Depositphotos
ITALIA / CANTONE
07.08.2019 - 23:080
Aggiornamento : 08.08.2019 - 09:06

Artisa smentisce il Sole 24 Ore: «Eravamo i migliori offerenti e senza vincoli»

Un membro del gruppo ticinese ha voluto fare alcune precisazioni sull'acquisto di Torre Velasca: «La storia dell'albergo è una fandonia. Domani il quotidiano italiano effettuerà una rettifica»

MILANO - La saga in merito alla vendita di Torre Velasca si arricchisce di un nuovo capitolo. Ed è Artisa a scriverlo. Il gruppo ticinese, infatti, smentisce con forza quanto riferito oggi dal quotidiano Sole 24 Ore in merito alle «ipotetiche clausole di difficile realizzazione» citate nell'articolo. «Noi abbiamo offerto 170 milioni di euro senza alcuna condizione» - precisa un membro di Artisa da noi contattato. «Anche la storia dell'albergo è una fandonia. Abbiamo fornito tutti i documenti al quotidiano italiano che domani effettuerà una rettifica».

Il gruppo Unipol ha quindi concesso l’esclusiva (fino al 30 settembre) al colosso americano Hines - titolare di un portafoglio da due miliardi di euro - benché esso abbia offerto 20 milioni in meno rispetto ad Artisa. «È una loro scelta e dovranno giustificarla davanti ai loro azionisti essendo Unipol quotata in borsa», incalza il membro del gruppo ticinese. «Ripeto, noi abbiamo formulato la migliore offerta e senza alcun vincolo. Forse ci hanno considerato come degli outsider fastidiosi e ci hanno escluso per questo. Ma se eravamo stati accettati è perché avevamo le credenziali per concorrere».

Per il gruppo ticinese è uno smacco doppio, visto che ha speso diversi soldi per proporre l'offerta d'acquisto della Torre simbolo di Milano. «Abbiamo investito 200'000 euro solo per fare la proposta. Abbiamo contattato diversi professionisti che hanno analizzato il potenziale del grattacielo e lo hanno valutato 170 milioni. La cifra che abbiamo offerto». 

Insomma in questo caso il miglior offerente non vince. Stranezze del mercato immobiliare.

Commenti
 
pulp 3 mesi fa su tio
A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca :-) Sembrerebbe questo l'aforisma più esplicativo di questa situazione, anche perchè, pur ammettendo che ci siano delle "restrizioni", mi sembra importante la differenza (20 mio). Probabilmente qualcuno ha oliato meglio certi ingranaggi.
falcodellarupe 3 mesi fa su tio
innanzi tutto se è un'asta pubblica le norme sono chiare, se è come dice Artisa le cose si chiariranno, se la gara è alla migliore offerta la storia è semplice, a meno di problematiche non comunicate.
grumpy 3 mesi fa su tio
Si, le stranezze del mercato immobiliare. In particolar modo se italiano.
Equalizer 3 mesi fa su tio
Perché non mi meraviglio della mossa degli italiani?
Vi In 3 mesi fa su fb
Svizzeri lontani da torre velasca!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-12 20:54:17 | 91.208.130.86