DT
CANTONE
14.09.2020 - 09:230

Lotta allo spreco alimentare casalingo e nei ristoranti

Il DT ha avviato una collaborazioni con alcune associazioni per sensibilizzare la popolazione sul tema.

Sono previsti momenti didattici, iniziative ed eventi, oltre alla diffusione di materiale informativo.

BELLINZONA - Nell’ambito della campagna nazionale contro lo spreco alimentare denominata «Save Food, Fight Waste», il Dipartimento del territorio (DT) ha avviato una collaborazione con l’Associazione delle consumatrici e dei consumatori della Svizzera italiana (ACSI), GastroTicino, WWF Svizzera, il Gruppo di Educazione Ambientale della Svizzera italiana (GEASI) e l’Azienda Cantonale dei Rifiuti (ACR). La collaborazione è volta a sensibilizzare la popolazione sul tema dello spreco alimentare attraverso la diffusione di materiale informativo, l’organizzazione di momenti didattici e la promozione di iniziative ed eventi mirati.

L’obiettivo comune sarà di ridurre lo spreco alimentare nelle economie domestiche, nel settore alberghiero e in quello della ristorazione. A questo proposito è importante sottolineare che, secondo un recente studio commissionato dall’Ufficio federale dell’ambiente (UFAM) al Politecnico federale di Zurigo, l’impatto ambientale associato a perdite di derrate alimentari è in larga parte (52%) causato dalle famiglie e dalla gastronomia. Considerando unicamente le economie domestiche svizzere, ogni anno vengono infatti gettati nel sacco dei rifiuti 90 chilogrammi pro capite di alimenti ancora commestibili, il che corrisponde a un costo annuo per persona superiore ai 600 franchi.  

Per sottolineare l’importanza del tema il DT sarà presente al Greenday 2020 in programma il prossimo 26 settembre a Bellinzona. In questa occasione saranno forniti alcuni utili consigli per ridurre i rifiuti alimentari e sarà allestita una bancarella che permetterà ai più piccoli di svolgere un’attività interattiva all’insegna della sostenibilità.  

Entro il 2030 la Svizzera è chiamata a ridurre di almeno la metà lo spreco alimentare pro capite, sia per quanto riguarda la vendita al dettaglio sia per le economie domestiche, come pure a contenere le perdite di cibo nelle catene di produzione e di fornitura. Questo impegno è coerente con quanto indicato dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.  

Il succitato studio e ulteriori indicazioni sul tema sono consultabili al seguente indirizzo online: www.ti.ch/sviluppo-sostenibile 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 01:37:24 | 91.208.130.86