foto lettore 20 Minuten
+ 13
ULTIME NOTIZIE Svizzera
NEUCHÂTEL
1 min
5G, luce verde alla moratoria
Il Gran Consiglio neocastellano ha adottato oggi un'iniziativa cantonale in merito. Per i deputati è necessario uno studio nazionale
SVIZZERA
22 min
Aspirazioni professionali più variegate per i giovani svizzeri
Nonostante l'era digitale i ragazzi continuano a scegliere principalmente professioni affermate
GRIGIONI
28 min
WEF, Trump avvia i colloqui per riformare il Wto
«Organizzazione mondiale del commercio «è stato molto iniquo con gli Stati Uniti per molti, molti anni»
GRIGIONI
37 min
Greenpeace: «Al WEF 1'400 miliardi di dollari per i combustibili fossili»
«Banche, fondi pensione e assicurazioni sono colpevoli per l'emergenza climatica» denuncia il rapporto
VAUD
47 min
Vittoria di Michael Lauber contro l'autorità di sorveglianza dell'MPC
Il Tribunale federale non è entrato in materia sul ricorso
ZURIGO
51 min
Uomo accoltellato davanti ad un cinema, fermati cinque giovani afgani
Il presunto autore è un 16enne. La vittima è stata ricoverata in ospedale
VALLESE
1 ora
Sempione è uno dei borghi più belli della Svizzera
A metà strada tra Domodossola e Briga, è il quinto comune del canton Vallese ad aderire alla rete dei "Borghi più belli della Svizzera"
ZURIGO
1 ora
Una truffa del falso poliziotto che ha dell'incredibile
Un'anziana si è fatta spillare 80mila franchi e, qualche ora dopo, stava cadendo nel medesimo raggiro
SVIZZERA
1 ora
Coronavirus, Berna seguirà le raccomandazioni dell'OMS
Per ora le autorità sanitarie federali e gli aeroporti svizzeri non hanno adottato misure specifiche in merito virus che ha infettato alcune centinaia di persone, soprattutto in Cina
GRIGIONI
3 ore
Trump soddisfatto al WEF: «Fatti grandi progressi»
Il presidente americano elogia l'economia americana e sul tema ambientale precisa: «Questo pessimismo è totalmente ingiustificato»
SVIZZERA
3 ore
Troppe perdite con la Formula E, gli organizzatori falliscono
Il giudice ha dichiarato la bancarotta della società Swiss E-Prix Operations AG il 15 gennaio. Ma è già nata una nuova impresa: la Swiss E-Prix GmbH
VALLESE
19.02.2019 - 15:560
Aggiornamento : 18:14

Valanga investe gli sciatori sulla pista a Crans-Montana

Secondo il sindaco fra le 10 e le 12 persone sarebbero rimaste sepolte. «C'è una quantità incredibile di neve: 2 metri di spessore per 300 di lunghezza»

CRANS MONTANA - Una valanga ha investito diverse persone su una pista della stazione sciistica vallesana di Crans-Montana. Sul posto sono all'opera i servizi di soccorso, riferisce la polizia cantonale.


foto lettore 20 Minuten

L'ufficio di comunicazione di Crans-Montana ha indicato che la valanga si è staccata «sulla pista Kandahar», a circa 2500 metri d'altitudine. «L'allarme è stato lanciato alle 14:23», ha aggiunto.

I soccorritori sono al lavoro insieme ai cani per cercare di estrarre dalla neve le persone rimaste travolte. Ma le operazioni sono difficoltose e non è possibile stabilire il numero esatto di persone coinvolte. «Ce ne potrebbero essere quindici come nessuna - spiega un soccorritore raggiunto al telefono da Le Nouvelliste -. Le ricerche sono molto difficili. C'è una quantità incredibile di neve: due metri di spessore per 300-400 metri di lunghezza. È una valanga primaverile, molto compatta». La slavina «ha travolto una pista delimitata e nessuno degli sciatori era in possesso di rilevatori di valanghe».


foto lettore 20 Minuten

Secondo il sindaco della località vallesana Nicolas Féraud, citato da Le Nouvelliste, sarebbero fra le dieci e le dodici le persone rimaste sepolte. «Siamo sotto shock e speriamo in un esito positivo per loro», dice.

Militari presenti sul posto per la gara valida per la Coppa del mondo di sci femminile - prevista nel weekend - aiutano a bloccare la pista ed evacuare gli sciatori. Quattro persone sarebbero state estratte dalla massa nevosa, in base a quanto riferito da Le Nouvelliste.

Secondo l'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe, il pericolo di slavine per la regione nella giornata di oggi era al livello 2 su 5.

Dal canto suo la Federazione internazionale di sci (FIS), contattata dall'agenzia Keystone-ATS, ha confermato che l'episodio non avrà conseguenze sullo svolgimento della gara di Coppa del mondo, soprattutto perché la valanga si è staccata in un punto lontano dalla pista prevista per la competizione.

Si continua a cercare - Il soccorritore esperto Bruno Jelk - che ha lavorato a Zermatt per 34 anni - ha spiegato a 20 Minuten che in una situazione simile i soccorsi sono molto difficili in quanto non è possibile stabilire quanti sciatori vi fossero sulla pista quando è scesa la valanga. «Finché non sarà chiaro quanti sono quelli che mancano all'appello, le ricerche andranno avanti senza sosta». L'incertezza, quindi, rende le operazioni ancora più difficili.

«Ci sono possibilità di trovare sopravvissuti?» gli viene domandato. Lui risponde che «le probabilità sono più alte nei primi 15 minuti. Ma ci sono sempre delle eccezioni. Sotto la neve di queste "valanghe primaverili" è possibile riuscire a respirare a lungo».

foto lettore 20 Minuten
Guarda tutte le 13 immagini
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-22 14:38:17 | 91.208.130.86