Immobili
Veicoli
Tipress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
BERNA
8 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
9 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
9 ore
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
GINEVRA
9 ore
Ritrovati i due bambini scomparsi
Dopo la pausa pranzo non erano tornati a scuola. La polizia cantonale di Ginevra comunica che sono tornati a casa
BERNA
11 ore
I biker di Putin che rombano sulle strade svizzere
I Lupi della notte hanno ricevuto un riconoscimento da parte dell'ambasciata russa a Berna per il loro sostegno a Mosca
SVIZZERA
12 ore
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
15 ore
Multa confermata per il viaggio in treno senza mascherina
Un cittadino tedesco di 41 anni aveva fatto ricorso in Appello. Il fatto risale al 13 novembre 2020
SVIZZERA
16 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
SVIZZERA
16 ore
Famiglia e lavoro: nuovo progetto che aiuta i genitori in difficoltà
Proposta in Parlamento una legge per sostenere i genitori che affinano i figli in custodia.
BERNA
15.02.2018 - 12:310

Presto considerato stupro anche quello verso un uomo?

Il Consiglio federale propone di estendere la nozione, accogliendo la mozione presentata dalla consigliera nazionale socialista Fehlmann Rielle

BERNA - Il Consiglio federale è favorevole a una estensione della nozione di stupro con una modifica del codice penale, che punisce attualmente per questo reato soltanto chi violenta una donna.

In una presa di posizione senza commenti pubblicata oggi, il governo propone di accogliere la mozione in tal senso della consigliera nazionale Laurence Fehlmann Rielle (PS/GE).

L'articolo 190 del codice penale sulla «violenza carnale» punisce con una pena detentiva da uno a dieci anni (e non inferiore a tre anni nei casi più gravi) «chiunque costringa una persona di sesso femminile a subire la congiunzione carnale». Questo reato è dunque ipotizzabile soltanto se lo stupro è fatto da un uomo su una donna, rileva la deputata, mentre non può essere invocato se la vittima è a sua volta un uomo.

La sodomia e la fellatio forzata - afferma Laurence Fehlmann Rielle - restano una semplice «coazione sessuale», sottoposta all'articolo 189 CP. Il problema - aggiunge - è, in particolare, «che la pena minima prevista per la coazione sessuale è inferiore e che secondo il diritto attuale gli uomini omosessuali non possono essere vittime di uno stupro».

La deputata rammenta che il governo nel 2014 si era opposto a una mozione analoga del consigliere nazionale Hugue Hiltpold (PLR/GE). Il Consiglio federale non aveva ritenuto urgente intervenire, pur riconoscendo che nel diritto svizzero la definizione dello stupro è più stretta rispetto a quanto previsto sul piano internazionale.

Il governo aveva allora sostenuto che bisognava aspettare la ratifica della Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica (Convenzione di Istanbul), firmata da Berna nel 2013. Nella primavera 2017 il Parlamento lo ha autorizzato a ratificare il documento, il cui articolo 36 definisce lo stupro senza alcun riferimento al genere sessuale.

Secondo l'autrice della mozione, «le discussioni che attualmente agitano vari Paesi, tra cui la Svizzera, in merito allo stupro, alla coazione e alle molestie sessuali rappresentano l'occasione per far evolvere il diritto svizzero armonizzandolo con le esigenze e il contesto attuali».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Monello 4 anni fa su tio
...poteva arrivare solo dai socialisti !!!
Monello 4 anni fa su tio
Ahahahah ..che banda di defi !!!
Mattiatr 4 anni fa su tio
Mi sembra giusto e logico. La maggior parte degli stupri ha come vittima una donna e come aggressore un uomo. Malgrado ciò non bisogna escludere che avvenga anche diversamente. Se un uomo o una donna impongono un atto sessuale a una donna è stupro come lo è se lo impongono ad un uomo. Non fa male per una volta prevenire e metterlo nero su bianco.
Lucadue 4 anni fa su tio
Per fare chiarezza sulla parità dei sessi, una sentenza giudiziaria sarebbe opportuna.
miba 4 anni fa su tio
Soluzione: da adesso in avanti prima di avere qualsiasi rapporto sessuale firmare sempre reciprocamente un contratto cautelativo in modo da evitare possibili successive denunce per stupro
Zico 4 anni fa su tio
@miba e controfirmarlo dopo, mica che uno dei due denunci che dopo il contratto firmato in anticipo ci sia stata violenza. io propongo di far assistere un avvocato per parte all'atto sessuale e già che ci siamo un giudice unico che alla fine sentenzierà se tutto si è svolto secondo i piani
Mattiatr 4 anni fa su tio
@Zico Hai dimenticato giudice e giuria che deve valutare la spontaneità dell'atto. Per essere sicuri che non si sia nulla di leggermente forzato.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-18 07:38:58 | 91.208.130.86