foto tio.ch/20min
L'ingresso della casa di Schaub
+5
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
7 ore
Torna il Rally, e il pubblico risponde presente
Molti ticinesi non sono voluti mancare al ritorno del Rally Ronde del Ticino
Lugano
10 ore
Lugano Creativa, l'evento di artigianato che unisce adulti e bambini
La fiera torna questo weekend per la sua seconda edizione
LUGANO
13 ore
Strappa la collanina, scatta l'arresto
Riaperte le discoteche in seguito alle chiusure Covid, si sono riaffacciati anche i malviventi
MENDRISIO
13 ore
Architettura, 152 laureati all'Usi
Il rettore Erez ha consegnato oggi i diplomi agli studenti
CANTONE
13 ore
Parità di genere? «C'è ancora molto da fare»
È quanto è emerso oggi dall'assemblea del Coordinamento donne della sinistra
CENERI
16 ore
Testa-coda sul Ceneri
Incidente sulla Cantonale oggi a mezzogiorno. La polizia è sul posto
Chiasso
16 ore
Prove di un Nebiopoli covid-safe
L'obiettivo degli organizzatori è capire se nel 2022 sarà possibile tornare a proporre la festività in formula piena
FOTO
ONSERNONE
1 gior
Fiamme al Centro servizi di Berzona
Sono intervenuti i pompieri di Locarno che hanno spento il fuoco
LUGANO
1 gior
Un "corridoio vasariano" a luci rosse tra Iceberg e Moulin Rouge
Progetto di passerella per unire i due locali erotici in un solo postribolo da 60 stanze
CANTONE
1 gior
Valle di Blenio senza radar, Luganese sotto stretta sorveglianza
La prossima settimana nessun radar mobile in Valle di Blenio. Nel Luganese possibili controlli in ben 23 località.
CUGNASCO-GERRA
1 gior
Insieme all’autunno arrivano sempre le castagne
Gli organizzatori invitano tutti per sabato 25 settembre, vi aspetteranno musica, divertimento e tante caldarroste.
CANTONE
1 gior
Nella Valle del Sole baciati dal sole
Dopo un anno di pausa, si è svolta ieri la Giornata cantonale dei Sentieri.
CADENAZZO
1 gior
Due anni di lavori per 7 km di strada: «È inevitabile»
La strada cantonale tra Cadenazzo e lo svincolo di Rivera avrà un cantiere per 24 mesi.
VERZASCA
1 gior
Chiusa per una notte parte della cantonale Gordola-Sonogno
La strada in zona Lavertezzo chiesa sarà chiusa da giovedì 30 settembre alle 20 al primo ottobre alle 5.30.
MENDRISIO
1 gior
Maltempo in arrivo: domenica il treno del Generoso si ferma
Per questioni di sicurezza, i convogli non circoleranno e il Fiore di pietra resterà chiuso
FOTO
LOCARNO
1 gior
Pompieri in via Bustelli, incendio in una lavanderia
La strada è stata chiusa. Sul posto sono accorsi i pompieri, un'ambulanza e alcuni agenti di polizia
CANTONE
1 gior
Entrata in Svizzera: ecco il modulo per notificare il secondo test
Dallo scorso 20 settembre all'ingresso nel nostro paese per i non vaccinati vale la regola del doppio test
FOTO
CANTONE
1 gior
In trecento per “Ti ho raccolto”
La scorsa domenica l'evento ha avuto successo nonostante la pioggia
BERZONA
26.07.2017 - 06:050
Aggiornamento : 16:10

Vivono da eremiti nei boschi della Verzasca: ecco le foto

Nella valle assaltata dai turisti italiani, c'è chi si è rifugiato nella natura per «fuggire alla civiltà». Siamo andati a trovarli

BERZONA - La valle Verzasca non piace solo ai turisti italiani, attirati dai video su Youtube. Le "Maldive di Milano" sono da tempo meta di visitatori di ben altro tipo, che schivano le spiagge brulicanti di ombrelloni e non gradiscono il caos della civiltà. «Siamo venuti qui proprio per vivere lontano dalla folla, nella pace della natura» raccontano la signora e il signor Stucki, coppia di pensionati bernesi che da tre anni vive in un eremo selvaggio tra i boschi sopra Berzona. In realtà alle pendici dei Monti di Motti, secondo il Municipio di Vogorno, diversi nuclei familiari vivono inghiottiti dalla foresta: per scovarli, tio.ch/20minuti ha dovuto salire a piedi per un sentiero non segnalato, unica via d'accesso. 

Selvaggi con l'e-commerce - I moderni eremiti non si nascondono, a dire il vero. All'imbocco del sentiero una catasta di bucalettere ne riporta i nomi: Staub, Stucki, Weber. T rasferitisi dalla Svizzera interna, non rinunciano ad alcune comodità: «Escono dal bosco una volta a settimana o anche meno, per fare la spesa» raccontano in paese. C'è persino chi fa acquisti online (la zona è coperta dalla rete di Salt) e si fa recapitare la merce alla soglia della foresta presso una vecchia (ma funzionante) teleferica. Al vicino grotto di Berzona «abbiamo l'abitudin e di conservare per loro i numeri dei quotidiani svizzero-tedeschi» spiega la gerente: «Passano regolarmente a ritirarli» anche se, concordano tutti, «incrociarli quaggiù è una rarità».

«Vacanza diversa» - In effetti la strada nel bosco non è breve. Dopo un'ora di cammino si raggiungono le prime abitazioni: cascine più o meno diroccate e costruzioni abusive, capanne di legno sugli alberi, piccoli orti. «Viviamo qui durante i mesi estivi, solo per le vacanze» racconta una coppia di svizzero tedeschi che abita un rustico ristrutturato. «Per noi è un luogo per una vacanza un po' diversa».

Scelte estreme - Ma c'è chi si spinge oltre. Più addentro nella foresta i coniugi Stucki vivono nove mesi all'anno tagliati fuori dal mondo. Si cibano di ortaggi coltivati in una serra artigianale, fanno il bagno all'aperto in una tinozza svedese. «Torniamo a Berna solo con la neve, d'inverno. La nostra idea, comunque, non è di vivere per sempre in queste condizioni. Qualche anno di ritorno alla natura, per provare» spiega il signor Stucki, ma aggiunge allusivo: «Altri però hanno fatto una scelta ancora più estrema».

Il leggendario Schaub - Stucki ci indirizza dunque verso un altro "vicino di casa" (che in realtà, scopriremo, abita a centinaia di metri di distanza). Il nome, Michael Schaub, è quasi leggendario a Berzona. Dicono che si cibi di bacche e ami tingersi il pizzetto di colori sgargianti. Ma la barba è semplicemente grigia quando - dopo aver smarrito il sentiero due volte - lo incontriamo sulla soglia di casa. A quasi 70 anni Schaub vive di lettura e poco altro. La sua capanna - un tradizionale "graa" ampliato e ristrutturato - è strapiena di libri e ritagli di giornali appesi ai muri. «Prima avevo qualche animale, ora sono stanco anche solo per fare l'orto» racconta. «Passo la giornata a studiare e informarmi».  

Solitudine completa - Le visite di Schaub fuori dal bosco, dicono in paese, ultimamente si sono fatte persino più rare. L'anno scors o la sua compagna Eva Maria Ott, ex insegnante d'asilo (come lui) nonché poetessa, è deceduta a 84 anni dopo una lunga malattia. Non ha mai lasciato la foresta: un elicottero è venuto a prelevare la salma alcuni giorni dopo il decesso. In paese, la scena è ancora narrata come un evento. «Eravamo venuti qui negli anni '90, seguendo il sogno di vivere lavorando la terra, in accordo con la natura» ricorda Schaub. Intanto, dalla soglia di casa abbraccia con lo sguardo i suoi «due laghi» - quello di Vogorno e il Maggiore - uno scorcio che, a suo dire, «nessuno in Svizzera può vantare». Ma se gli si chiede se intenda restare qui fino alla fine, sembra esitare. «Vedremo» sospira.  

foto tio.ch/20min
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
neuropoli 4 anni fa su tio
'na settinama la farei pure io! ma non si può usale quella sorta di teleferica anche per il trasporto umano?
lu72fl 4 anni fa su tio
Certo che di www.tio.ch siete veramente IGNORANTI in geografia!! Berzona si trova nella VAL ONSERNONE! e non nella Verzasca. Asini!
saetta 4 anni fa su tio
@lu72fl Berzona è una frazione di Vogorno. Informati prima di insultare e parlare a sproposito...esiste anche Google Maps ;-|
Equalizer 4 anni fa su tio
@lu72fl Piza l'brain soci...
saetta 4 anni fa su tio
@lu72fl Esiste Berzona in valle Onsernone, ma qui chiaramente si parla della Verzasca
red 4 anni fa su tio
@lu72fl Magari prima di insultare diamo una controllatina in internet, che ne dici lu72fl? Può essere un'idea per il futuro? Come ha ben detto il blogger Saetta, Berzona è anche una frazione di Vogorno.
SosPettOso 4 anni fa su tio
...hanno fatto la domanda di costruzione? Hanno rispettato tutte le regole imposte da Berna?
sedelin 4 anni fa su tio
@SosPettOso che palleeeeeeee
Tato50 4 anni fa su tio
@SosPettOso Visto che l'articolo parla di "abusivismo" !!!!!!!!!! Fallo tu e ti ritrovi il Sindaco e tutta la Corte con l'obbligo di demolizione. Comunque da un lato li invidio; l'unica nota stonata è fare l'eremita con il PC è un po' un controsenso ;-))
SosPettOso 4 anni fa su tio
@SosPettOso L'eva un'ironica provocazione. Meglio in piedi anche se un po' rimaneggiati da 'sti finti alternativi che ridotti a ruderi.
GI 4 anni fa su tio
@Tato50 e magari osteggia anche le antenne.....
sedelin 4 anni fa su tio
beati loro!
Bandito976 4 anni fa su tio
In cittá non si vive tanto diversamente. Gente che non conosce i propri vicini e pensano solo ai fatti loro. Quando pensano a quelli degli altri é solo perché non hanno niente da fare.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-26 05:23:37 | 91.208.130.87