tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
BELLINZONA
2 min
Mercato del sabato "in maschera"
Gli avventori saranno «caldamente invitati» a indossare le mascherine. I venditori saranno obbligati a farlo.
LUGANO
31 min
Alla Foce il distanziamento sarà garantito così
Sedute e arredo delimiteranno il numero di presenze e orienteranno i frequentatori nel mantenere le distanze
MENDRISIO
45 min
Scorte sanitarie al posto dei migranti
Con la fine della crisi migratoria, il Centro provvisorio di Rancate cambierà destinazione.
CANTONE
2 ore
Dichiarazioni d’imposta, concessa una proroga
Invio possibile fino al 30 giugno per le persone fisiche e il 30 settembre per le persone giuridiche
LOCARNO / CENTOVALLI
3 ore
In futuro Locarno-Intragna ogni 30 minuti
FART e UFT hanno siglato la convenzione per l'avvio della progettazione della tratta
VIDEO
CANTONE
3 ore
Emergency Medice Day, c'è anche Tre Valli Soccorso
Per l'occasione è stato realizzato un video che mostra alcuni aspetti del soccorso pre ospedaliero ai tempi del covid
BELLINZONA
3 ore
Gestione dei Castelli, i risultati sono ancora positivi
Rispetto al 2018, il risultato è cresciuto di 30mila franchi
CANTONE
3 ore
Dall'EOC alla Facoltà di Biomedicina dell'USI
Il dottor Olivier Giannini, viceprimario di medicina interna all'OBV, è stato nominato libero docente.
CANTONE
4 ore
«Dobbiamo convivere con un ospite molto sgradito»
A seguito delle decisioni della Confederazione, oggi il Cantone ha fatto il punto sulla situazione del coronavirus
CANTONE
4 ore
Un corso per specialisti in amministrazione pubblica
La formazione, della durata di due anni, è strutturata in cinque moduli
CANTONE
4 ore
Coronavirus: due nuovi contagi
Il numero dei morti resta immutato. Aumenta, invece, quello dei dimessi
CHIASSO
11.09.2018 - 07:300
Aggiornamento : 09:28

«Sì, le prostitute vengono a piangere in chiesa da me»

Ha fatto discutere una recente omelia di don Gianfranco Feliciani. Il sacerdote di confine rincara la dose: «Ticinesi ipocriti, nessuna di queste donne è felice»

CHIASSO – «Chiudiamo le porte ai profughi, ma con tanta ipocrisia facciamo entrare le prostitute. Magari definendole artiste». È in sintesi il pensiero espresso da don Gianfranco Feliciani, arciprete di Chiasso, durante una recente omelia. Parole che sono rimbalzate da un media all’altro. E che oggi il sacerdote non si rimangia. «Noi ticinesi siamo ipocriti e indifferenti – spiega a Tio/ 20 Minuti –. E ci dimentichiamo di quanta sofferenza c’è in chi è costretto a vendere il proprio corpo».

Don Feliciani, Chiasso è una specie di “capitale ticinese” delle luci rosse. Che effetto le fa essere parroco in un luogo del genere?

Le mie parole rappresentano l'eco di tutto quello che la gente onesta di Chiasso, credente o meno, pensa. È inutile dire che la prostituzione è il mestiere più vecchio del mondo, solo per metterci a posto la coscienza. Queste ragazze spesso sono sfruttate. E nella maggior parte dei casi sono donne disperate.

Il suo non è dunque solo un discorso di morale cristiana?

Ci mancherebbe. Il mio è un discorso umano. Il vero peccato non è il piacere del sesso. Assolutamente. In questo caso è lo sfruttamento della miseria altrui. In Svizzera c'è la schiavitù del sesso. E tutti ne siamo complici. I profughi che fuggono dalla guerra e dalla fame non li vogliamo. Mentre permettiamo che queste povere donne finiscano nelle mani di uomini senza scrupoli.

Lei è a Chiasso da 17 anni. Ha conosciuto personalmente alcune di queste ragazze?

Molte, in particolare originarie dell’est. Alcune vengono in chiesa a confidarsi. Molte volte piangono. C’è anche chi viene a messa. Poi spariscono. Perché vengono spostate. Capita che ritornino. Per poi andarsene di nuovo. Vivono nell’angoscia, nella paura delle malattie, non si sentono persone. Anche perché la maggior parte del tempo la trascorrono nei loro appartamenti o nelle loro stanze. Si sentono oggetti.

Cosa le raccontano?

C’è chi vuole farla finita. Altre si sentono terribilmente sole. Altre ancora chiedono perdono. Spesso si tratta di donne credenti. La situazione di miseria ti avvicina a Dio.

Sono circa 300 le prostitute dichiarate in Ticino. Molte di queste lavorano a Chiasso. I suoi parrocchiani come percepiscono questo fenomeno?

Capiscono che c’è dell’ingiustizia dietro a questa situazione. Neanche i politici sono contenti. Ma li vedo un po’ soli. Intendiamoci, non si può fare sparire la prostituzione. Ma contenerla sì.

Eppure, negli ultimi anni sono stati messi paletti ben definiti a livello cantonale…

Sì. Ma questa è burocrazia. Io, lo ripeto, parlo di umanità. Forse la gente dovrebbe ribellarsi maggiormente a quello che ormai diamo per scontato. Si pensa che le prostitute si divertano e che guadagnino pure bei gruzzoletti, punto. Non si va oltre. È un po’ come se la maggior parte dei ticinesi se ne fregasse.

Come giudica la scelta di una donna che vende il proprio corpo? È davvero inevitabile in certe circostanze?

Io sono stato anche nel terzo mondo. La disperazione e la fame possono portare a tutto. Ho visto mamme mutilare un bambino per provocare compassione nei passanti a cui chiedere l’elemosina.

In alcuni casi, dunque, non c’è alternativa alla prostituzione?

Sì che c’è. Ma serve qualcuno che ti aiuti a non scivolare nel baratro. Noi, a Chiasso, siamo riusciti a salvare alcune ragazze, a farle uscire dal giro. Ricordo con una certa commozione la storia di una ragazza che era rimasta incinta. E che era stata ospitata, di nascosto, da una famiglia di chiassesi.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-28 14:30:55 | 91.208.130.86