Keystone
Quaasim Illi e Nicholas Blancho (destra) all'ingresso del Tpf di Bellinzona, prima del processo
SVIZZERA
16.12.2020 - 18:250

«Il Consiglio centrale islamico è da vietare»

Lo chiede un'iniziativa parlamentare presentata a Berna da Piero Marchesi

BERNA - Il Consiglio islamico della Svizzera (CCIS) e l'Associazione degli studiosi musulmani (ASM) non sono nomi famosi come Al Qaeda o Isis. Ma andrebbero ugualmente proibiti in Svizzera, perché celano organizzazioni di supporto al terrorismo internazionale. 

Ne è convinto in deputato ticinese Piero Marchesi (UDC) che oggi ha presentato un'iniziativa parlamentare interpartitica, sottoscritta da altri 20 consiglieri nazionali, compresa la delegazione ticinese al completo (eccetto Gysin).  

L'iniziativa prende le mosse dalla condanna da parte del Tribunale penale di Bellinzona di Nicolas Blancho, presidente del CCIS e segretario dell'ASM che - ricorda Marchesi - è stato descritto dalla stampa come il «Bin Laden di Bienne». Anche il segretario del CCIS, Ali bin Abdullah al-Suwaidi, è sulla lista nera: il Tesoro degli Stati Uniti lo ha inserito nell'elenco delle personalità che finanziano il terrorismo internazionale, per i suoi legami con il Qatar. Così anche il presidente dell'ASM Abdulmohsen al-Mutairi. 

«Questi fatti e indagini internazionali dimostrano che il CCIS e l'ASM sono per la Svizzera un pericolo per la sicurezza pubblica» conclude Marchesi. «Per questo motivi si ritiene debbano essere inseriti nella lista delle organizzazioni vietate».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 04:52:50 | 91.208.130.85