keystone
ZURIGO
23.06.2020 - 10:420

In casa un arsenale, neonazista a processo

L'uomo è accusato di diversi reati legati al possesso d'armi e di discriminazione razziale

In casa aveva un fucile d'assalto, una pistola mitragliatrice e quasi 2000 proiettili. Non è chiaro l'uso che volesse farne

HINWIL - Un tedesco di 32 anni, noto frequentatore degli ambienti neonazisti, deve rispondere questo pomeriggio davanti al Tribunale distrettuale di Hinwil (ZH) di discriminazione razziale e di delitti contro la legge sulle armi.

Sotto il letto del tedesco, che risiedeva a Rüti e di professione è cuoco, è stato scoperto nel 2019, durante una perquisizione, un piccolo arsenale: un fucile d'assalto, una pistola mitragliatrice e quasi 2000 proiettili. In base all'atto d'accusa, non è chiaro l'uso che intendeva farne.

L'accusa di discriminazione razziale si riferisce invece ad un commento su Facebook: l'imputato aveva risposto al resoconto di un sopravvissuto al campo di concentramento di Auschwitz con un emoji che faceva il segno della mano sul viso - il cosiddetto "facepalm" - e l'osservazione che sette milioni di ebrei erano comunque sopravvissuti.

La pubblica accusa ha intenzione di presentare le richieste di pena durate il dibattimento. Il cittadino tedesco è da tempo noto alle autorità, sia svizzere che tedesche. A conferma delle sue simpatie naziste si è fatto tatuare sulle ginocchia e sulle spalle delle svastiche.

Un altro tatuaggio che si è fatto immortalare sulla pelle ritrae il criminale di guerra Fritz Sauckel, capo del partito nazionalsocialista (Gauleiter) in Turingia - dove l'imputato è cresciuto - diventato sotto il regime nazista generale delle SS e condannato a morte al processo di Norimberga.

Secondo ricerche della tv svizzero tedesca SRF, il 32enne sarebbe anche l'organizzatore del controverso concerto "Rocktoberfest" che nell'ottobre 2016 ha riunito circa 5000 estremisti di destra in un palazzetto per il tennis a Unterwasser, nella regione sangallese del Toggenburgo. La polizia, sorpresa dall'ampiezza dell'evento, non era intervenuta, ma il concerto neonazista ha fatto notizia anche fuori dai confini svizzeri.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-29 11:48:50 | 91.208.130.86