Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Ticino
FAIDO
4 ore
«Tanta rabbia, da sola non ce l'avrei fatta»
Morena Pedruzzi racconta la lunga strada per uscire dall'incubo dell'attentato di Marrakesh
FAIDO
9 ore
Marrakesh, il racconto dieci anni dopo
Morena Pedruzzi è l'unica sopravvissuta ticinese all'attentato terroristico del 2011. Si racconta in un libro
FOTO
CANTONE
10 ore
Inaugurato il nuovo stabile dell'Istituto di ricerca in biomedicina
Il centro è pensato come «una nuova casa comune per la ricerca in biomedicina».
CANTONE
11 ore
L'Udc non parla con la Rsi
«Troppo parziale». I democentristi domani non commenteranno le votazioni ai microfoni di Comano
AVEGNO-GORDEVIO
17 ore
Doppia meraviglia nei cieli sopra ad Avegno
Il fenomeno è stato provocato da una doppia riflessione della luce solare dentro le gocce di pioggia.
FOTO E VIDEO
CUGNASCO-GERRA
17 ore
Fiamme dalla canna fumaria, intervengono i pompieri
L'incendio, divampato questa mattina a Cugnasco, si è propagato anche al tetto.
RIVA SAN VITALE
18 ore
A processo per tentato omicidio
Rinviata a giudizio la 43enne che sei mesi fa accoltellò al collo il compagno.
BOSCO GURIN
1 gior
«Rabbia per l'ingiustizia subita...» da Frapolli
Fumata nera dopo gli incontri: niente sconti a maestri e bambini da parte del gestore degli impianti
CANTONE
1 gior
«Aumento delle indennità al Gran Consiglio? No, grazie»
Presentata un'iniziativa parlamentare che chiede lo stralcio dell'automatismo degli aumenti
CANTONE
1 gior
Radar, ecco dove
Come ogni venerdì la Polizia comunica le località in cui potrebbero esserci controlli della velocità.
LOCARNO
1 gior
La Stranociada 2022 si sposta in Piazza Grande
Il carnevale di Locarno rinuncia alla tradizionale festa del venerdì in Città Vecchia.
CANTONE
1 gior
Eoc, terza dose ai dipendenti over 50
L'Ente ospedaliero apre il richiamo vaccinale per i collaboratori a contatto con i pazienti
CANTONE
04.05.2020 - 14:240
Aggiornamento : 17:16

Botta e risposta sulla scuola: «Non si può riaprire». Sull'altro fronte: «Serve positività»

Post Covid-19. Giovanni Cossi, sindaco di Vernate, attacca di nuovo il DECS: «Come ha fatto a decidere, il Governo?»

Nel mirino anche Andrea Pellegrinelli, rappresentante dei Comuni ticinesi: «Fuori posto. È un dipendente di Bertoli. Eppure ha avuto un ruolo importante». La replica: «Io sono stato oggettivo. Basta polemiche, i ragazzi hanno bisogno di tranquillità».

Non è la prima volta che Giovanni Cossi, presidente della conferenza dei sindaci del Malcantone si esprime con toni duri in merito alla riapertura delle scuole ticinesi, dopo l'emergenza Covid-19. Il recente battibecco mediatico con Manuele Bertoli, direttore del Dipartimento dell'educazione (DECS) ne è la prova. Il sindaco di Vernate, fermamente contrario alla ripresa delle attività tra i banchi, solleva nuovi dubbi. «Chiedere le dimissioni di Bertoli, come ipotizzato dal Movimento per il Socialismo (MpS), è assurdo. È stato il Governo a decidere all'unanimità. Allora dovremmo chiedere le dimissioni dell'intero Consiglio di Stato. Mi chiedo, tuttavia, come sono stati informati i colleghi di Bertoli. È stato loro detto tutto?». 

L'attacco a Pellegrinelli – Cossi se la prende anche con Andrea Pellegrinelli, sindaco di Capriasca, docente, nonché rappresentante dell’Associazione dei Comuni ticinesi e dell’Ente Regionale di sviluppo del Luganese. «Bertoli nella sua decisione di riaprire si è fatto sostenere da Pellegrinelli, che sostanzialmente è un suo dipendente. Non vedete un certo conflitto in tutto questo? Pellegrinelli era fuori posto, avrebbe dovuto rifiutarsi di avere un ruolo importante nella vicenda».

Critiche rispedite al mittente – Lo stesso Pellegrinelli, contattato da Tio/20minuti rispedisce ogni critica al mittente. «Rappresento l'Associazione dei Comuni ticinesi. Cossi è libero di esprimere la sua opinione in merito. Io sono stato interpellato e ho raccontato con oggettività come stanno le cose. Non nascondendo che ci sono anche dei problemi organizzativi e gestionali. Ma tutto questo fa parte della realtà, di una situazione complessa che si è creata un po' a tutti i livelli, non solo nell'ambito scolastico». 

Il diritto dei ragazzi – Pellegrinelli è comunque favorevole alla riapertura delle scuole. E lo ribadisce. «Andare a scuola è un diritto dei ragazzi. E noi dobbiamo fare di tutto per garantire loro questo diritto». Cossi non ci sta. E invia altre frecciate sia al DECS sia al sindaco di Capriasca. «Le idee del Cantone creano un sacco di difficoltà organizzative. E poi non siamo tranquilli. Chi ci rassicura di fronte al rischio di nuovi contagi?» Pellegrinelli è lapidario: «La scuola fa parte della società. Non possiamo mettere i ragazzi sotto una campana di vetro». 

Un Ticino spaccato in due – La diatriba tra i due sindaci sottocenerini dimostra come il Ticino sia letteralmente spaccato in due sulla riapertura delle scuole. Eppure, la data dell'undici maggio è sempre più vicina. I tempi stringono. Se da una parte le opposizioni si fanno sempre più pressanti, altri si chiedono se non sia il caso, perlomeno di fare un tentativo, dando fiducia a Bertoli, piuttosto che mettersi a fare ulteriori polemiche.

Poche settimane all'estate – «Il vero problema – sostiene Cossi – è che il Dipartimento ha preso questa decisione senza consultare nessuno. Né i docenti, né le autorità comunali, né i medici. Certo, abbiamo fatto una video conferenza, ma era già tutto ormai predisposto. A noi non restava che accettare. Riaprire per poche settimane non ha senso. Questo periodo ci doveva servire per pianificare al meglio la ripresa di settembre». 

Bisogno di serenità – Anche in questo caso Pellegrinelli non è d'accordo. «Le settimane che mancano alla fine dell'anno scolastico non sono poi così poche. E quella a distanza non può essere definita vera scuola. C'è stata massima trasparenza. Queste continue discussioni fanno solo male alla scuola e ai ragazzi, che ora hanno bisogno di serenità. Dovremmo trasmettere positività e tranquillità ai nostri allievi. E lasciare da parte le beghe politiche. Non capisco, ad esempio, perché la stessa discussione non la si faccia sulla riapertura dei ristoranti o di qualsiasi altro settore. Sono amareggiato».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 03:52:27 | 91.208.130.86