ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
8 ore
«Donne (non) ricordate nello stradario»
La proposta, sotto forma di interpellanza sull'esempio di Mendrisio
CANTONE
11 ore
«Perché non puntare anche sullo Sputnik?»
Ay, Ferrari (PC), Galeazzi (UDC) e Alberti (Lega) chiedono al Governo una diversificazione dei vaccini anti-Covid-19
CANTONE
13 ore
I giochi sono quasi fatti, le prime reazioni
Giovani UDC: «Una vittoria della libertà». Ghiringhelli: «Missione compiuta». I Verdi: «Ha vinto il populismo»
GORDOLA
14 ore
Risanamento delle scuole al Burio: passano due "Sì"
I cittadini di Gordola hanno votato a favore del credito per i lavori all'istituto scolastico
FOTO
RIVIERA
15 ore
Prima contro un albero e poi giù dalla scarpata
L'incidente è avvenuto poco prima delle 8 di questa mattina a Lodrino
LUGANO
17 ore
L'incubo ricorsi si allunga: ce n'è un terzo
Anche il Team Lug, dopo Skn e Northern Lights, si è rivolto al Consiglio di Stato per la questione aeroporto di Agno
CANTONE
18 ore
Il tempo per cambiarsi è tempo di lavoro: «Anche presso l'EOC?»
L'MPS interpella il Consiglio di Stato sulla situazione nelle strutture ospedaliere cantonali
VIDEO
CANTONE
18 ore
Oggi è la Giornata del malato
Se la pandemia limita le visite in ospedali e case di cura, ci pensa la tecnologia a unire le persone resilienti
CANTONE
19 ore
Sono 55 i nuovi casi di Covid-19 in Ticino
Nei primi sette giorni di marzo sono state identificate in totale 358 nuove infezioni
CONFINE
1 gior
Scoperta una variante rarissima
C'è solo un altro caso al mondo di questa mutazione, ed è stato riscontrato in Thailandia
BELLINZONA
06.02.2019 - 17:580
Aggiornamento : 21:59

Dss, ecco la lettera sugli abusi: «Ci provava con le ragazze»

Nuovi particolari sul caso dell'operatore sociale condannato per coazione sessuale. Un suo ex superiore, contattato al telefono, si limita al «no comment»

BELLINZONA - Assume i contorni di un domino il caso degli abusi all'interno del Dss, scoppiato dopo la condanna di un ex operatore sociale per coazione sessuale. La seconda tessera a “cadere”, martedì, è stato il funzionario in pensione Ivan Pau-Lessi. 

All'epoca superiore del condannato, Pau-Lessi si è autosospeso dal Consiglio della magistratura e dalla Commissione cantonale di coordinamento per l’aiuto alle vittime di reati (di cui è presidente dal 2016), in attesa che l'inchiesta interna faccia chiarezza su cosa accadde nel Dipartimento. Le molestie vennero nascoste? Chi ne era al corrente? È quanto chiedono i deputati Fiorenzo Dadò (Ppd) e Boris Bignasca (Lega) in un'interpellanza  presentata oggi al governo.

«Tre giovani vennero a lamentarsi da me. In nessun caso tuttavia qualcuno mi parlò di rapporti sessuali, men che meno estorti» si legge nella lettera di Pau-Lessi, di cui tio/20minuti è venuto in possesso. L'ex funzionario afferma di avere fatto rapporto «con i miei superiori» e cita un dirigente tutt'ora alle dipendenze del Dss.

Da noi contattato, quest'ultimo si è detto sorpreso e si è limitato al «no comment». Nella lettera invece Pau-Lessi precisa che «ne parlai con» e fa il nome del dirigente «ma del tema dell'operatore sociale e non di rapporti sessuali». 

«Non ho assolutamente memoria che mi sia stato riferito di abusi sessuali» continua la lettera - che pubblichiamo in allegato. In un passaggio, però, Pau-Lessi ammette un particolare: le presunte vittime gli avrebbero detto che l'operatore «ci provava» con le ragazze. Un campanello d'allarme che, forse, non ha suonato abbastanza. 

Il Consiglio di Stato: «Ne prendiamo atto» - In serata è arrivata pure la presa di posizione del Consiglio di Stato che conferma di aver ricevuto la lettera con cui Ivan Pau-Lessi ha deciso di autosospendersi dalla Commissione cantonale di coordinamento per l’aiuto alle vittime di reati, di cui è Presidente dal 2016. «La decisione - precisa il Governo - è stata presa in assoluta autonomia e fa seguito alla sentenza pronunciata settimana scorsa dalla Corte delle Assise criminali nei confronti di un ex-funzionario del DSS e alla conseguente apertura di una procedura di accertamento da parte del Consiglio di Stato sulla gestione del caso in seno all’Amministrazione.  L'interessato - sottolinea il Consiglio di Stato - ha rilevato di aver compiuto questo passo per permettere alla Commissione di continuare a svolgere il proprio ruolo con l’autorevolezza e la tranquillità necessarie. Il Governo - ricordiamo - subito dopo la sentenza aveva infatti incaricato il Capo delle risorse umane e il Consulente giuridico del Consiglio di Stato di procedere con degli accertamenti sulla gestione del caso all’interno dell’Amministrazione cantonale.

Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-08 05:08:53 | 91.208.130.85