Immobili
Veicoli

SVIZZERAProroga per il rimborso dei crediti Covid? Per i "senatori" è no

16.06.20 - 09:17
Il Consiglio degli Stati ha archiviato la mozione accolta dal Nazionale il mese scorso
Keystone (archivio)
Fonte ATS
Proroga per il rimborso dei crediti Covid? Per i "senatori" è no
Il Consiglio degli Stati ha archiviato la mozione accolta dal Nazionale il mese scorso

BERNA - Nessuna proroga da cinque a otto anni per il rimborso dei crediti concessi dal Consiglio federale alle aziende in difficoltà a causa del coronavirus. Lo ha deciso questa mattina tacitamente il Consiglio degli stati, archiviando definitivamente una mozione accolta dal Nazionale lo scorso maggio, durante la sessione straordinaria del parlamento dedicata alla pandemia di coronavirus.

Per il plenum, sostenuto dal "ministro" delle finanze Ueli Maurer, la questione non è urgente e il tema potrà essere affrontato quando si renderà necessario trasporre l'ordinanza urgente sui crediti Covid-19 nel diritto ordinario.

Secondo Maurer, a deporre a sfavore della mozione c'è anche il fatto che le fideiussioni garantite dal governo non sono sovvenzioni ma un aiuto urgente che vuole garantire alle aziende la liquidità necessaria a superare la fase di crisi.

Il ministro democentrista ha rammentato che, in ogni caso, l'attuale ordinanza prevede la possibilità di proroga da cinque a sette anni il termine di rimborso per casi particolari.

Qualche cifra

Maurer ha snocciolato anche alcuni dati riguardanti il volume di aiuti concessi: 16 miliardi di franchi finora a fronte di una somma messa a disposizione di 40 miliardi. Vi è tempo ancora fino a luglio per domandare un credito, ma Maurer crede che non si dovrebbe superare di molto la soglia dei 20 miliardi.

La maggior parte delle somme concesse eccede di poco i 100 mila franchi. Si tratta di piccole ditte con un fatturato inferiore o vicino al milione di franchi, ha precisato. Sono invece 800 le società che hanno richiesto un sostegno superiore al mezzo milione di franchi.

COMMENTI
 
Mag 2 anni fa su tio
I crediti Covid sotto i 50'000.- vanno girati quali elargizioni di crisi a fondo perso. Quelli sopra i 50'000.- vanno decurtati di 50'000.- Se non lo fanno, allora si scoprirà quale era il vero intento ... ora stiamo a vedere. Ma rammentate cari politicanti, che queste cose il Popolo non le dimentica!
F/A-18 2 anni fa su tio
Per me un percento di quanto ricevuto dovrebbe andare a fondo perso, almeno il50%.
pillola rossa 2 anni fa su tio
Il Popolo è ipnotizzato e ha smesso di pensare da tanto tempo e non si sveglierà fino a quando non sentirà i morsi della fame.
F/A-18 2 anni fa su tio
Vedremo poi quante ditte saranno in grado di restituirli, per me una parte di queste si sfracella prima del quinquennio.
VECCHIOTTO 2 anni fa su tio
Ma cosa pensavate che fosse arrivato Babbo Natale? MA LE TASSE QUELLE NON CE LE TOGLIERÀ NESSUNO. Intanto servita quella sul co2 e poi la lobby cassamalattari ci sarà la stangata di fine anno.
F/A-18 2 anni fa su tio
Parlano anche di una tassa a favore dei patriziati, notizia apparsa oggi sul corriere del Ticino....tempi duri si preannunciano all’orizzonte, prepariamoci.
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA