Immobili
Veicoli
TiPress - foto d'archivio
CANTONE
30.07.2020 - 08:440

«Tenteranno in tutti i modi di trovare lavoro qui»

Il movimento Ticino&Lavoro esprime preoccupazione per la situazione e si rivolge al Cantone e a Berna

MANNO - «Il nostro cantone subirà una maggiore pressione da parte di lavoratori oltrefrontiera che cercheranno in tutti i modi e con tutti i mezzi di trovare condizioni di lavoro migliori in Svizzera». È l’allarme lanciato dall’associazione e il movimento Ticino&Lavoro in vista del mese di settembre, «causa termine del lavoro ridotto, fine del lavoro stagionale e fine blocco da parte dell’Italia al divieto dei licenziamenti».

Per questo motivo i fondatori dell’associazione, Omar Valsangiacomo e Giovanni Albertini, si rivolgono al governo cantonale e federale affinché «sospendano l’erogazione di permessi G (frontalieri)» e «mantengano lo stato di necessità». Agli Uffici regionali di collocamento viene invece chiesto di «potenziare i servizi e renderli più efficaci», evitando «inutili corsi e programmi occupazionali» e puntando piuttosto su «riqualifiche mirate e corsi di lingua».

Se da una parte «stanno sorgendo pagine social e portali con lo scopo per i lavoratori oltrefrontiera di trovare informazioni e un’occupazione nel nostro territorio», Albertini ha dal canto suo lanciato una petizione su change.org che ha finora raccolto oltre 250 firme.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 03:46:28 | 91.208.130.85