SVIZZERAPs, «siamo la lobby del popolo»

29.10.22 - 18:22
Primo giorno del congresso: «vogliamo rafforzare il potere di acquisto della popolazione»
Foto Ps
Ps, «siamo la lobby del popolo»
Primo giorno del congresso: «vogliamo rafforzare il potere di acquisto della popolazione»

BASILEA - Nel primo giorno del suo Congresso di partito di due giorni a Basilea, il PS Svizzero ha lanciato la sua campagna per le elezioni federali del 2023. Tre sono i temi centrali: «come lobby per il popolo, il PS vuole rafforzare il potere d'acquisto della popolazione, garantire la protezione del clima e la sicurezza dell’approvvigionamento  e infine fare passi avanti in materia di parità».

Davanti alle 900 persone presenti alla convention il copresidente del PS Svizzero Mattea Mezer ha detto che il Ps è il partito della speranza e del cambiamento, la lobby del popolo e non delle multinazionali».

Assieme al copresidente del PS Cédric Wermuth, ha lanciato la campagna elettorale davanti ai delegati e alle delegate: «i tempi in cui viviamo, dalla crisi climatica alla guerra in Ucraina, non possono più sopportare l'indifferenza. È quindi giunto il momento di schierarsi. Noi stiamo dalla tua parte; dalla parte di una Svizzera solidale; dalla parte di un mondo sostenibile».
 
Rafforzare il potere d'acquisto: il presidente del Ps svizzero ha ricordato che «mentre i profitti delle aziende e dei grandi azionisti esplodono, a molte persone restano sempre meno soldi alla fine del mese. La vita sta diventando più costosa, il potere d'acquisto è sotto pressione. Gli affitti e i premi dell'assicurazione malattia stanno aumentando rapidamente. I salari e le pensioni ristagnano o vengono addirittura tagliati. Per questo motivo il PS vuole sgravare la popolazione».

E indicano la via da seguire: «riteniamo che nessuna economia domestica debba pagare di più del 10% del proprio reddito disponibile per i premi cassa malati». .
Capitolo clima: «dobbiamo diventare indipendenti da petrolio, gas e uranio il prima possibile. Espandendo le energie rinnovabili in Svizzera, faremo in modo di non essere più ricattabili da dittatori e oligarchi».

Fare passi in avanti verso la parità: «vogliamo una società in cui tutti e tutte abbiano buoni salari e pensioni, indipendentemente dal proprio genere. Salari dignitosi e pensioni eque sono anche una buona protezione contro la povertà in età anziana, che colpisce in modo sproporzionato le donne» ha ripetuto il presidente del Ps.

 

COMMENTI
 
Uluru 3 mesi fa su tio
Non c’è limite al ridicolo… da morire dal ridere, se non ci fosse da piangere…
Zac 3 mesi fa su tio
Parole, parole, parole….
volabas56 3 mesi fa su tio
Ah, non lo sapevo, azzarola che fortuna.
North shore 3 mesi fa su tio
Partito Socialista: lobby dei funzionari e dei maestri.
Traspa 3 mesi fa su tio
«riteniamo che nessuna economia domestica debba pagare di più del 10% del proprio reddito disponibile per i premi cassa malati» Perfetto, E dov'è la vostra proposta su come ottimizzare i costi per arrivare al massimo al 10%? È un po' come quando al concorso di bellezza le modelle dicono che sono per la pace nel mondo.... perfetto, grazie!
seo56 3 mesi fa su tio
La sciagura del popolo!!
Traspa 3 mesi fa su tio
Lobby del popolo? Fino a quando i socialisti si limiteranno a voler decidere con i soldi degli altri, minimo sforzo per una massima resa, gli darò sempre contro. Non conoscono cosa sia meritocrazia, così come non conoscono la parola soluzione. 50 anni fa un certo John F Kennedy disse: "Non pensate a quello che la nazione può fare per voi, ma pensate a quello che voi potete fare per la nazione." Grazie ai socialisti ci sono troppi FURBONI, e alla fine a rimetterci sono quelli che cercano di fare la propria parte. E dare solo contro alle aziende, che si prendono i rischi, e che ci danno il posto di lavoro, non è la soluzione. Schierarsi da parte della gente o delle imprese non è una soluzione, abbiamo bisogno di tutti e due. Che i socialisti comincino a fare il compitino a casa di informarsi, e magari fare più TRASPARENZA su FATTI, e portare SOLUZIONI.
Traspa 3 mesi fa su tio
A mio parere se una persona o una azienda riceve aiuti dalle nostre tasse deve essere reso pubblico. Bisogna sapersi assumere le proprie responsabilità, altro che come ora dove ci sono aiuti (soldi che vengono dalle nostre tasse) a destra e a manca fatti tutti sotto il tavolo. Nessuno vede e nessuno sa.
Sarà 3 mesi fa su tio
@Traspa - Abbiamo un sistema di CM privato che senza il sostegno della Confederazione e dei Cantoni sarebbe già collassato da un pezzo. Si è voluto che i Cantoni pagassero il 50% delle cure ospedaliere ma i premi sono comunque aumentati, ed ora si vorrebbe che paghino anche il 50% delle cure ambulatoriali... Che sistema privato è? Pagando stipendi molto al disotto della media nazionale quasi tutte le aziende ricevono indirettamente sussidi dal Cantone, che è costretto ad integrare i salari con aiuti vari ai lavoratori. Se gli stipendi in Ticino fossero in linea con quelli del resto della Svizzera le entrate fiscali cantonali sarebbero superiori a quelle di oggi e ci sarebbero meno uscite per gli aiuti sociali, ad esempio per i sussidi di CM... E magari ci sarebbe anche un margine per degli sgravi fiscali alle aziende.
Traspa 3 mesi fa su tio
Non capisco perché si pensa sempre dove andare a prendere i soldi, invece di magari fare un'analisi del sistema e vedere come si può ottimizzare. Abbiamo un sistema sanitario che premia i medici che più prescrivono medicinali, è una cosa normale? Secondo me no. Come non trovo giusto che certe casse malati fanno centinaia di milioni di utili, ci sono anche persone che abusano dei servizi della cassa malati, a discapito degli altri. Ad esempio farsi la vacanza a spese della cassa malati. È poi giusto che è la confederazione e il cantone, quindi tutti noi, a dover pagare tramite tasse gli abusi dei FURBONI?!
emibr 3 mesi fa su tio
Se ci sono soldi che vengono dati senza nessua trasparenza, sono proprio ai politici lobbisti che voi sostenete con il vostro voto. Se ti leggi i dati del comune o del cantone vedrai riportato nel bilancio dove finiscono le tasse, così non si può dire dei contributi da finanza e industria a sostenere i politici a loro vicini. Non ci fossero state lotte sindacali e partiti di opposizione, forse in Svizzera avremmo ancora la settimana di 60 ore e stipendi da fame, altro che bensessere abbastanza generalizzato.
Traspa 3 mesi fa su tio
Se il problema è il lobbismo perché allora non lo si combatte? Perchè si permette ai politici di fare parte dei consigli d'amministrazione? I dati del comune, del cantone e della federazione riportano solo informazioni generali per settore, informazioni vaghe che non permettono una valutazione approfondita. E un modo facile per nascondere le cose, chi prende sussidi, che sia privati o aziende, rimane comunque nascosto. Sistema perfetto per i FURBONI. E per i diritti dei lavoratori non è stato sicuramente solo il partito socialista a migliorarne le condizioni, anzi.
emibr 3 mesi fa su tio
Perché non si combatte e proibisce il lobbysmo? Forse perché ai partiti di centro destra la situazione va bene così?
Traspa 3 mesi fa su tio
Ho capito, i socialisti non si oppongono al lobbismo perché va bene così ai partiti del centro destra. Gentili.
emibr 3 mesi fa su tio
Non è ciò che ho detto, in Svizzera da decenni governa il centro destra, o forse non te ne eri accorto? I socialisti sono in netta minoranza
Traspa 3 mesi fa su tio
Cosa c'entra chi governa? Il partito socialista ha sempre avuto voce in capitolo, come dimostra anche questo articolo.
Güglielmo 3 mesi fa su tio
ma per piacere......
matias13 3 mesi fa su tio
Le solite frottole da campagna politica....se dicessero: vi portiamo a spasso il cane sarebbero più credibili! Ma non raccontateci più frottole per l'amor del cielo
MissKirova 3 mesi fa su tio
Siete la feccia del popolo
NOTIZIE PIÙ LETTE