foto lettore 20 Minuten
+13
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
19 min
Più soldi per promuovere distribuzione mattutina dei giornali
La Commissione delle telecomunicazioni propone lo stanziamento di altri 40 milioni a sostegno della stampa
URI
37 min
Venerdì si torna a circolare (anche) sul Furka
Si tratta del quarto passo urano a riaprire dopo Klausen, Oberalp e San Gottardo.
BERNA
53 min
Daniel Koch può (finalmente) andare in pensione
L'esperto per le malattie trasmissibili dell'UFSP aveva rimandato per offrire il suo contributo quale esperto Covid-19
CANTONE
1 ora
«La stagione dei campeggi può finalmente iniziare»
Il TCS si rallegra per gli allentamenti dal 6 giugno: «La domanda è molto forte. Con oltre due mesi di ritardo si parte»
SVIZZERA
1 ora
«Una seconda ondata potrebbe provocare 5'000 morti»
Secondo un calcolo matematico elaborato dai ricercatori del Poli i principali vettori potrebbero essere i giovani.
CIPRO
2 ore
Se vuoi andare a Ayia Napa prima devi farti il test
Nessun obbligo di quarantena per i viaggiatori provenienti da 19 nazioni europee.
BERNA
2 ore
«I bambini hanno bisogno di spazi di gioco»
Pro Juventute chiede ai comuni la creazione di più zone adatte allo scopo
SVIZZERA
2 ore
Frenata da Berna sulla riapertura con l'Italia
Secondo il Consiglio federale la data del 3 giugno è troppo vicina. Dall'8 saranno però possibili i ricongiungimenti.
SVIZZERA
2 ore
Greenpeace contro Credit Suisse e UBS sulla protezione del clima: «Solo parole»
L'accusa dell'associazione ambientale riguarda i continui investimenti nell'industria fossile
SVIZZERA
3 ore
Tutto quello che potremo fare dal 6 giugno
Assembramenti fino a 30 persone (dal 30 maggio) e manifestazioni fino a 300 persone saranno autorizzate.
SVIZZERA
4 ore
«Cerchiamo di rinunciare ai viaggi toccata e fuga in aereo»
Il settore turistico si prepara a ripartire. A tu per tu con Martin Nydegger, direttore di Svizzera Turismo
VALLESE
19.02.2019 - 15:560
Aggiornamento : 18:14

Valanga investe gli sciatori sulla pista a Crans-Montana

Secondo il sindaco fra le 10 e le 12 persone sarebbero rimaste sepolte. «C'è una quantità incredibile di neve: 2 metri di spessore per 300 di lunghezza»

CRANS MONTANA - Una valanga ha investito diverse persone su una pista della stazione sciistica vallesana di Crans-Montana. Sul posto sono all'opera i servizi di soccorso, riferisce la polizia cantonale.


foto lettore 20 Minuten

L'ufficio di comunicazione di Crans-Montana ha indicato che la valanga si è staccata «sulla pista Kandahar», a circa 2500 metri d'altitudine. «L'allarme è stato lanciato alle 14:23», ha aggiunto.

I soccorritori sono al lavoro insieme ai cani per cercare di estrarre dalla neve le persone rimaste travolte. Ma le operazioni sono difficoltose e non è possibile stabilire il numero esatto di persone coinvolte. «Ce ne potrebbero essere quindici come nessuna - spiega un soccorritore raggiunto al telefono da Le Nouvelliste -. Le ricerche sono molto difficili. C'è una quantità incredibile di neve: due metri di spessore per 300-400 metri di lunghezza. È una valanga primaverile, molto compatta». La slavina «ha travolto una pista delimitata e nessuno degli sciatori era in possesso di rilevatori di valanghe».


foto lettore 20 Minuten

Secondo il sindaco della località vallesana Nicolas Féraud, citato da Le Nouvelliste, sarebbero fra le dieci e le dodici le persone rimaste sepolte. «Siamo sotto shock e speriamo in un esito positivo per loro», dice.

Militari presenti sul posto per la gara valida per la Coppa del mondo di sci femminile - prevista nel weekend - aiutano a bloccare la pista ed evacuare gli sciatori. Quattro persone sarebbero state estratte dalla massa nevosa, in base a quanto riferito da Le Nouvelliste.

Secondo l'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe, il pericolo di slavine per la regione nella giornata di oggi era al livello 2 su 5.

Dal canto suo la Federazione internazionale di sci (FIS), contattata dall'agenzia Keystone-ATS, ha confermato che l'episodio non avrà conseguenze sullo svolgimento della gara di Coppa del mondo, soprattutto perché la valanga si è staccata in un punto lontano dalla pista prevista per la competizione.

Si continua a cercare - Il soccorritore esperto Bruno Jelk - che ha lavorato a Zermatt per 34 anni - ha spiegato a 20 Minuten che in una situazione simile i soccorsi sono molto difficili in quanto non è possibile stabilire quanti sciatori vi fossero sulla pista quando è scesa la valanga. «Finché non sarà chiaro quanti sono quelli che mancano all'appello, le ricerche andranno avanti senza sosta». L'incertezza, quindi, rende le operazioni ancora più difficili.

«Ci sono possibilità di trovare sopravvissuti?» gli viene domandato. Lui risponde che «le probabilità sono più alte nei primi 15 minuti. Ma ci sono sempre delle eccezioni. Sotto la neve di queste "valanghe primaverili" è possibile riuscire a respirare a lungo».

foto lettore 20 Minuten
Guarda tutte le 13 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-27 18:04:36 | 91.208.130.85