TiPress
ULTIME NOTIZIE Ticino
AGNO
1 ora
Interruzioni notturne sulla linea FLP
GAMBAROGNO
10 ore
Centocampi in bilico: il giovane agricoltore getta la spugna?
LUGANO
12 ore
Lo Stato alla caccia delle imposte non pagate dal direttore della Aston
LUGANO
13 ore
Sebalter per festeggiare il 25esimo anniversario di Apple da Manor
SEMENTINA
13 ore
Associazione dei Contabili-Controller, premiati i neo-diplomati
CANOBBIO
14 ore
Rilasciato l'ex municipale, docente e allenatore accusato di pedofilia
CADENAZZO
15 ore
Tamponamento sull'A2 prima della galleria del Monte Ceneri
CANTONE
16 ore
L'occhio del radar scruta mezzo cantone
MUZZANO
16 ore
I tre sindacati al Corriere: «Ritirate i licenziamenti!»
CANTONE
17 ore
Erosione delle Guardie di confine, il PLR interroga il Governo
CANTONE
17 ore
«Bisogna incentivare i giovani ad usare i mezzi pubblici»
AQUILA
17 ore
Incidente nel nucleo di Aquila
BELLINZONA
17 ore
Giovani in piazza per salvare il clima
CANTONE
18 ore
Due importanti nomine per De Rosa
BELLINZONA
18 ore
«Ci hanno tagliati fuori dal mondo senza preavviso»
CANTONE
27.11.2017 - 08:040
Aggiornamento : 10:00

Argo 1, Dadò scrive ai ticinesi «moderati e non rancorosi»

Il presidente del PPD ha deciso di spedire una lettera personale sul caso a tutte le economie domestiche del cantone

BELLINZONA - Una lettera personale indirizzata ai ticinesi sul caso Argo 1. È in questo modo che Fiorenzo Dadò ha scelto di dire ciò che pensa sulla vicenda scoppiata nove mesi fa e che ha travolto la sua vita privata e di politico.

La lettera - che sarà trasmessa in 200’000 copie alle economie domestiche del cantone - è stata preannunciata dal Corriere del Ticino. Dadò si rivolge al «Ticino moderato, non rancoroso», con una domanda retorica: «Perché tanta cattiveria?».

La sua difesa, a 360 gradi, è di essere stato coinvolto in uno scandalo in cui «non c’entra assolutamente nulla», di essere stato travolto da una «campagna d’odio e disinformazione». Dadò accusa di mobbing «politici, organi di stampa e giornalisti» che «presentano Argo 1 facendo credere di aver individuato i responsabili» prima che le inchieste si concludano, che «colpiscono con il bazooka chi non ha nessuna responsabilità». La conseguenza che Dadò sostiene di vivere sulla sua pelle è il «danno all’immagine e alla salute delle persone innocenti e dei rispettivi familiari». A questo proposito riprende il caso della sua compagna Carmela Fiorini, sulla quale ritiene che «ci si accanisca» nonostante i dubbi sul suo comportamento siano caduti.

Fiorenzo Dadò nel suo lungo sfogo punta il dito contro la stampa ticinese - in particolare laRegione, il Caffé e la Rsi - che «presi da una foga compulsiva sono stati in grado di tirarmi in causa centinaia di volte». Un comportamento definito nella lettera «accanimento e giornalismo da lavanderia».

Il presidente del PPD conclude augurando di trovare la pace interiore a chi ha mostrato «astio e accanimento» con «odio e cattiveria», promettendo di continuare a impegnarsi con il suo partito per affrontare le sfide del cantone e le difficoltà delle famiglie.

Leggi il Focus su Argo 1, tutto quello che c'è da sapere sulla vicenda.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-25 09:40:43 | 91.208.130.86