenze anche con gli studenti del master in Medicina dell’USI. Il fatto di avere “invitato” con una e-mail il fondatore del Cardiocentro ad andarsene entro tre mesi è forse il dettaglio che ha più infastidito il CCT. Un ultimatum che proprio non è andato giù.

Intanto, se da una parte il CdA dell’Ente chiede di «porre fine a polemiche sterili in questo momento difficile», il Consiglio di Fondazione del Cardiocentro si aspetta forse che il dichiarato «desiderio dell’EOC di rendere omaggio al Prof. Tiziano Moccetti» si concretizzi nell'azione pratica di non dargli un "ultimatum". Affaire à suivre?

In serata è giunta in redazione la (seconda) presa di posizione del Consiglio di Fondazione del Cardiocentro, che pubblichiamo integralmente.

In merito alla presa di posizione odierna dell'Ente ospedaliero cantonale, il Consiglio di Fondazione del Cardiocentro Ticino, precisa quanto segue: 

1. Il Consiglio di Fondazione del Cardiocentro, nel corso dell'ultimo anno e mezzo, ha sempre lavorato con massima lealtà e collaborazione con l'Ente Ospedaliero Cantonale, per assicurare un passaggio di consegne ordinato e che potesse dare garanzie circa la continuità nell'eccellenza delle cure, di cui la nuova direzione dell'istituto, insieme a tutto il personale, saprà farsi carico. L'obiettivo è stato raggiunto con la firma del contratto di venerdì scorso. Nel corso delle trattative ci era sempre stato assicurato che sarebbe stata trovata una soluzione adeguata e rispettosa per il Professor Moccetti e per i suoi pazienti. Dal canto nostro ci siamo fidati, lasciando che fosse la nuova direzione dell'istituto, e in particolare i primari, a trovare la soluzione migliore per il futuro Cardiocentro, nel rispetto dell’autonomia clinica sancita dagli accordi stipulati alla presenza del Consiglio di Stato. Per questo siamo sgomenti e amareggiati per la comunicazione ricevuta sabato mattina dal presidente dell’EOC;  

2. Nessuno ha mai chiesto all’EOC di assumere, in qualsiasi forma, il Professor Tiziano Moccetti. Questo sia per il rispetto dei regolamenti dell’Ente che per la volontà del Professor Moccetti, il quale ha sempre detto di non voler più avere alcun ruolo operativo all'interno del futuro istituto per rispetto del nuovo corso;

3. In data 21 ottobre la direzione del futuro istituto Cardiocentro (primari, direzione amministrativa e responsabile infermieristico), in piena autonomia, ha inviato all’EOC una proposta che prevedeva che il Professor Moccetti potesse continuare a visitare i suoi pazienti presso il suo studio - si ribadisce, non come dipendente EOC - per 2-3 mezze giornate alla settimana, senza aver più alcun ruolo dirigenziale, operativo o nelle attività di reparto. Una proposta ragionevole, nata su iniziativa dei clinici e quindi di carattere squisitamente medico, elaborata per il bene del Cardiocentro e dei suoi pazienti;

4. Il Professor Moccetti era evidentemente pronto ad assumersi interamente i costi dell'affitto degli spazi presso il Cardiocentro, del segretario e delle assicurazioni personali, senza voler gravare neanche per un franco sull’EOC;

5. Dopo alcune settimane, non ricevendo risposta alla proposta formulata dai primari, il Consiglio di Fondazione ha scritto al CdA dell'EOC, chiedendo di determinarsi sulla vicenda;

6. Il Consiglio di Fondazione, anche negli ultimi giorni, si era detto disponibile a concordare con l’EOC una soluzione alternativa, qualora la proposta dei primari non fosse stata accolta, per consentire al Professor Moccetti di chiudere il suo studio in tempi ragionevoli e accompagnare i suoi pazienti verso questo importante cambiamento; 

7. La risposta dell’EOC è giunta soltanto sabato 19 dicembre per e-mail, all’indomani della firma del contratto di trasferimento e a una decina di giorni dal passaggio formale del Cardiocentro all’EOC, senza che neppure il Consiglio di Fondazione fosse messo in copia per conoscenza. Tempistiche, modalità comunicative e stile si commentano da soli;

 8. Il Consiglio di Fondazione è profondamente addolorato nel leggere che il Consiglio d’Amministrazione dell'EOC giudichi “rispettoso” della storia del Professor Moccetti, fondatore del Cardiocentro, e dei suoi pazienti, un ordine di sfratto di tre mesi (tre mesi!), da compiersi in piena pandemia Covid19 e comunicato per e-mail (e-mail!) soltanto il 19 dicembre, a soli dieci giorni dal passaggio di consegne, cioè 5 minuti prima di mezzanotte;  

9. Il Consiglio di Fondazione respinge con forza questa imposizione al Professor Moccetti e ai suoi pazienti, alcuni dei quali anziani e gravemente ammalati, a dover sloggiare entro tre mesi;

10. Il Consiglio di Fondazione non arretra di un millimetro circa la richiesta che l'uscita del Professor Moccetti dal Cardiocentro venga concordata secondo tempistiche e modalità rispettose dei pazienti e, se necessario, si rivolgerà al Consiglio di Stato, garante degli accordi sottoscritti fra EOC e Cardiocentro.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-18 04:37:25 | 91.208.130.89