LUGANO
29.04.2003 - 08:530
Aggiornamento : 13.10.2014 - 13:47

Allieve in abiti osè rispedite a casa

LUGANO - Per le ragazzine in vestiti osè e per coloro che decidono di adottare un look un po' troppo spinto le porte delle scuole medie di Besso si chiudono. L'invito ad adottare un abbigliamento meno sexy e più decoroso è sottolineato anche nell'albo dell'istututo scolastico di Besso sul quale è affisso il chiaro messaggio "Rivestitevi!".
La moda di scegliere abitini sempre più succinti che mostrano a tutti l'ombelico, e fanno intravedere il famoso perizoma viene adottato con sempre più frequenza anche dalle ragazzine ticinesi; per questo la scuola media di Besso ha deciso di mandare a casa a cambiarsi coloro che amano trasgredire con il look.
"La nostra non è certo una crociata moralistica, ma solo il rivendicare il diritto alla decenza - ha spiegato al quotidiano laRegioneTicino Gideon Bough, il direttore della scuola media di Besso -  molte ragazzine da casa escono vestite “ normalmente”, con però un ricambio nello zainetto. Vanno in bagno ed escono in minigonna ridottissima". Da qui la decisione di rispedire a casa i trasgressori. All'inizio dell'anno scolastico l'istituto ha fatto pervenire alle famiglie una circolare nella quale  è stato spiegato che non saranno accettati look  inadeguati. "La scuola non è infatti un luogo balneare dove esibire il proprio corpo in maniera eclatante, ma ha altre finalità fra cui, importantissimo, il fattore socializzante" ha concluso il direttore Gideon Bough.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-05 05:02:45 | 91.208.130.86