Keystone
SVIZZERA
21.05.2021 - 09:510
Aggiornamento : 13:19

Berset fa mea culpa: «Informazioni sbagliate sulle mascherine»

Il Ministro della sanità ha ammesso di non aver messo abbastanza in discussione la scienza all'inizio della pandemia.

In particolare sulla questione mascherine: «Seguendo il parere degli esperti, ho sostenuto che fossero dannose. Ma avrei dovuto pormi più domande». Nega però di averle sconsigliate perché ce n'erano troppo poche.

BERNA - Interrogato sugli errori personali nella lotta contro il Ccvid-19 il ministro della sanità Alain Berset ha ammesso di non aver messo sufficientemente in questione i consigli della scienza all'inizio della pandemia di coronavirus.

È stato «molto comodo» per il Consiglio federale ascoltare semplicemente i consigli della scienza all'inizio della pandemia e attuarli, ha detto ieri sera in un'intervista al programma "Gredig direkt" della TV svizzerotedesca SRF. E ciò - ha aggiunto - «ci ha portato a sostenere che le maschere igieniche potessero addirittura essere dannose».

La posizione ufficiale di molti esperti allora era che non ci si poteva aspettare che la popolazione usasse correttamente le maschere sanitarie e che di conseguenza il loro uso scorretto poteva essere dannoso, ha continuato il 49enne consigliere federale. «Col senno di poi, devo dire che avrei dovuto farmi più domande».

Il ministro friburghese ha comunque negato che la Confederazione abbia inizialmente sconsigliato di indossare le maschere solo perché ne erano disponibili troppo poche per tutti. Se il governo fosse stato convinto all'epoca che le mascherine igieniche erano utili si sarebbe semplicemente arrangiato con ciò che era disponibile, ha detto.

Per contro, Berset ha elogiato le decisioni del Consiglio federale per la campagna di vaccinazione. In Svizzera sono stati utilizzati i migliori vaccini contro il SARS-CoV-2 disponibili in tutto il mondo, ha detto il ministro della salute. Vengono somministrati solo i prodotti più moderni che utilizzano la tecnologia dell'acido ribonucleico messaggero: l'mRNA che fornisce all'organismo informazioni sulle proteine del coronavirus e provoca una reazione immunitaria, che si attiva velocemente rendendo subito il virus innocuo e impedendo l'insorgere della malattia. E solo pochissimi paesi sono in grado di farlo entro l'estate, ha sottolineato.

D'altro canto, il ministro socialista ha anche notato che la crisi ha rafforzato lo spirito di squadra all'interno del Consiglio federale. La situazione è stata a volte «fisicamente molto brutale» per tutti i ministri. Dopo lo shock iniziale, Berset si è sentito «veramente esausto» tra fine aprile e metà maggio 2020. Ma fortunatamente, ha precisato, nonostante la forte pressione è sempre riuscito a dormire bene.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 20:15:00 | 91.208.130.86