Keystone - foto d'archivio
CANTONE / CINA
30.03.2020 - 13:030
Aggiornamento : 14:01

Mascherine, guanti e camici arriveranno dalla Cina

La richiesta di aiuto è stata gestita dalla Camera di commercio Cina-Svizzera.

Un boeing 747 dovrebbe atterrare settimana prossima a Ginevra-Cointrin.

BELLINZONA - Mascherine, guanti, camici, occhiali e termometri per un peso complessivo di 92 tonnellate. È il materiale che arriverà la prossima settimana dalla Cina (su un Boeing 747) e che andrà a finire (anche) nelle strutture ospedaliere ticinesi per far fronte all'emergenza coronavirus.

 

Tre altri voli dello stesso tipo dovrebbero seguire, hanno fatto sapere oggi i responsabili della Camera di commercio Cina-Svizzera e della Camera di commercio, industria e servizi di Ginevra (CCIG), confermando una notizia in tal senso della radio romanda RTS.

Una richiesta di aiuto - Questi due organismi sono stati sollecitati da nove strutture ospedaliere cantonali e quattro federazioni di farmacisti svizzere. Queste ultime erano pronte a finanziare l'acquisto di materiale di protezione medico, mascherine e guanti in primis, ma non avevano la rete per entrare in contatto con i produttori di questi beni in Cina. La risposta della Camera di commercio Cina-Svizzera e della CCIG è stata immediata. Una cellula è stata creata per questa richiesta d'aiuto, ha spiegato il direttore della CCIG Vincent Subilia. L'ambasciatore di Cina in Svizzera, Geng Wenbing, è stato così avvicinato e lui stesso ha contattato il ministero del commercio cinese.

Un'impresa si è attivata per la produzione - «Non volevamo lanciarci in tale operazione senza ottenere garanzie statali» in Cina, ha sottolineato dal canto suo Christophe Weber, presidente della Camera di commercio Cina-Svizzera (sezione romanda). Il ministero del commercio cinese ha rapidamente designato un'impresa per fabbricare il materiale di protezione medico necessario.

Pronti per la spedizione - Attualmente mascherine, guanti, camici, occhiali e termometri sono in un deposito vicino a un aeroporto di Shanghai. La SGS si è incaricata gratuitamente del controllo del materiale che verrà spedito in Svizzera. L'aereo, un Boeing 747, dovrebbe atterrare la prossima settimana allo scalo di Ginevra-Cointrin, anche se per il momento Subilia preferisce utilizzare il condizionale. A causa della crisi sanitaria senza precedenti, i tempi di sdoganamento sono "giganteschi". Lo spazio aereo è inoltre completamente saturo per i voli cargo.

10 milioni di franchi - Il costo dell'ordinazione ammonta a circa 10 milioni di franchi, senza contare le spese di trasporto. Le autorità cantonali ticinesi e romande hanno sostenuto finanziariamente questa operazione. La Confederazione, invece, è stata un po' più lenta a reagire. Alla fine ha dichiarato che ogni iniziativa in tal senso era da accogliere positivamente.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-12 05:32:45 | 91.208.130.85