tipress
BERNA
12.01.2021 - 16:220

«Semplificare il sostegno alle imprese in difficoltà»

È quanto chiede la commissione dell'economia e dei tributi del Nazionale.

Espressa anche contrarietà all'obbligo del telelavoro e alla chiusura dei negozi.

BERNA - Nell'attesa che il Consiglio federale annunci domani i nuovi provvedimenti per contenere maggiormente la diffusione del coronavirus, la commissione dell'economia e dei tributi del Nazionale (CET-N) raccomanda all'esecutivo di semplificare e accelerare gli aiuti alle imprese in difficoltà. La commissione è poi contraria all'obbligo del telelavoro e alla chiusura dei negozi.

In una lettera all'esecutivo, la CET-N invita quest'ultimo a sollecitare i Cantoni a semplificare i loro provvedimenti per i casi di rigore e a rendere meno esigenti i requisiti che danno diritto al sostegno. Esame dei casi e pagamenti devono avvenire in fretta e senza lungaggini burocratiche, si legge in una nota odierna dei servizi parlamentari.

La CET-N desidera inoltre che il Consiglio federale adegui due aspetti dell'ordinanza sui casi di rigore. Con 14 voti a 7 e 3 astensioni raccomanda al Consiglio federale di fare in modo che alle imprese con elevati costi fissi non coperti sia consentito derogare al limite del 60% del fatturato medio quale condizione per accedere ai provvedimenti in caso di rigore.

Con 13 voti a 10 (una astensione) chiede inoltre al governo di fare in modo che i contributi non rimborsabili possano ammontare al 30%, e non solo al 10%, del fatturato medio degli anni 2018 e 2019.

No al telelavoro obbligatorio - Circa l'inasprimento dei provvedimenti contro la diffusione del virus, la CET-N vorrebbe che simili misure venissero imposte soltanto in funzione "dell'effettiva situazione epidemiologica e non come misura precauzionale".

Per il momento respinge poi, con 12 voti a 10 (1 astensione), l'obbligo del telelavoro e, con 12 voti a 11 (1 astensione), la chiusura di negozi e commerci che non vendono beni di prima necessità.

Con 12 voti a 7 (5 astensioni) si è inoltre pronunciata contro la regola dei due nuclei familiari per gli incontri privati e, con 11 voti a 9 (4 astensioni) anche contro ulteriori provvedimenti sul posto di lavoro, in particolare l'obbligo generalizzato della mascherina all'interno dei locali.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-17 14:08:33 | 91.208.130.87