foto tio/deposit
AGNO
03.07.2020 - 06:300
Aggiornamento : 12:33

«Non sorrido da cinque anni»

Franco Boroni, 65 anni, ha ingaggiato un'interminabile battaglia legale. E nel frattempo è logorato dal mal di denti

AGNO - Franco Boroni avrebbe poco da ridere, di per sé. Ma comunque non può farlo. Da quattro anni affronta una causa legale interminabile: nell'attesa non può masticare, suonare il sax, né parlare troppo a lungo. Se gli capitasse di sorridere della propria sorte, sentirebbe subito una fitta dolorosa alla mascella. 

«È una lunga storia». Il 65enne di Agno si è rivolto agli avvocati nel 2017, a seguito di un'operazione dentaria. Il suo incarto è su una scrivania (o in un cassetto) della Pretura di Lugano, in attesa di una decisione.

Tutto è iniziato nell'estate 2015. Boroni masticando si rompe un ponte. Si rivolge a un dentista della regione, che gli propone di asportare dieci denti e realizzare due protesi: una per la mascella superiore, l'altra per quella inferiore. «Mi sono fidato» racconta il 65enne. «Ho acconsentito al trattamento, non immaginavo cosa mi attendesse». 

Il risultato è disastroso. Le protesi presentano «una distanza di quasi un centimetro dalla gengiva» si legge in un resoconto redatto dalla Commissione arbitrale della Società ticinese dei dentisti (Sso), a cui Boroni si è rivolto nel 2017. Nel frattempo il 65enne si è fatto realizzare un secondo paio di protesi "riparatrici", dallo stesso professionista: ma «anche queste erano difettose, mi si sono staccate dopo un'ora» racconta. «Le ho immediatamente restituite, e mi sono rivolto a un avvocato».

Inizia una causa privata. Ma il "mal di denti" di Boroni – che beneficia dell'invalidità – diventa anche un affare pubblico: è il Cantone, tramite lo Ias, a pagare la prestazione mal fatta. Il 65enne e il suo avvocato hanno presentato un esposto (tuttora pendente) alla Commissione di vigilanza sanitaria. «Lo Stato ha pagato per una prestazione ridicola, che mi ha causato solo danni» protesta il paziente.

I legali del dentista "incriminato" si sono opposti alla richiesta. Contattati, non commentano la vicenda e si limitano a sottolineare che «sul caso è ancora attesa una perizia giudiziale». La palla passa dunque agli esperti incaricati dalla Pretura. Che dovranno stabilire se, effettivamente, sussistono gli estremi per un risarcimento.   

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 13:37:25 | 91.208.130.87