foto tio.ch/20min
L'ingresso della casa di Schaub
+5
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
4 ore
Esce di strada di fronte allo stadio
L'incidente è avvenuto questa sera in via Trevano. Illesi i tre occupanti del veicolo
CANTONE
5 ore
«In questa crisi la Svizzera ha mostrato la sua coesione»
Ignazio Cassis e Christian Vitta hanno ripercorso questa sera i punti salienti della pandemia.
LOCARNO
8 ore
«Vogliamo le bici sui bus»
I Verdi del Locarnese chiedono alle Fart di togliere il divieto
CANTONE
9 ore
Inchiesta Lega: spunta il nome di Tettamanti
I magistrati italiani indagano sui conti pro-Salvini. Ma dal Ticino arriva la smentita di Fidinam
RIAZZINO
9 ore
30 gradi, ma è già Natale
Nei negozi sono già comparsi i primi addobbi natalizi
LUGANO
10 ore
«Lugano perderà un bel po' di soldi»
Tre consiglieri comunali hanno stimato a 40 milioni il danno da Covid per quest'anno. E chiedono lumi
CANTONE
10 ore
«Il tempo per accudire i figli valga negli anni di servizio»
Un'iniziativa parlamentare chiede di non penalizzare le neo-mamme dell'amministrazione pubblica
AGNO
11 ore
Il Covid fa friggere i conti dei pescatori
Gli eventi cancellati nel 2020 appesantiscono i bilanci di molte associazioni.
CANTONE
11 ore
I radar risparmiano solo la Valle di Blenio
La prossima settimana sono previsti controlli mobili in sette distretti su otto.
CASLANO
11 ore
Abbaglio sui «controlli fantasma»
La Commissione rinnova la fiducia alla Polizia Malcantone Ovest: «I controlli sono stati regolarmente effettuati»
CANTONE
12 ore
Badanti: «Il CNL viene applicato in tutte le istituzioni coinvolte?»
È quanto chiede Fabrizio Sirica, che ha inoltrato un'interrogazione
LUGANO
12 ore
Artecasa si farà
La fiera si svolgerà dal 28 ottobre al primo novembre
LUGANO
12 ore
Cocaina, la pista si allunga
Altri arresti ieri in vari luoghi del Cantone
LUGANO
12 ore
Donne «discriminate» anche in carcere
Sette deputati chiedono il ripristino di un carcere femminile in Ticino
CANTONE
13 ore
«Imposte in su? Una medicina peggiore del male»
Secondo il PLRT nella difficile situazione attuale occorre riflettere sulle priorità di investimento
CANTONE
13 ore
«Presidio antirazzista» rosso-verde contro le politiche di Gobbi
Il comitato unitario di tre anni fa lancia un nuovo appello per «il ripristino della legalità».
LUGANO
13 ore
A Lugano si torna sul ghiaccio
Da lunedì prossimo la Cornèr Arena sarà nuovamente aperta per il pattinaggio pubblico
CANTONE
14 ore
I ticinesi non pagano i debiti (e il Covid non c'entra)
Troppi insolventi, il tasso è tra i più alti in Svizzera. Ed è rimasto invariato con la crisi da coronavirus
CANTONE
14 ore
«Oggi è l'ultima giornata estiva», parola di MeteoSvizzera
La calda parentesi settembrina si prepara ad abdicare. Da domani temperature in calo
SOLDUNO
15 ore
Cocaina in casa di un 39enne
L'uomo, di origini dominicane, è stato arrestato
CANTONE
16 ore
L'Unesco saggia i faggi valmaggesi
La riserva forestale ambisce ad entrare nel Patrimonio mondiale come "bene seriale"
CANTONE
16 ore
Coronavirus e case anziani: visite in camera di nuovo possibili
«Gli ospiti hanno sofferto per l'isolamento». Merlani: «Sulla scuola non diventiamo troppo paranoici».
CONTONE
16 ore
Liquami nel pozzo, ma non c'è pericolo per l'acqua
Spandimento abusivo di liquami nei pressi del pozzo di captazione. Le autorità: «Nessun pericolo per la salute»
LOCARNO
16 ore
Conti in rosso e critiche: «Non avete rilanciato il turismo»
I conti consuntivi 2019 della Città sollevano critiche anche da parte di chi propone di approvarli.
CANTONE
17 ore
Operazioni antidroga fra Bellinzonese e Tre Valli: 6 persone finiscono in manette
Sequestrati anche importanti quantitativi di stupefacenti, una trentina le persone denunciate
VIDEO
LUGANO
17 ore
Il turismo strizza l'occhio agli over 60: «Lugano Region. Il vero sud»
L'iniziativa vuole anche convincere gli operatori ad estendere le aperture stagionali
CANTONE
18 ore
Maturità professionale: «Non penalizziamo gli allievi»
Il Partito comunista interroga il Governo sul posticipo degli esami e sui tempi con cui è stato comunicato agli studenti
CANTONE
18 ore
Quattro nuovi contagi in Ticino
Il numero complessivo di casi raggiunge quota 3'608. Le nuove cifre aggiornate questa mattina dal Cantone
MENDRISIO
18 ore
Super Puma dell’Esercito vittima di un attacco laser
L’autore del gesto è stato intercettato e denunciato al Ministero pubblico
CANTONE
20 ore
I medici: no alla distribuzione dei bonus
Meglio usare quei soldi raccolti durante la pandemia per scopi utili all'ospedale
BERZONA
26.07.2017 - 06:050
Aggiornamento : 16:10

Vivono da eremiti nei boschi della Verzasca: ecco le foto

Nella valle assaltata dai turisti italiani, c'è chi si è rifugiato nella natura per «fuggire alla civiltà». Siamo andati a trovarli

BERZONA - La valle Verzasca non piace solo ai turisti italiani, attirati dai video su Youtube. Le "Maldive di Milano" sono da tempo meta di visitatori di ben altro tipo, che schivano le spiagge brulicanti di ombrelloni e non gradiscono il caos della civiltà. «Siamo venuti qui proprio per vivere lontano dalla folla, nella pace della natura» raccontano la signora e il signor Stucki, coppia di pensionati bernesi che da tre anni vive in un eremo selvaggio tra i boschi sopra Berzona. In realtà alle pendici dei Monti di Motti, secondo il Municipio di Vogorno, diversi nuclei familiari vivono inghiottiti dalla foresta: per scovarli, tio.ch/20minuti ha dovuto salire a piedi per un sentiero non segnalato, unica via d'accesso. 

Selvaggi con l'e-commerce - I moderni eremiti non si nascondono, a dire il vero. All'imbocco del sentiero una catasta di bucalettere ne riporta i nomi: Staub, Stucki, Weber. T rasferitisi dalla Svizzera interna, non rinunciano ad alcune comodità: «Escono dal bosco una volta a settimana o anche meno, per fare la spesa» raccontano in paese. C'è persino chi fa acquisti online (la zona è coperta dalla rete di Salt) e si fa recapitare la merce alla soglia della foresta presso una vecchia (ma funzionante) teleferica. Al vicino grotto di Berzona «abbiamo l'abitudin e di conservare per loro i numeri dei quotidiani svizzero-tedeschi» spiega la gerente: «Passano regolarmente a ritirarli» anche se, concordano tutti, «incrociarli quaggiù è una rarità».

«Vacanza diversa» - In effetti la strada nel bosco non è breve. Dopo un'ora di cammino si raggiungono le prime abitazioni: cascine più o meno diroccate e costruzioni abusive, capanne di legno sugli alberi, piccoli orti. «Viviamo qui durante i mesi estivi, solo per le vacanze» racconta una coppia di svizzero tedeschi che abita un rustico ristrutturato. «Per noi è un luogo per una vacanza un po' diversa».

Scelte estreme - Ma c'è chi si spinge oltre. Più addentro nella foresta i coniugi Stucki vivono nove mesi all'anno tagliati fuori dal mondo. Si cibano di ortaggi coltivati in una serra artigianale, fanno il bagno all'aperto in una tinozza svedese. «Torniamo a Berna solo con la neve, d'inverno. La nostra idea, comunque, non è di vivere per sempre in queste condizioni. Qualche anno di ritorno alla natura, per provare» spiega il signor Stucki, ma aggiunge allusivo: «Altri però hanno fatto una scelta ancora più estrema».

Il leggendario Schaub - Stucki ci indirizza dunque verso un altro "vicino di casa" (che in realtà, scopriremo, abita a centinaia di metri di distanza). Il nome, Michael Schaub, è quasi leggendario a Berzona. Dicono che si cibi di bacche e ami tingersi il pizzetto di colori sgargianti. Ma la barba è semplicemente grigia quando - dopo aver smarrito il sentiero due volte - lo incontriamo sulla soglia di casa. A quasi 70 anni Schaub vive di lettura e poco altro. La sua capanna - un tradizionale "graa" ampliato e ristrutturato - è strapiena di libri e ritagli di giornali appesi ai muri. «Prima avevo qualche animale, ora sono stanco anche solo per fare l'orto» racconta. «Passo la giornata a studiare e informarmi».  

Solitudine completa - Le visite di Schaub fuori dal bosco, dicono in paese, ultimamente si sono fatte persino più rare. L'anno scors o la sua compagna Eva Maria Ott, ex insegnante d'asilo (come lui) nonché poetessa, è deceduta a 84 anni dopo una lunga malattia. Non ha mai lasciato la foresta: un elicottero è venuto a prelevare la salma alcuni giorni dopo il decesso. In paese, la scena è ancora narrata come un evento. «Eravamo venuti qui negli anni '90, seguendo il sogno di vivere lavorando la terra, in accordo con la natura» ricorda Schaub. Intanto, dalla soglia di casa abbraccia con lo sguardo i suoi «due laghi» - quello di Vogorno e il Maggiore - uno scorcio che, a suo dire, «nessuno in Svizzera può vantare». Ma se gli si chiede se intenda restare qui fino alla fine, sembra esitare. «Vedremo» sospira.  

foto tio.ch/20min
Guarda tutte le 9 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Andrea Costa 3 anni fa su fb
Abbiamo capito che i turisti italiani danno fastidio, non c'è bisogno di aprire ogni articolo con queste parole anche se parla di tutt'altro.
Andrea Costa 3 anni fa su fb
Eh lo so. Grande giornalismo.
Susanita Michelle Coccinella 3 anni fa su fb
Eine so wunderschöne Welt
neuropoli 3 anni fa su tio
'na settinama la farei pure io! ma non si può usale quella sorta di teleferica anche per il trasporto umano?
Roberto Bianchi 3 anni fa su fb
Assaltata da turisti italiani dopo aver sfondato i confini e devastato e depredato lungo il loro cammino paesi e abitanti.....????
Betti Gilomen O 3 anni fa su fb
Senza tasse e cassa malati...hanno liberta' salute felicita' cibo naturale se coltivano
Patrizia Corda 3 anni fa su fb
Fantastico ! Lontano da tutto il caos che c'è nelle città! Fanno benissimo ! Adesso se uno fa vacanza sui monti diventa un eremita? Fantastico e così sia!?Non è che è tutta invidia???
Luca Civelli 3 anni fa su fb
Roba da Locarnese!
Lella Losa 3 anni fa su fb
Una loro.scelta di vita che va piu che rispettata....?
lu72fl 3 anni fa su tio
Certo che di www.tio.ch siete veramente IGNORANTI in geografia!! Berzona si trova nella VAL ONSERNONE! e non nella Verzasca. Asini!
saetta 3 anni fa su tio
@lu72fl Berzona è una frazione di Vogorno. Informati prima di insultare e parlare a sproposito...esiste anche Google Maps ;-|
Equalizer 3 anni fa su tio
@lu72fl Piza l'brain soci...
saetta 3 anni fa su tio
@lu72fl Esiste Berzona in valle Onsernone, ma qui chiaramente si parla della Verzasca
red 3 anni fa su tio
@lu72fl Magari prima di insultare diamo una controllatina in internet, che ne dici lu72fl? Può essere un'idea per il futuro? Come ha ben detto il blogger Saetta, Berzona è anche una frazione di Vogorno.
SosPettOso 3 anni fa su tio
...hanno fatto la domanda di costruzione? Hanno rispettato tutte le regole imposte da Berna?
sedelin 3 anni fa su tio
@SosPettOso che palleeeeeeee
Tato50 3 anni fa su tio
@SosPettOso Visto che l'articolo parla di "abusivismo" !!!!!!!!!! Fallo tu e ti ritrovi il Sindaco e tutta la Corte con l'obbligo di demolizione. Comunque da un lato li invidio; l'unica nota stonata è fare l'eremita con il PC è un po' un controsenso ;-))
SosPettOso 3 anni fa su tio
@SosPettOso L'eva un'ironica provocazione. Meglio in piedi anche se un po' rimaneggiati da 'sti finti alternativi che ridotti a ruderi.
albertolupo 3 anni fa su tio
@SosPettOso mah... da quel poco che si vede sembra che abbiano tirato in piedi un "rügabi", quindi - se parliamo del patrimonio edilizio - meglio lasciarlo andare in rovina
GI 3 anni fa su tio
@Tato50 e magari osteggia anche le antenne.....
Milena Perilli-quadri 3 anni fa su fb
Che fastidio danno, almeno tengono luoghi abbandonati puliti. E poi nella civiltà di schifo in cui viviamo, condivido il loro modo di vivere, certo che a certe persone da fastidio ma dov'è la libertà di espressione?
Carmen Nigg 3 anni fa su fb
fanno bene ! :-)
sedelin 3 anni fa su tio
beati loro!
Pascal Busch 3 anni fa su fb
Be.... bello! Ma è un impegno, x esempio: nn puoi dire nn ho voglia di fare la legna la faccio poi ! Quando arriva il freddo se nn ti sei preparato t' attacchi! Probabilmente danno "fastidio" alla gente "normale" perchè nn sono inquadrati nel sistema!
Manuela Decarli 3 anni fa su fb
poi ci sono i neo-rurali sia in Verzasca che in Onsernone
Bandito976 3 anni fa su tio
In cittá non si vive tanto diversamente. Gente che non conosce i propri vicini e pensano solo ai fatti loro. Quando pensano a quelli degli altri é solo perché non hanno niente da fare.
Maurizio Zanta 3 anni fa su fb
Eremiti fin dove vogliono loro?
Ornella Guerra 3 anni fa su fb
Finiti gli argomenti?adesso si parla di chi vive sui monti come se fosse chissa cosa, chi vive in valle sa benissimo che ci sono persone che vivono sui monti tutto l anno, e non solo svizzero tedeschi nostalgici,l eremita e ben altra cosa!!!
Manuela Decarli 3 anni fa su fb
eremiti con il telefonino ahahah
Susanita Michelle Coccinella 3 anni fa su fb
Conosco diverse persone che vivono così. Quando si incontra un essere che vive immerso nella natura non può fare altro che gioire
Sandra Rezzonico-Abderhalden 3 anni fa su fb
Gente che fugge dalla gente e il tio va a trovarli???bravi! Pori eremiti vanno nel bosco per stare in pace e diventano vip del canton ticino????
Carmelo Zuccarello 3 anni fa su fb
Assaltata dai turisti.ITALIANI Titolo ad effetto!????
Simona Londino 3 anni fa su fb
Non c è nulla in questo articolo che critica gli italiani ... evidentemente non ha letto L articolo .. gli si è girato lo stomaco per nulla ?. Buona giornata a tutti
Pamy Bernardi 3 anni fa su fb
Contenti loro contenti tutti!! ? Io sto bene in città in mezzo al caos fra la civiltà!! ?

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 04:34:27 | 91.208.130.85