deposit
ZURIGO
16.12.2020 - 18:410

Spara al gatto, 13 mesi sospesi

Il 75enne aveva usato un fucile ad aria compressa.

L'uomo dovrà pagare anche una multa di 3000 franchi.

ANDELFINGEN - Un 75enne residente nel canton Zurigo è stato condannato oggi a tredici mesi di carcere con la condizionale e a una multa di 3000 franchi per aver sparato con un fucile ad aria compressa su un gatto del suo quartiere preso in trappola. Il Tribunale distrettuale di Andelfingen (ZH) ha optato per una condanna che, stando agli standard svizzeri, risulta pesante.

La corte ha in gran parte seguito la procuratrice, che chiedeva 16 mesi sospesi per maltrattamento di animali. Il legale dell'imputato ha chiesto invano che la pena non superasse 90 aliquote giornaliere di 90 franchi ciascuna con la condizionale. Di norma, i reati commessi in Svizzera contro gli animali comportano una pena pecuniaria sospesa.

Così non è stato per il pensionato di cittadinanza ceca che ha sparato al gatto dopo averlo attirato in una trappola per volpi. L'animale è stato ferito a un polmone, allo stomaco, all'intestino tenue e al diaframma. È sopravvissuto, ma subirà le conseguenze delle sue ferite per il resto della sua vita.

A seguito dei fatti, avvenuti nel gennaio del 2019, l'ex tiratore sportivo è stato posto in carcere preventivo per 17 giorni. Ha sostenuto di aver attaccato il gatto con il suo fucile ad aria compressa per proteggere gli uccelli del suo giardino. Il 75enne può ancora ricorrere contro la sentenza.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Didimon 9 mesi fa su tio
Sono più tutelati gli animali che le persone. Pedofili e stupratori rischiano di prendere meno... Di un "assassino" di gatti 😂😂😂ri di Co lo
Nmemo 9 mesi fa su tio
Dopo aver catturato il “furfante” che, forse gli grattava il cofano dell’auto, sarebbe stato preferibile identificare il suo proprietario o consegnarlo alla protezione degli animali.
centauro 9 mesi fa su tio
@Nmemo Innanzi tutto è tutto da dimostrare che il micio gli grattava il cofano dell'auto, un gatto fa questo gesto su un tappeto o uno zerbino ma non sulla superficie liscia di un veicolo, oltretutto dubito che le unghie possono lasciare segni tangibili sulla laccatura della carrozzeria. Il gatto è libero di circolare, non è un cane che deve essere costantemente sotto la custodia del padrone, il cane lo puoi addestrare ma il gatto è un felino, fa quello che vuole e non ha alcun senso consegnarlo alla protezione animali!
bubbi74 9 mesi fa su tio
gli sparerei per 13 mesi con il flobert
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 12:47:43 | 91.208.130.86