Lettore Tio/ 20Minuti
ULTIME NOTIZIE Ticino
MIGLIEGLIA
23 sec
Dal 6 giugno di nuovo sul Monte Lema
I ticinesi potranno beneficiare di uno sconto del 50% sulla funivia
BELLINZONA
36 min
Mercato del sabato "in maschera"
Gli avventori saranno «caldamente invitati» a indossare le mascherine. I venditori saranno obbligati a farlo.
LUGANO
1 ora
Alla Foce il distanziamento sarà garantito così
Sedute e arredo delimiteranno il numero di presenze e orienteranno i frequentatori nel mantenere le distanze
MENDRISIO
1 ora
Scorte sanitarie al posto dei migranti
Con la fine della crisi migratoria, il Centro provvisorio di Rancate cambierà destinazione.
CANTONE
3 ore
Dichiarazioni d’imposta, concessa una proroga
Invio possibile fino al 30 giugno per le persone fisiche e il 30 settembre per le persone giuridiche
LOCARNO / CENTOVALLI
4 ore
In futuro Locarno-Intragna ogni 30 minuti
FART e UFT hanno siglato la convenzione per l'avvio della progettazione della tratta
VIDEO
CANTONE
4 ore
Emergency Medice Day, c'è anche Tre Valli Soccorso
Per l'occasione è stato realizzato un video che mostra alcuni aspetti del soccorso pre ospedaliero ai tempi del covid
BELLINZONA
4 ore
Gestione dei Castelli, i risultati sono ancora positivi
Rispetto al 2018, il risultato è cresciuto di 30mila franchi
CANTONE
4 ore
Dall'EOC alla Facoltà di Biomedicina dell'USI
Il dottor Olivier Giannini, viceprimario di medicina interna all'OBV, è stato nominato libero docente.
CANTONE
4 ore
«Dobbiamo convivere con un ospite molto sgradito»
A seguito delle decisioni della Confederazione, oggi il Cantone ha fatto il punto sulla situazione del coronavirus
AVEGNO-GORDEVIO
09.04.2020 - 16:390
Aggiornamento : 17:48

Gli striscioni di Dadò sul Covid-19 "rubati": «Gravissima censura»

I messaggi mettevano in guardia i turisti sui rischi del nuovo coronavirus: «Popolo ticinese preso in giro».

«La colpa – sostiene l'esponente del PPD – è anche di Berna. Non sono mai state date direttive chiare. Andavano bloccati tutti gli spostamenti turistici in questi giorni». Maggia e Avegno: «Non condividiamo il gesto»

Ad Avegno-Gordevio, in Vallemaggia, gli "striscioni choc" che mettevano in guardia i turisti sui pericoli del Covid-19 sono già spariti. Qualcuno li ha rimossi a neanche 24 ore dalla loro posa. Fiorenzo Dadò, granconsigliere PPD, che privatamente aveva preso questa iniziativa è sconcertato. «Siamo di fronte a una censura gravissima – sostiene –. Chi li ha portati via, si faccia un esame di coscienza».

Sento tanta amarezza nelle sue parole...
«Al popolo ticinese è stato chiesto un grosso sacrificio in queste settimane. Un sacrificio che ha avuto ripercussioni sia sulla nostra vita sociale, sia sull'economia. Noi siamo stati chiusi in casa un mese. E ora ci ritroviamo qui i turisti delle case secondarie in vacanza. Ci si può sentire presi in giro, o no? E in ogni caso, uno avrà pure il diritto di espressione in un momento tanto delicato». 

Che spiegazione dà a questo sabotaggio?
«Evidentemente qualcuno privilegia gli interessi di pochi a scapito della salute pubblica». 

È preoccupato?
«Molto. La gente in giro è aumentata. Soprattutto nel Locarnese. Nei prossimi giorni nelle valli rischia di esserci il pienone. Spero che la polizia faccia tanti controlli. Non sono preoccupato solo per i turisti, bensì anche per alcuni ticinesi che non hanno ancora compreso la gravità della situazione». 

Segnalare eventuali assembramenti di massa ai media è corretto secondo lei? Alcuni utenti ticinesi si irritano di fronte a questa ipotesi. 
«Prima di tutto andrebbero fatti alla polizia. Gli assembramenti di massa, in ogni caso, al momento sono vietati. Non vedo dove sta il problema nel segnalare ai media violazioni gravi che potrebbero nuocere alla salute di tutti. Segnalazioni che, allo stesso tempo, potrebbero essere utili anche alle autorità». 

Berna doveva chiudere il Gottardo?
«No. Berna doveva proibire qualsiasi spostamento a scopo turistico in tutta la Svizzera, in questi giorni. Non possiamo rimproverare nulla al Governo ticinese. Il problema è che da Berna non sono mai arrivate direttive chiare. Sempre ordini a metà... Il Ticino resta nei pasticci perché da Palazzo Federale non c'è mai stata chiarezza».

I Municipi di Maggia e Avegno criticano Dadò: «Strumentalizzazione di immagini»
Gli striscioni sulla passerella non sono piaciuti ai Municipi di Maggia e Avegno Gordevio che, in un comunicato stampa, parlano di «strumentalizzazione di immagini della terapia intensiva per fermare i turisti d'oltralpe». I due Esecutivi si distanziano dall'iniziativa di Fiorenzo Dadò ed «esprimono il proprio disappunto, sottolineando l'evidente sproporzione di un gesto che coinvolge, per la scelta del luogo di esposizione, l'intera valle». I due Municipi ribadiscono comunque e «con forza come questo sia il peggior momento per decidere in modo temerario di passare le vacanze di Pasqua in Ticino». Ma toni e modi usati da Dadò, aggiungono, «arrischiano di incidere negativamente in futuro sulla vocazione turistica della nostra regione e dell'intero cantone».

Foto Fiorenzo Dadò
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-28 15:04:32 | 91.208.130.86